Martedì 27 Settembre 2022 | 00:51

In Puglia e Basilicata

ELEZIONI POLITICHE 2022

Centrodestra

43,79%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

26,13%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,79%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,43%

Movimento 5 Stelle

Centrodestra

44,02%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

25,99%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,74%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,55%

Movimento 5 Stelle

 

Storia

Regina Elisabetta, c’è la «biografia» della sovrana nell’archivio della «Gazzetta»

Regina Elisabetta, c’è la «biografia» della sovrana nell’archivio della «Gazzetta»

Dal trionfo politico di Parigi, all’appendicite acuta del 13enne Carlo

10 Settembre 2022

Marisa Ingrosso

Nell’archivio della «Gazzetta» c’è un tesoro. La lunga esistenza della regina Elisabetta II è riportata in grani di cronaca che, visti nel loro insieme, raccontano una storia, raccontano la Storia. Pagine che (consultabili anche online dal sito del giornale Lagazzettadelmezzogiorno.it) riescono a rendere meglio di qualunque biografia il ritratto autentico della donna e della regnante, grazie al magnifico lavoro fatto dai corrispondenti dalle più importanti capitali del mondo. Sono così cristallizzati fatti intimi e notevoli, come il suo primo viaggio ufficiale dai “fraterni nemici” francesi. Era il 10 aprile 1957, lei era regina da meno di quattro anni. Nello stesso istante in cui mise piede oltre Manica, una missione diplomatica britannica depose una corona sulla tomba di Germanie Coty, la moglie del presidente francese, morta solo l’anno prima. La regina Elisabetta tenne un discorso al Municipio di Parigi, alla presenza del presidente francese René Coty e poi partecipò al ricevimento in suo onore all’Eliseo. Sotto la corona scintillante e austera, spiccava l’abito bianco che indossava e ornato di piccoli fiori, fiori di campo francesi. Quando lei dovette prendere la parola, i 250 invitati non sapevano se stare in piedi o seduti. L’imbarazzo si diffuse in sala. Lei allora disse una frase che li conquistò tutti: «Je vous en prie, asseyez-vous» («Accomodatevi»). Così, in francese. Inutile dire che quella giornata fu un trionfo e «La Gazzetta del Mezzogiorno», citando la stampa d’Oltralpe titolò: «Elisabetta conquista i francesi, Parigi s’è scelta una Regina».

Ma oltre alla dimensione politica e globale della sua esistenza, il vostro/nostro quotidiano è stato sempre affettuosamente vicino alla sovrana...

LEGGI IL RESTO DELL'ARTICOLO SULLA NOSTRA DIGITAL EDITION E SUL CARTACEO

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725