Venerdì 12 Agosto 2022 | 19:48

In Puglia e Basilicata

Il bollettino regionale

Covid in Puglia: 3 morti e 3.654 casi, il 20,4% dei test. Calano i contagi nel Barese. Vaccini: 20 centri aperti ad agosto

Covid, in Puglia il tasso di test positivi è quasi del 23%

Torna l'emergenza Covid in Puglia (foto Tony Vece)

Attualmente positive 63.952 persone, 19 in terapia intensiva

29 Luglio 2022

Redazione online

BARI - Sono 3.654 i nuovi casi di positività al Covid rilevati in Puglia su 17.906 test, con una incidenza del 20, 4%. Le vittime sono tre. Il numero di casi maggiori in provincia di Bari (994), poi Lecce (816), Taranto (650), Foggia (477). In provincia di Brindisi sono stati rilevati 367 casi, nella Bat 252. I positivi residenti fuori regione sono 80 e 18 quelli per cui non è stata ancora definita la provincia di provenienza. Le persone attualmente positive sono 63.952, delle quali 487 (ieri 488) sono ricoverate in area non critica e 19 in terapia intensiva (ieri 20).

Calano invece i nuovi contagi Covid-19 nel Barese ma restano ancora alti i numeri: secondo il report settimanale dell’Asl Bari, dal 18 al 24 luglio, il tasso d’incidenza settimanale è tornato a scendere. Nel dettaglio, sono state registrate 11.333 nuove positività, con un tasso settimanale pari a 921,2 ogni 100mila abitanti, inferiore del 26,6% rispetto al dato precedente di 1.255,9 (15.450 casi). L'arretramento dei contagi riguarda sostanzialmente tutti i 41 comuni del territorio provinciale. Solo a Bari città sono stati 2.833 i nuovi contagi contro i 3.960 di sette giorni prima.

Per arrivare all’autunno con una buona copertura con quarta dose tra gli over 60, anche ad agosto l'Asl Bari manterrà aperti i 20 punti vaccinali tra hub di popolazione e uffici del Servizio igiene. Nell’ultima settimana sono state somministrate 7.175 quarte dosi nella provincia di Bari, in tutto sono 45.500 gli over 60 che si sono sottoposti all’inoculazione. Sino ad oggi sono state garantite alla popolazione 3 milioni e 85.831 vaccini, suddivisi tra 1 milione e 123.064 prime dosi, 1 milione e 87.862 seconde, 829.405 terze e 45.500 quarte dosi. La copertura con terza dose «booster» è attestata all’80% della popolazione over 12 che abbia completato il ciclo primario almeno quattro mesi fa.

«La Regione Puglia ha voluto lasciare la possibilità di eseguire i test antigenici gratuiti in farmacia per l’accertamento di guarigione dal Covid, per non togliere ai cittadini questo importante riferimento di prossimità. Non in tutta Italia è data questa possibilità e questo è un primo fatto da sottolineare. Inoltre, differentemente da quanto scritto da alcuni esponenti di una forza politica di opposizione, commissario e vice commissario regionali del partito, non è affatto vero che la Regione sia inadempiente nei confronti delle farmacie, perché le Asl stanno progressivamente provvedendo all’erogazione delle somme corrispondenti». Così l’assessore regionale alla Sanità, Rocco Palese, replica a Forza Italia che oggi ha sostenuto che le farmacie pugliesi attendono il pagamento di 10 milioni di euro per i test effettuati. «I tempi di liquidazione dei pagamenti rendicontabili - spiega Palese - sono connessi alle procedure di verifica da parte delle Asl. Si coglie l’occasione per ribadire il ruolo delle farmacie nel contrasto al Covid e il rapporto di collaborazione in essere con la Regione, rapporto di recente rinnovato anche con riferimento alla somministrazione della quarta dose del vaccino».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725