Martedì 26 Gennaio 2021 | 04:33

NEWS DALLA SEZIONE

il racconto
Se Dante «abbraccia» la Puglia

Se Dante «abbraccia» la Puglia

 
Cronache del distanziamento
«Cara Anne Frank sono il tuo Peter»

«Cara Anne Frank sono il tuo Peter»

 
Il racconto
L'abbraccio più lungo della vita

L'abbraccio più lungo della vita

 
Il racconto
Volo e focolare, evviva la Befana

Volo e focolare, evviva la Befana

 
il racconto
Ma «se Parigi tenesse lu mare»?

Ma «se Parigi tenesse lu mare»?

 
Il racconto
Più vicini di sempre, grazie virus

Più vicini di sempre, grazie virus

 
Il racconto
Noi ragazzi abbiamo brevi sogni

Noi ragazzi abbiamo brevi sogni

 
Il racconto
Rocco e Amelia, parole sul mare

Rocco e Amelia, parole sul mare

 
il racconto
L’avventura con «Tommaso blu»

L’avventura con «Tommaso blu»

 
Il racconto
Ma quanto è bella la vecchiaia...

Ma quanto è bella la vecchiaia...

 
Il racconto
La domanda del mandarino

La domanda del mandarino

 

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccela polemica
Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

 
Tarantopiano industriale
Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

 
Homela tragedia
Bari, bambino di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipoitizza suicidio

Bari, bimbo di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipotizza suicidio. Gioco online? «Non sappiamo»

 
FoggiaLa decisione
Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

 
Potenzamaltempo
Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

 
Materanel Materano
Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

 
Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 

i più letti

Il racconto

Sguardi dietro la mascherina

Sguardi dietro la mascherina

Da noi l’estate finisce a novembre, sappiamo bene come va a finire, caldo senza fine, con i sacchetti dei maglioni ancora sugli scaffali più alti dell’armadio e mezzo gelato dell’estate ancora nel freezer.
Enza esce di casa per andare al lavoro, fa le pulizie negli uffici quando tutti sono andati via , indossa una divisa blu, guanti di lattice e pulisce le stanze, le scrivanie, i pavimenti , i monitor. Il suo non è un lavoro fisso, lavora part time per una cooperativa. Spazza il pavimenti in un silenzio tombale, solo il fruscìo della scopa e il rumore dello straccio strizzato. Il rumore più forte, lo sciabordio dell’acqua quando nel secchio ci immerge il mocho per lavare i pavimenti.
Le ronzano nella testa canzoni, piccoli refrain di pubblicità di quando era bambina, o profumi. Quello sentito dai tester nella profumeria sotto casa, un profumo maschile ma molto fruttato. Finito di lavare, in attesa che finiscano le sei ore e quaranta, Enza siede sudata ad una delle scrivanie, facendo attenzione a non lasciare impronte con le pantofole di plastica
Sulle scrivanie non c’è molto da vedere, chi ci lavora nasconde tutto nei cassetti che chiude a chiave, c’è solo l’odore al muschio bianco del detergente all’ammoniaca che lei usa passando lo straccio umido su un monitor in cui si specchia. Rumori di chiavi, passi veloci, non si alza perché non saprebbe cosa fare, visto che ha la scopa e lo straccio lontani.
Resta lì, immobile, con lo sguardo basso. Entra un uomo, con la mascherina chirurgica fin sul naso. Ah la mascherina! Di solito la dimentica ma la tiene appallottolata in una tasca del camice. La indossa anche lei coprendo il naso, lui entra nel piccolo ufficio, la trova seduta, ma non le dice nulla. Apre uno dei cassetti mentre lei sposta una gamba. Si abbassa di qualche centimetro e i capelli di Enza gli sfiorano gli occhi, le dita della mano che tengono le chiavi, prese dal fondo del cassetto, con uno scatto si aprono e cadono, rimanendo penzoloni nell’asola dell’ultimo bottone.
Restano immobili. Enza prende le chiavi in bilico sull’asola. Il camice si apre sul petto. Ha una pelle bianchissima con un piccolo neo perfettamente tondo e nero, in alto sul seno destro. Prendendo le chiavi dalla scollatura si abbassa e il suo collo lungo si mostra come una chiglia di una barca in un mare in tempesta. I capelli sono castani, folti, lucidi tenuti da un pinzone rosso, solleva la testa lentamente, lentamente, lentamente fino a portarla indietro e a guardarlo negli occhi, mentre il collo e la parte alta del petto sono in tensione, il bottone sembra cedere e uscire dall’asola.
«Mi scusi, non la volevo disturbare, ma ho dimenticato le chiavi»
Enza si alza, lo guarda negli occhi. Perché chiede scusa, è impazzito, io sono la donna delle pulizie, pensa. Lui ha gli occhi verdi, un verde incomprensibile, quel verde indeciso tra il giallo e il marrone e tante venature di un verde più scuro, come quello delle bottiglie. I capelli sono scuri e non ne ha nemmeno uno bianco, anche se dagli atteggiamenti non sembra tanto giovane.
Lui la fissa, non riesce a dire altro, abbagliato dagli occhi di lei azzurri, grandi, fatti di una sola luce con le sopracciglia perfettamente disegnate e la fronte spaziosa. Lui si solleva la mascherina fin sul naso, saluta e corre via. Enza si toglie la mascherina e corre a vestirsi. È finito il suo turno di lavoro.
Lascia il secchio e il mocho nello stanzino, entra nell’ufficio dove ha lasciato il giubbotto di jeans e la borsa, si veste, volta lo sguardo. Sulla scrivania un mazzo di chiavi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie