Sabato 12 Giugno 2021 | 16:29

NEWS DALLA SEZIONE

Cinema
Cortometraggi, torna il Festival Salento Finibus Terrae

Cortometraggi, torna il Festival Salento Finibus Terrae

 
La novità
Musica: il Matera festival 2021 celebra Piazzolla e Battiato

Musica: il Matera festival 2021 celebra Piazzolla e Battiato

 
Spettacoli
Max Pezzali

Lecce, Max Pezzali all'Oversound Music Festival

 
Il commento
«Finalmente torna la musica suonata mi commuove»

«Finalmente torna la musica suonata: mi commuove»

 
Televisione
Linea Verde: tappa in Basilicata alla scoperta di Venosa

Linea Verde: tappa in Basilicata alla scoperta di Venosa

 
Televisione
Solaika Marrocco, la chef salentina ospite di Play Mag, su RaiPlay

Solaika Marrocco, la chef salentina ospite di Play Mag, su RaiPlay

 
WASHINGTON
Fiocco rosa per il principe Harry e Meghan Markle: la piccola si chiama come la Regina Elisabetta

Fiocco rosa per il principe Harry e Meghan Markle: la piccola si chiama come la Regina Elisabetta

 
L’addio
È morto Daniele Durante, il genio della pizzica salentina

È morto Daniele Durante, il genio della pizzica salentina. Il cordoglio dal mondo della Cultura

 
TV
Bell’Italia: ritorna il viaggio tra le bellezze e le tradizioni di Puglia e Lazio

Bell’Italia: ritorna il viaggio tra le bellezze e le tradizioni di Puglia e Lazio

 

Il Biancorosso

La novità
Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLotta al virus
Coldiretti, domani al via vaccini a braccianti stranieri: si parte nell'hub di Foggia

Coldiretti, domani al via vaccini a braccianti stranieri: si parte nell'hub di Foggia

 
PotenzaIl caso
Oppido Lucano, ha in casa piante di cannabis e munizioni: arrestato

Oppido Lucano, ha in casa piante di cannabis e munizioni: arrestato

 
LecceLa tragedia
Scontro tra due auto nel Leccese: muore donna di 95 anni

Scontro tra due auto nel Leccese: muore donna di 95 anni

 
Materafelicità
Miglionico, «Felice per la nostra prima unione civile»

Miglionico, «Felice per la nostra prima unione civile»

 
TarantoLa tragedia
Taranto, Infortunio mortale alla foce del Tara

Taranto, Infortunio mortale alla foce del Tara

 
Brindisila campagna
Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

 

i più letti

Aveva 91 anni

Jazz, addio a Jimmy Cobb, leggenda della batteria

Aveva suonato con Miles Davis

Jazz, addio a Jimmy Cobb leggenda della batteria

Insieme con Roy Haynes, di quattro anni più anziano, Jimmy Cobb - morto l’altro ieri a 91 anni - era rimasto tra gli ultimi batteristi che potevano vantare di aver suonato con alcuni tra i più grandi musicisti della storia del jazz. E sebbene non avesse mai raggiunto la fama - e forse anche il magistero tecnico - di colleghi quali Max Roach o Art Blakey, era considerato a buon diritto uno dei grandi maestri del suo strumento.

Tuttavia, a far entrare il suo nome nella leggenda, era stata una fortunata, preziosa collaborazione, che nel corso degli Anni ‘50 e ‘60 lo aveva imposto sulle scene internazionali. Non ancora trentenne, era stato infatti cooptato da Miles Davis nel suo gruppo e questo gli aveva consentito di prendere parte ad alcune registrazioni poi diventate leggendarie: aveva cominciato con Porgie and Bess, licenziato nel 1958 dalla Columbia a nome della coppia Miles Davis - Gil Evans, ma soprattutto, un anno più tardi, aveva preso parte alla registrazione del leggendario Kind of Blue, l’album di Davis tra i più celebrati di tutta la storia del jazz moderno.

La loro collaborazione sarebbe proseguita sino al 1963, con altri titoli ben noti ai «davisiani» e contemporaneamente quella militanza gli consentì di collaborare discograficamente anche con John Coltrane, che rimase al fianco del trombettista fino al 1959. Non a caso, Cobb registrò con lui in alcuni album della Prestige e anche nei primi della Atlantic, prima che il sassofonista chiamasse con sè Elvin Jones.

Si può dire, in altre parole, che Cobb - le cui colleborazioni sono lunghe e prestigiose - abbia «capitalizzato» quel periodo per tutto il resto della propria vita, accettando di buon grado di collaborare anche con i giovani solisti europei, spesso per cifre ben al di sotto di un musicista della sua reputazione. Lo ricordiamo in Puglia a Ostuni per Nicky Maffei e a Bari, nelle indimenticate notti dello Strange Fruit e anche al Fez con Nat Adderley. Preciso, swingante, fantasioso eppure sempre attento a non «coprire» i giovani colleghi che lo trattavano con il rispetto dovuto a un maestro dal nome leggendario. E ai quali insegnava innanzitutto l’importanza di non montarsi la testa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie