Sabato 12 Giugno 2021 | 13:51

NEWS DALLA SEZIONE

l'allarme
Bari, «In troppi già vaccinati ma ancora senza anticorpi»

Covid 19, «In troppi già vaccinati ma ancora senza anticorpi»

 
Lotta al virus
Vaccini, in Basilicata 11 mila richiami AstraZeneca da convertire. Bardi: «Adesso serve chiarezza»

Vaccini, in Basilicata 11 mila richiami AstraZeneca da convertire. Bardi: «Adesso serve chiarezza»

 
Lotta al virus
Vaccini in Puglia, superati 2,7 mln di dosi: 18mila prenotati tra residenti 16-19 anni

Vaccini in Puglia, superati 2,7 mln di dosi: 18mila prenotati tra residenti 16-19 anni

 
Ripartenza
Coronavirus, Puglia verso la zona bianca da lunedì prossimo?

Coronavirus, da lunedì anche la Puglia entra in zona bianca: ecco cosa cambia. Vaccini, in Puglia 37mila richiami con AstraZeneca agli under60

 
La novità
Foggia, Coldiretti organizza vaccinazioni anti-Covid per aziende agricole ed extracomunitari

Foggia, Coldiretti organizza vaccinazioni anti-Covid per aziende agricole ed extracomunitari

 
Lotta al virus
Vaccini in Basilicata, superata la soglia del 90% per gli over 70

Vaccini in Basilicata, superata la soglia del 90% per gli over 70

 
Lotta al virus
Vaccini, Figliuolo: «Sì alla seconda dose per i turisti in vacanza», Lopalco: «La Puglia è pronta»

Vaccini, ok di Figliuolo: «Sì alla seconda dose per i turisti in vacanza». Lopalco: «Si può fare. La Puglia è pronta»

 
Lotta al virus
Vaccini Puglia, somministrato il 95,1% delle dosi: l'86% degli over 80 ha completato il ciclo vaccinale

Puglia, somministrato il 95,1% delle dosi: l'86% degli over 80 ha completato il ciclo. Lopalco: «Vaccini ai turisti? Si può fare»

 
Incubo Covid
Vaccini, addio agli hub nei palazzetti sportivi: al via la chiusura

Vaccini, addio agli hub nei palazzetti sportivi: al via la chiusura a Bari

 
Il bollettino regionale
Covid19, in Basilicata 31 contagi e nessun decesso

Covid19, in Basilicata 31 contagi e nessun decesso

 

Il Biancorosso

La novità
Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barigiustizia svenduta
Bari, «Il milione nascosto negli zainetti? Erano gli onorari del mio lavoro»

Bari, avvocato Chiariello: «Il milione nascosto negli zainetti? Erano gli onorari del mio lavoro»

 
Potenzalavori pubblici
Potenza, Ponte Musmeci, restauro alla Fhecor Ingenieros

Potenza, Ponte Musmeci, restauro alla Fhecor Ingenieros

 
MateraVaccini
Matera, immediata sospensione Astrazeneca sugli under 60

Matera, immediata sospensione Astrazeneca sugli under 60 Il bollettino odierno

 
TarantoLa tragedia
Taranto, Infortunio mortale alla foce del Tara

Taranto, Infortunio mortale alla foce del Tara

 
Brindisila campagna
Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

 
LecceLa novità
Lecce, festa di Sant’Oronzo non si farà la processione

Lecce, festa di Sant’Oronzo non si farà la processione

 

i più letti

Nel Salento

Taurisano, la testimonianza: «Guarito dal Covid dopo 32 giorni, è stato un incubo»

Parla il 27enne Mattia Solito, riuscito finalmente a sconfiggere il virus

«Sottolineare sempre l’importanza dei dispositivi di protezione e allontanare la cultura del sospetto».
Mattia Solito, 27enne di Taurisano, studente di Giurisprudenza presso l’Università del Salento e volontario del Servizio civile nazionale nella pro loco del paese, ha sperimentato l’incubo del Coronavirus uscendone dopo 32 giorni di isolamento, trascorsi con febbre altissima e la paura di finire in ospedale.

Quando sono cominciati i sintomi?
«Il 6 novembre ho prenotato il tampone rapido al drive through di Taurisano per lunedì 9 novembre, ma solo per precauzione. Non avevo nessun sintomo. Le prime avvisaglie sono arrivate il giorno prima di fare il tampone: spossatezza, mal di testa, decimi di febbre. Il test rapido è risultato positivo, così come quello molecolare, fatto il giorno successivo sempre a Taurisano. Da lì sono rimasto chiuso in casa per 32 giorni. Solo al quinto tampone sono risultato negativo».

Come ha trascorso il periodo di isolamento?
«I primi otto giorni sono stati molto difficili. I sintomi erano molto forti, nonostante, per fortuna, non avessi alcun tipo di patologia pregressa. Avevo mal di testa, febbre a 39,5, saturazione bassa, spossatezza. Fortunatamente non è stato necessario il ricovero in ospedale, ma ero costantemente monitorato dal personale dell’Usca, che mi telefonava 2-3 volte al giorno. Qualora i sintomi fossero peggiorati, i medici sarebbero intervenuti per il ricovero. Posso dire di essere stato fortunato rispetto a tanti altri miei concittadini, così come sono stati fortunati i miei genitori, positivi anche loro ma senza quasi nessun sintomo se non, per mio padre, la perdita di olfatto e gusto».

Ora che il peggio è passato, cosa sente di dire a chi sottovaluta il virus e i suoi effetti?
«Mi auguro innanzitutto che ci sia ancora maggiore sensibilizzazione da parte delle istituzioni sulla pericolosità del virus. Bisogna insistere su quanto sia importante utilizzare i dispositivi di protezione. Le istituzioni, inoltre, hanno il compito di allontanare la cultura del sospetto e della continua ricerca del complotto, soprattutto perché viviamo in un’epoca in cui, attraverso i social network, è molto facile incappare in notizie dubbie o addirittura false. Credo che sia importante documentarsi da fonti attendibili. D’altro canto, mi rendo conto che le persone, rispetto al marzo scorso, sono stanche. C’è una percezione del pericolo minore rispetto ai mesi scorsi e, quindi, c’è meno attenzione. La sfida più grande, dunque, è contenere il virus ma anche adottare misure che possano garantire la tenuta sociale. La pandemia ha accentuato le diseguaglianze e chi già aveva nulla oggi, se possibile, ha ancora meno. Le persone meno tutelate sono quelle maggiormente esposte al rischio, pandemico e non».

Farà il vaccino?
«Sono assolutamente favorevole al vaccino. Non ho competenze per esprimermi in merito e, perciò, ho piena fiducia negli addetti ai lavori. Essendo giovane e avendo già contratto il virus, quindi avendo sviluppato gli anticorpi, come è emerso dal test sierologico, non sarà certo a breve termine il mio turno. Ma, nel rispetto delle categorie che hanno la precedenza, quando toccherà a me farò sicuramente il vaccino».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie