Mercoledì 20 Gennaio 2021 | 19:24

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

 

NEWS DALLE PROVINCE

Bariemergenza coronavirus
Bitonto, focolaio Covid in cento anziani: positivi 3 educatori e una decina di ospiti

Bitonto, focolaio Covid in centro anziani: positivi 3 educatori e una decina di ospiti

 
FoggiaControlli dei CC
Foggia, a spasso con la cocaina nell'auto: arrestato 34enne incensurato

Foggia, a spasso con la cocaina nell'auto: arrestato 34enne incensurato

 
LecceL'ente fallito
Novoli, la Focara affossata dai debiti: i creditori avanzano oltre un milione

Novoli, la Focara affossata dai debiti: i creditori avanzano oltre un milione

 
Batsanità
Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

 
Potenzala richiesta
Fca fa spazio a Stellantis, Confindustria Basilicata: «Stabilimento Melfi sia centrale»

Fca fa spazio a Stellantis, Confindustria Basilicata: «Stabilimento Melfi sia centrale»

 
Covid news h 24L'annuncio
Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hib vaccinale

Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hub vaccinale

 
TarantoIndagini della Poltel
Taranto, pedopornografia: 45enne trovato in possesso di 13mila «file» proibiti

Taranto, pedopornografia: 45enne trovato in possesso di 13mila «file» proibiti

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 

i più letti

Fiom: con sequestro dell'altoforno 2 l'Ilva rischia la paralisi

Fiom: con sequestro dell'altoforno 2 l'Ilva rischia la paralisi
TARANTO – "La presenza di un solo altoforno in marcia non garantisce le condizioni ottimali di sicurezza, per cui non si esclude la necessità della fermata complessiva della produzione". Lo sottolinea Vincenzo Castronuovo della Fim Cisl di Taranto dopo l’incontro tra azienda e sindacati avvenuto all’indomani del sequestro senza facoltà d’uso dell’altoforno 2, reparto in cui è avvenuto l’incidente costato la vita al 35enne Alessandro Morricella. 
Con il fermo dell’Afo2, l’Ilva marcia con un solo altoforno, il numero 4, mentre l’Afo5 (il più grande d’Europa) e l’Afo1 sono in manutenzione nell’ambito dei lavori previsti dall’Autorizzazione integrata ambientale.
All’incontro hanno partecipato in rappresentanza dell’azienda il responsabile delle relazioni industriali, Cosimo Liurgo, e il direttore centrale Risorse umane, Cesare Ranieri.

“L'azienda – ha riferito Castronuovo – è in contatto con il ministero del Lavoro per valutare le ricadute in termini di ammortizzatori sociali qualora si arrivasse in maniera definitiva alla fermata dell’Afo2”. “I dubbi sulla marcia con un solo altoforno – aggiunge il sindacalista – sono tanti. Si resta in attesa dei risultati sui dispositivi di sicurezza e sugli accertamenti circa la dinamica degli eventi”.   “La Fim – osserva ancora Castronuovo – chiede che lo sforzo maggiore venga fatto verso l’accertamento delle verità piuttosto che altri obiettivi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie