Mercoledì 23 Ottobre 2019 | 09:08

Il Biancorosso

la partita
Il Bari fa indietro tutta: è un punto guadagnato

Il Bari fa indietro tutta: è un punto guadagnato

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaSul Gargano
Vieste, maxi operazione antidroga dei cc, decapitato clan: 15 arresti

Vieste, maxi operazione antidroga dei cc, decapitato clan: 15 arresti

 
BariI disagi
Bari, tornelli al vecchio tribunale: code e attese, protesta avvocati

Bari, tornelli al vecchio tribunale: code e attese, protesta avvocati

 
LecceUN 22enne
Otranto, adesca minorenne sui social e la violenta: in cella

Otranto, adesca minorenne sui social e la violenta: in cella

 
TarantoA 8 giorni dal via
Taranto, il bluff facoltà di Medicina: Rettore Bari dice stop a lezioni

Taranto, il bluff facoltà di Medicina: Rettore Bari dice stop a lezioni

 
BrindisiDanni a impianto
Mesagne, nuova intimidazione a coop che gestisce terreni confiscati

Mesagne, nuova intimidazione a coop che gestisce terreni confiscati

 
BatIl caso
Trani, introduce droga e una spycam in carcere: arrestato agente penitenziario

Trani, introduce droga e una spycam in carcere: arrestato agente penitenziario

 
PotenzaSicurezza in città
Potenza, 20 «occhi elettronici» per contrastare lo spaccio davanti le scuole

Potenza, 20 «occhi elettronici» per contrastare lo spaccio davanti le scuole

 
MateraL'intervista
Matera, Mariolina Venezia svela la «sua» Imma Tataranni

Matera, Mariolina Venezia svela la «sua» Imma Tataranni

 

i più letti

Ilva: picchi di inquinamento e nessuno avvisa i tarantini A Brindisi: anche qui vogliamo i wind days

Ilva: picchi di inquinamento e nessuno avvisa i tarantini A Brindisi: anche qui vogliamo i wind days
TARANTO – "Stamattina per via delle condizioni meteo (vento da nord-ovest, ossia dall’area industriale) gli Ipa alle 7 di mattina hanno superato la soglia di 100 nanogrammi a metro cubo. Nessuno a Taranto avvisa i cittadini sui comportamenti da adottare". E’ quanto denuncia il presidente di Peacelink Alessandro Marescotti precisando che "gli Ipa sono cancerogeni e, secondo Arpa, provengono dall’Ilva per il 99% delle emissioni totali locali. Chiediamo alla Asl di lanciare le allerta Ipa e di creare un sistema di 'Wind Days' per i cittadinì in modo da avvisarli quando si prevedono picchi di aria cancerogena. Basta consultare le previsioni meteo e avvisare la popolazione, non è difficile".

Questo servizio di prevenzione, secondo Marescotti, "servirebbe ai cittadini per effettuare il ricambio dell’aria in casa quando non vi sono i picchi cancerogeni. Il cambio dell’aria in casa è un’operazione importante. Cambiare l’aria durante i momenti di picco significa riempire la casa di aria cancerogena. Non riteniamo completo il sistema dei Wind Days attuale. Tale sistema avvisa solo l’Ilva: vogliamo anche che si avvisino i cittadini".

Nei giorni "critici – conclude l’ambientalista – l'Ilva dovrebbe moderare la produzione delle cokerie. Ovviamente la nostra richiesta finale è quella di eliminare la causa di tutto ciò: occorre fermare l’inquinamento dell’Ilva e avviare una bonifica e riconversione con fondi europei. Ma nel frattempo i cittadini vanno tutelati".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie