Domenica 21 Aprile 2019 | 12:59

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'intervento
Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

 
HomeIl messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 
TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
LecceInchiesta Favori & giustizia
Pm Arnesano resta ai domiciliari: ma farà Pasqua con i suoi

Pm Arnesano resta ai domiciliari: ma farà Pasqua con i suoi

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 

Ilva, i soldi stanno finendo dai sindacati sos al ministro Chiude reparto:136 in solidarietà

Ilva, i soldi stanno finendo dai sindacati sos al ministro Chiude reparto:136 in solidarietà
TARANTO - «Un incontro urgente in merito sia alla situazione economica e industriale che alla situazione occupazionale del gruppo Ilva in amministrazione straordinaria visto il perdurare delle difficoltà economiche che si stanno ripercuotendo sui carichi di lavoro e gli approvvigionamenti, principalmente nel sito tarantino con inevitabili ripercussioni negative su tutti gli stabilimenti del gruppo». E’ la richiesta che i segretari nazionali e coordinatori nazionali della siderurgia di Fim Cisl (Pasotti), Fiom Cgil (Rappa e Faticanti) e Uilm Uil (Ghini e Gambardella) hanno inviato al Governo e all’Ilva. Destinatari della richiesta sono il ministro dello Sviluppo, Guidi, il responsabile del settore vertenze e crisi dello stesso ministero, Castano, nonchè i tre commissari dell’Ilva, Gnudi, Carrubba e Laghi, e il direttore centrale del personale, Ranieri.

Ilva di nuovo in affanno finanziario, dunque, segnalano i sindacati metalmeccanici. E analogo rilievo aveva fatto lo scorso 24 settembre, al Consiglio generale di Confindustria, anche il presidente di Confindustria Taranto, Vincenzo Cesareo, sottolineando i problemi pesanti che sta vivendo l’indotto. E sul problema interviene anche il segretario della Uilm di Taranto, Antonio Talò, per dire «che il Governo deve fare di più e in fretta e adesso mi sembra il momento giusto. Chiederemo un incontro urgente direttamente a Palazzo Chigi - dice Talò - per stringere sull’Ilva prima che sia troppo tardi convinti che il futuro di Taranto dipende molto da questo». Per la Uilm, «un’Ilva innovata e risanata diventerà anche il motore di propulsione anche per altre situazioni stagnanti (porto e Arsenale) e sopratutto per un indotto che ormai è oltre la soglia della sofferenza con aziende che continuano a chiudere ed ammortizzatori sociali in esaurimento per i lavoratori. Taranto è ormai seduta su una polveriera e dal Tavolo istituzionale - rileva Talò - arrivano risposte ed interventi che riteniamo anche importanti ma crediamo che possano essere la cornice del quadro. Invece - afferma Talò - essenziale sarà pretendere risorse per conservare e migliorare l’esistente (Arsenale, porto, Teleperformance etc). Ecco il temine giusto è pretendere dopo quanto detto, tanto, e quanto fatto, poco. Senza risposte concrete e subito - conclude Talò - crediamo che serva una mobilitazione di tutte le categorie ed istituzioni».

L’sos della Uilm si aggiunge alla nuova fermata di impianti: si tratta dei rivestimenti dove da domani altri 136 lavoratori andranno in contratto di solidarietá. Inattivi dunque. «Sinora - dichiara Vincenzo Castronuovo della Fim Cisl Taranto - il personale dei rivestimenti ha lavorato su tubi giá prodotti. La loro funzione é infatti quella di rivestirli. Ma adesso che questo lavoro si é concluso, non c'é altra attivitá da fare. Non ci sono commesse da realizzare e i tubifici 1, 2 ed Erw sono fermi per totale assenza di lavoro. I rivestimenti seguono quindi a ruota la sorte dei tubifici». «Purtroppo - conclude Castronuovo - all'Ilva sta diventando una consuetudine. Gli impianti funzionano sin quando c'é lavoro, dopodiché stop, e questo conferma ulteriormente il momento difficile che vive l'Ilva».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400