Giovedì 21 Gennaio 2021 | 19:18

Il Biancorosso

Serie C
Bari, ufficializzati due nuovi ingaggi: Rolando e Sarzi Puttini

Bari, ufficializzati due nuovi ingaggi: Rolando e Sarzi Puttini

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariEmergenza contagi
Bitonto, focolaio Covid a Villa Giovanni XXIII: 110 positivi tra anziani e operatori

Bitonto, focolaio Covid a Villa Giovanni XXIII: 110 positivi tra anziani e operatori

 
Potenzaeconomia
Tavares in Basilicata, riconosciuta centralità dello stabilimenti di Melfi nel nuovo gruppo Stellantis

Tavares (Stellantis) in Basilicata: confermati investimenti e posti di lavoro. Riconosciuta centralità stabilimento Melfi

 
Tarantoil progetto
Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

 
FoggiaL'accaduto
Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

 
BrindisiL'intervista
Gli antifascisti e i comunisti nella provincia di Brindisi: processi, confino, democrazia

Gli antifascisti e i comunisti nella provincia di Brindisi: processi, confino, democrazia

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
MateraIl caso
Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

 
LecceLe dichiarazioni
Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

 

i più letti

Operaio morto all’Ilva si allarga l’indagine

Operaio morto all’Ilva si allarga l’indagine
di Mimmo Mazza

TARANTO - Torneranno stamattina negli uffici dello stabilimento siderurgico Ilva i funzionari dello Spesal e i carabinieri del comando provinciale delegati dal procuratore Franco Sebastio e dal sostituto Antonella De Luca a indagare sull’incidente sul lavoro che è costato la vita all’operaio Alessandro Morricella, morto venerdì pomeriggio al Policlinico di Bari dopo 4 giorni di agonia. I reati ipotizzati, stando a quanto si è appreso, sono omicidio colposo e inosservanza delle disposizioni per la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. La Procura disporrà l’autopsia sul corpo del povero Alessandro ma per poterlo fare attende dalla polizia giudiziaria che sia completato l’elenco delle persone a cui inviare l’avviso riguardante l’accertamento tecnico irripetibile. Nell’immediatezza dell’infortunio, furono 4 le persone iscritte nel registro degli indagati per lesioni personali gravissime. Il numero delle persone coinvolte nelle indagini ora sembra destinato ad aumentare considerevolmente in quanto gli inquirenti intendono risalire tutta la catena di comando della vittima, un lavoro per il quale sarà necessario accedere agli uffici dell’Ilva, verificare incarichi e deleghe operative di una azienda che, trovandosi in ammistrazione straordinaria, ha una gerarchia non proprio lineare e che si trova per la prima volta, da quando la gestione è di fatto emanazione del Governo, a fare i conti con un infortunio mortale.

Il 34enne operaio originario di Martina Franca, lunedì scorso attorno alle 19 stava lavorando nel reparto Altoforno 2. Si è avvicinato, munito degli indumenti in dotazione, al punto di colata per misurare la temperatura della ghisa quando all’improvviso è stato raggiunto da uno schizzo di materiale incandescente. Alessandro Morricella è diventato una torcia umana, ha cercato riparo dietro una colonna ma fino a quando è stato soccorso, ha riportato ustioni del secondo e terzo grado sul 90% del corpo. Le sue condizioni sono apparse immediatamente disperate. Con l’ambulanza dello stabilimento è stato trasportato all’ospedale «Santissima Annunziata» da dove è stato poi trasferito al policlinico di Bari. Le cure dei medici del nosocomio barese si sono purtroppo rivelate inutili: Alessandro ha smesso di respirare venerdì pomeriggio alle 15.

L’operaio lascia la moglie, due bambine di 6 e 2 anni e un bel ricordo in chi lo aveva conosciuto. Con la maglia numero 17 Football Five Locorotondo si era fatto apprezzare nel campionato di calcio a 5, sport con il quale alcuni anni aveva anche sfiorato la serie A.

I funerali si svolgeranno al termine dell’autopsia, prevedibilmente a metà della prossima settimana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie