Venerdì 26 Febbraio 2021 | 05:04

NEWS DALLA SEZIONE

serie b
Lecce-Cosenza 3-1: riparte la corsa dei giallorossi ai playoff

Lecce-Cosenza 3-1: riparte la corsa dei giallorossi ai playoff

 
Serie B
Hjulmand, regista venuto dal freddo: «La B è dura ma al Lecce darò tutto»

Hjulmand, regista venuto dal freddo: «La B è dura ma al Lecce darò tutto»

 
Serie b
Il Lecce torna a vincere: Cremonese battuta in trasferta, finisce 1-2

Il Lecce torna a vincere: Cremonese battuta in trasferta, finisce 1-2

 
giallorossi
Lecce, la mini rivoluzione di Corini, fuori Mancosu e subito Rodriguez

Lecce, la mini rivoluzione di Corini, fuori Mancosu e subito Rodriguez

 
Serie b
Lecce punta sulla certezza Hjulmand: un lottatore sulla strada dei play-off

Lecce punta sulla certezza Hjulmand: un lottatore sulla strada dei play-off

 
Serie B
Lecce-Brescia, finisce in parità: 2-2 al Via del Mare

Lecce-Brescia, finisce in parità: 2-2 al Via del Mare

 
Il post-partita
Lecce, Corini: «Trasformare la delusione in energia»

Lecce, Corini: «Trasformare la delusione in energia»

 
Serie B
Oggi (ore 21) al Via del Mare è di scena l'Ascoli: Corini spinge sull’acceleratore

Sconfitta per il Lecce contro l'Ascoli al Via del Mare: perde 2-1

 
Serie B
Lecce calcio, Christian Maggio passa ai giallorossi

Lecce, visite mediche per Maggio, neo-giallorosso

 
L'acquisto
Lecce calcio, è ufficiale: in squadra arriva Yalcin

Lecce calcio, è ufficiale: in squadra arriva Yalcin

 
L'infortunio
Lecce, fine campionato per Adjapong: rottura tendine d'Achille

Lecce, fine campionato per Adjapong: rottura tendine d'Achille

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIn via Crispi
Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

 
LecceNella notte
Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

 
FoggiaIl sindaco
San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

 
PotenzaL'incidente
San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

 
BariIl progetto
Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

 
BatNella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 

i più letti

LA TRATTATIVA

Corvino-Lecce, ultimi dettagli per il futuro del nuovo direttore sportivo

L’ex presidente Semeraro: «Costruirebbe di nuovo qualcosa di importante»

Lecce guarda subito avanti

LECCE - Incontri e trattative, ieri, in casa del Lecce, tra la proprietà e Pantaleo Corvino, invitato ad assumere la carica di direttore sportivo della società salentina.

Sono state sviscerate molte delle questioni che in simili casi sono sul tappeto, sono stati smussati gli angoli, sono state trovate alcune convergenze, si è parlato di programmi e del budget disponibile per il prossimo campionato di serie B.
Oggi le parti si incontreranno di nuovo e potrebbe arrivare la fumata bianca, stante la reciproca disponibilità ad iniziare un percorso comune.

Tra i dirigenti con i quali Corvino ha collaborato dal 1998/1999 al 2004/2005, nelle sette stagioni nelle quali è stato direttore sportivo del Lecce, c’è Rico Semeraro, vice presidente dal 1998/1999 al 2001/2002 e presidente dal 2002/2003 al 2004/2005. «Sottolineato che a mio parere Meluso ha fatto molto bene, se l’operazione si concretizzerà, Corvino porterà in dote l’enorme esperienza maturata in tanti anni vissuti ai massimi livelli nel mondo del calcio che conta, anche in Champions League – afferma Semeraro – Parliamo di un direttore sportivo vecchio stampo, che vanta una fitta rete di relazioni e di osservatori, che conosce i meccanismi di mercato come pochi e che ha dimostrato grandissima abilità nell’individuare futuri talenti. Non a caso, quando ha lavorato con il Lecce ai tempi in cui la società era gestita dalla mia famiglia, abbiamo conquistato prestigiosi trionfi anche in ambito giovanile e sono emersi talenti del calibro di Vucinic, Ledesma, Bojinov, Konan e Pellè, ma anche tanti bravi giocatori».

Con Corvino direttore sportivo, il Lecce ha centrato due promozione dalla B alla A ed ha ottenuto per quattro volte la permanenza in massima serie, a fronte di una retrocessione. «I risultati non sono mai il frutto dell’abilità di un singolo, ma del perfetto funzionamento e dell’affiatamento di tutte le componenti – sostiene Semeraro - Inoltre, contano gli investimenti, dai quali non si può prescindere, ma che non garantiscono mai, da soli, il raggiungimento di un traguardo. Per una squadra provinciale, per di più del sud, come il Lecce, la permanenza in A è sempre tutta da conquistare, con enormi sacrifici e tanto sudore».

Quando si è sparsa la voce del contatto tra il Lecce e Corvino, Rico Semeraro ha inviato un messaggio al professionista di Vernole: «Per lui, tornare in seno al club giallorosso sarebbe innanzitutto una questione di cuore. Dopo avere fatto bene in altri contesti, come a Firenze ed a Bologna, gli piacerebbe contribuire a costruire qualcosa di importante nella propria terra, dove già si è fatto apprezzare in passato. Sono certo che ne andrebbe orgoglioso. D’altro canto, ha un rapporto di stima con il presidente Sticchi Damiani e sono convinto che agirebbe in grande sintonia con lui, come ha sempre fatto con me».

Semeraro apre il suo personale libro dei ricordi: «Corvino è diventato direttore sportivo del Lecce in una stagione per certi versi simile a quella che sta per essere programmata. Proprio com’è accaduto quest’anno, eravamo retrocessi in B dopo la doppia promozione dalla C alla A. All’epoca il presidente era Moroni ed io ero il vice presidente. Ebbene, abbiamo centrato subito il salto in massima serie ed in seguito abbiamo ottenuto due salvezze di fila, per poi retrocedere nel 2001/2002, con una formazione che personalmente considero tra le più forti di sempre. Nel 2002/2003, ho assunto la carica di presidente, tra i cadetti, ed abbiamo conquistato immediatamente la promozione, per poi regalarci due permanenze di fila in A. E’ stato un ciclo estremamente positivo, ricco di soddisfazioni».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie