Martedì 24 Novembre 2020 | 02:43

NEWS DALLA SEZIONE

il racconto
Quel troppo amore per i figli

Quel troppo amore per i figli

 
Il racconto
Un amore nato in mascherina

Un amore nato in mascherina

 
Il racconto
«Quel minuto in più da non perdere»

«Quel minuto in più da non perdere»

 
Il racconto
I ribelli in piedi... per vedere la luna

I ribelli in piedi... per vedere la luna

 
Il racconto
Il piccolo grande mondo in classe

Il piccolo grande mondo in classe

 
il racconto
Io e Facebook, amici virtuali e reali

Io e Facebook, amici virtuali e reali

 
La rubrica
Un sogno di «vino» che è divino

Un sogno di «vino» che è divino

 
il racconto
La parola d’amore come vita

La parola d’amore come vita

 
il racconto
Il mondo che fu, visto da un vecchio

Il mondo che fu, visto da un vecchio

 
La rubrica
Buongiorno, signore elegante

Buongiorno, signore elegante

 
il racconto
La storia della principessa Shen-Tzu

La storia della principessa Shen-Tzu

 

Il Biancorosso

SERIE C
Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Covid 19, positiva addetta ai pasti: chiusa scuola dell'infanzia a Lecce

Covid 19, positiva addetta ai pasti: chiusa scuola dell'infanzia a Lecce

 
BariIl caso
Covid, rientra l'allarme in casa di riposo ad Alberobello: ora solo 1 positivo

Covid, rientra l'allarme in casa di riposo ad Alberobello: ora solo 1 positivo

 
FoggiaIl caso
Sparatoria in un quartiere popolare di Foggia: un ferito

Sparatoria in un quartiere popolare di Foggia: un ferito FOTO

 
TarantoL'evento
Vela, sarà Taranto a ospitare la prima tappa europea della SailGP 2021

Vela, sarà Taranto a ospitare la prima tappa europea della SailGP 2021

 
BatA Barletta
Natale al tempo del Covid 19, Boccia: «Con 700 morti al giorno è fuori luogo parlare di cenoni»

Natale col Covid, Boccia: «Con 700 morti al giorno fuori luogo parlare di cenoni. Aree provinciali? Non cambia»

 
PotenzaIl caso
Potenza, i pilomat «vandalizzati» costano cari al Comune

Potenza, i pilomat «vandalizzati» costano cari al Comune

 
BrindisiVita amministrativa
Brindisi, bufera al Comune: sul bilancio Forza Itala e il Pd ai ferri corti

Brindisi, bufera al Comune: sul bilancio Forza Itala e il Pd ai ferri corti

 
Potenzadati regionali
Covid in Basilicata, 281 nuovi positivi su circa 2mila test durante il week end e altri 4 decessiA Matera tamponi drive in con la Marina

Covid Basilicata, + 281 positivi su circa 2mila test durante week end e + 4 decessi. A Matera tamponi drive in con la Marina

 

i più letti

Il racconto

La seconda vita di un suggeritore

Francesco Scotto: dalla buca del teatro al palcoscenico della vita, a tutti serve la battuta giusta

La seconda vita di un suggeritore

«Quando il tuo mestiere cessa di esistere anche la tua vita perde di significato: tutta la passione, tutta la fatica, tutto il tempo investiti in quel lavoro diventano brandelli di ricordi destinati a essere svenduti su una bancarella dell’usato. Se già ora hai la sensazione di essere un sopravvissuto, tra qualche tempo sarai solo un reperto archeologico che sarà analizzato con curiosità e stupore».

Inseguivo questo ragionamento mentre camminavo soprappensiero nel giardino pubblico schivando bambini schiamazzanti, monopattini che sfrecciavano, colombi che scendevano in picchiata: un mondo estraneo e vagamente ostile che sembrava volermi annientare con la sua rumorosa aggressività.
Ero stato un suggeritore d’arte, quelle figure che nel teatro di una volta alloggiavano nella buca del proscenio, resi invisibili da una cupola che li proteggeva come una placenta. Da quel vuoto emergevo a mezzobusto col copione alla mano, suggerendo, senza farmi ascoltare dal pubblico – questa era la vera arte! – le battute ad attori con vuoti di memoria o che non possedevano bene la parte.

Da quella postazione privilegiata, riuscivo anche a cogliere quello che difficilmente gli spettatori avrebbero potuto vedere: un teatro recitato con i piedi. Scarpe che s’incrociavano evitando involontari o premeditati sgambetti, vertiginosi tacchi a spillo alla conquista di una posizione di primo piano, passi che si trascinavano stancamente auspicando una rapida fine della rappresentazione.
Dalla buca la mia voce saliva leggera verso l’attore che annaspava dandogli lo spunto della battuta in sospeso: bastava rammentare un avverbio, una particella, un’esclamazione perché le parole scritte dall’autore riprendessero fluidamente e il dialogo proseguisse secondo la corretta impostazione.
Questi ricordi, con la loro intensità dolceamara, cominciarono dopo un po’ a rendermi difficoltoso il respiro, per cui avvertii il bisogno di riposare su una panchina. 

Avevo appena ricominciato a prendere fiato quando una coppia di giovanissimi si sedette vicino, ignorandomi, completamente presi com’erano dalle loro schermaglie amorose.
La ragazza abbracciava il suo innamorato ricoprendolo di baci e di espressioni affettuose; lui, pur avendo lo stesso trasporto, non pronunciava alcuna parola: un silenzio forse dovuto a incapacità di esprimersi o a un sentirsi inadeguato alla sua amata.
Avvertendo la sua difficoltà, per me fu tutt’uno suggerirgli in un soffio la battuta di Romeo: «D’ora in poi chiamami ‘Amore’ e questo sarà il mio unico nome». Il ragazzo la ripetette come un automa, senza sapere da dove quelle parole gli arrivassero: la ragazza sgranò gli occhi, scoppiò a ridere e lo strinse ancora più forte tra le braccia.

Io mi allontanai con discrezione, mentre realizzavo di possedere un immenso repertorio da poter trasmettere a chi si trovasse in difficoltà. In quel momento iniziò la mia seconda vita di suggeritore: quotidianamente mi recavo nel parco prestando attenzione, senza essere visto, a chi potessi dare in prestito le parole che conoscevo a memoria.
Un giorno feci tornare il sorriso sul volto di un ragazzo che cantava, accompagnandosi con la chitarra, tra l’indifferenza della gente; gli sussurrai allontanandomi in fretta: «Il pazzo, l’amante e il poeta non sono composti che di fantasia».
Ma il successo più bello lo riscossi con i bambini. Ogni pomeriggio arrivavo con un vecchio copione sottobraccio e, dopo essermi accomodato sempre sulla stessa panchina, lo aprivo e cominciavo a leggere sottovoce.
Dopo una diffidenza iniziale – a qualcuno sembravo un vecchio un po’ spostato – incominciò a raccogliersi intorno a me una folla di piccoli spettatori, catturati da quelle strane storie che interpretavo simulando le voci dei vari personaggi.
Alla fine di quelle recite ritornavo a casa, provando una leggerezza mai sentita prima, associata alla speranza che un giorno, quando quella panchina sarebbe rimasta vuota, quel potenziale pubblico si sarebbe recato in un teatro vero ad ascoltare altre storie.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie