Mercoledì 27 Gennaio 2021 | 08:06

NEWS DALLA SEZIONE

Cronache del distanziamento
Una «Tuta blu» piena di ricordi

Una «Tuta blu» piena di ricordi

 
il racconto
Se Dante «abbraccia» la Puglia

Se Dante «abbraccia» la Puglia

 
Cronache del distanziamento
«Cara Anne Frank sono il tuo Peter»

«Cara Anne Frank sono il tuo Peter»

 
Il racconto
L'abbraccio più lungo della vita

L'abbraccio più lungo della vita

 
Il racconto
Volo e focolare, evviva la Befana

Volo e focolare, evviva la Befana

 
il racconto
Ma «se Parigi tenesse lu mare»?

Ma «se Parigi tenesse lu mare»?

 
Il racconto
Più vicini di sempre, grazie virus

Più vicini di sempre, grazie virus

 
Il racconto
Noi ragazzi abbiamo brevi sogni

Noi ragazzi abbiamo brevi sogni

 
Il racconto
Rocco e Amelia, parole sul mare

Rocco e Amelia, parole sul mare

 
il racconto
L’avventura con «Tommaso blu»

L’avventura con «Tommaso blu»

 
Il racconto
Ma quanto è bella la vecchiaia...

Ma quanto è bella la vecchiaia...

 

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiIl caso
Brindisi, prende padellata in testa dalla compagna: scatena un putiferio al Perrino

Brindisi, prende padellata in testa dalla compagna: scatena un putiferio al Perrino

 
BariL'inchiesta
Popolare Bari, slitta a marzo nuovo processo per Gianluca Jacobini e altri 2 dirigenti

Popolare Bari, slitta a marzo nuovo processo per Gianluca Jacobini e altri 2 dirigenti

 
Foggiatragedia
Orta Nova, donna morta in casa: si pensa ad un omicidio

Orta Nova, donna di 48 anni accoltellata in casa alla gola: sospetti su un 46enne.
A dare l'allarme alcuni vicini Ft

 
Potenzaemergenza Covid
Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

 
LecceIl caso
Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

 
BatL'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
MateraIl caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 

il racconto

La parola d’amore come vita

La storia di David, bello come il sole. Il bacio, i silenzi

La parola d’amore come vita

«Amor che nella mente mi ragiona»

«Amor che ne la mente mi ragiona». Rebecca leggeva e rileggeva il Convivio. Amava Dante e ogni parola scritta dal divino Poeta sull’amore. I suoi giorni trascorrevano lenti in attesa della notte quando “il silenzio volge in parola” e questa diviene sogno. Si abbandonava tra le braccia di Morfeo con l’innocenza di una bimba per poter incontrare le persone che amava.

Da sola con i suoi desideri ardenti di felicità alla lampada del fior di lumino ascoltava il profondo del cuore. Non aveva molte occasioni per incontrare un amore , quello da sempre fortemente desiderato.

A tratti era colta da noia e una sorta di desolazione . Non la comprendeva nessuno: era come se parlasse un altro linguaggio, come se venisse da un altro pianeta. Rebecca credeva nella totalità dell’amore ma non riusciva a incontrare la pienezza di questo sentimento. In un’epoca del virtuale si sentiva davvero fuori posto: si chiedeva più volte se si potesse parlar d’amore senza svilirlo o in qualche modo non rispettare la dignità dell’amore. L’amore, ripeteva a se stessa nei lunghi pomeriggi d’inverno è misterioso e “ le diverse realtà insieme confonde “ . Le sembrava di aver intravisto a teatro qualche volta un giovane che la guardava . I loro sguardi si erano incontrati e aveva avuto la sensazione di un certo interesse. Ma tutto era finito lì come tutti i pensieri d’ amore ai tempi dell’innocenza. Un giorno per caso fu invitata ad una di quelle noiose cene della cosiddetta «città che conta» e quasi per inerzia, non avendo in quel giorno molte cose da fare, decise di partecipare. E fu così che per Rebecca ebbe inizio una lunga storia d’amore . Difficile ma per lei vera e intensa.

Difficile per lei che credeva nell’ assoluto , nella sublimazione di istinti e pulsioni. E così spesso si chiedeva con W.H.Auden «la verità vi prego sull’amore Ditemi la verità, Vi prego, sull’amore».

Era assorta spesso nei suoi pensieri ricordando con amarezza le violenze subite a causa del suo rigore etico: qualcuno le aveva messo anche le mani alla gola per non farla respirare più, oppure la umiliavano per il suo candore. D’altra parte era una Congregata mariana con relative promesse, la qualcosa in tempi così slabbrati del mondo virtuale in cui il sesso aveva ghettizzato l’amore aveva il sapore del puro anacronismo se non di inibizioni. Rebecca cominciò a frequentare questo giovane dal nome emblematico, David ,che a lei sembrava più bello del sole. Lui sempre premuroso: non un sentimento fugace, no. Ma le attrazioni amorose, si sa, sono tante e dunque la riflessione era d’obbligo. E l’invidia delle amiche o pseudo tali, della costellazione parentale di entrambe le famiglie cresceva: «Non sa cucinare, come farai?» o «Che te ne fai di una così?» e «Ci sono tante belle ragazze, proprio lei dovevi incontrare?», «E quale la sua famiglia di origine» ? Pochi comprendevano Rebecca che si donava senza mai chieder nulla in cambio.

Una sera, dopo mesi di frequentazione pìù o meno assidua da amici fedeli, David la baciò appassionatamente durante la processione del Venerdì Santo: Rebecca si sentì svenire per la prima volta nella sua vita. Un suo amico del cuore degli anni della giovinezza non aveva mai osato: egli, Giovanni, le diceva sempre che i bei fiori non si toccano, si ammirano soltanto. Giovanni l’aveva amata tanto, di un amore platonico. Quel bacio la travolse ma non solo per quella sera . E’ vero che il Fato è superiore agli dèi. Quel giovane così splendente divenne subito oggetto di attenzione da parte di tante belle «signore» del bel mondo che tentavano di ferire la sua giovane innamorata. E Rebecca si ritrovò ad essere scostante tanto da sembrare altera e superba, ma le prove da superare divennero tantissime e complesse, ardue, crudeli, terribili, tanto da pensare di lasciar perdere nella realtà tutto e continuare a vivere nel sogno.

Ma David era tenace se pur abbastanza riservato nel chiarire al mondo la realtà del suo sentimento. Si sposarono con tutti i crismi e una festa da mille e una notte. Rebecca dentro di sé sempre rifletteva sugli incontri del destino e una notte sognò di giungere in una radura remota del cielo più buio dove le stelle splendevano a miriadi quali lucciole nel bosco . Smarrita nell’universo vide una porta di pietra aprirsi dinanzi a se’: una grande mela di rosso rubino le apparve . Lo stupore la colse e nel sogno aggirò la mela per ritrovarsi nel deserto illuminato dalle luci dell’aurora : una tenda e lei bambina che giocava con altri bambini allegri e gioiosi ignari delle perfidie di cui si nutrono molti esseri umani. Aveva un altro nome ma simile a quello attuale: il padre era bello e ieratico, carismatico. Lei ne innamorata persa . E poi si ritrovò vestita di bianco alla fonte zampillante del deserto: d’improvviso nel sogno giunse un guerriero che la rapì e la fece sua schiava. Rebecca si svegliò improvvisamente con il cuore che le batteva forte. La sua sete di libertà le cantava nell’anima da sempre: amore si coniuga con libertà, che in sé nasconde il desiderio . E nella mente di Rebecca c’era il desiderio di felicità, di ritrovare l’antica fonte della felicità, quel sentimento di perdersi l’uno nell’altro per poi ritrovarsi . Amore che viene generato dall’incontro tra esseri umani e tra questi e la natura tutta.

Un amore che la generatività della parola comunica al mondo. La mela di rubino del sogno rappresentava per Rebecca l’amore per la conoscenza, la «parola d’amore» quale epifania, essere al mondo, essere vivi nella continuità della storia mentre disvelava al suo cuore un antico dolore e la invitava a ritrovare speranze all’apparenza smarrite per sempre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie