Sabato 27 Febbraio 2021 | 10:59

NEWS DALLA SEZIONE

serie b
Lecce-Cosenza 3-1: riparte la corsa dei giallorossi ai playoff

Lecce-Cosenza 3-1: riparte la corsa dei giallorossi ai playoff

 
Serie B
Hjulmand, regista venuto dal freddo: «La B è dura ma al Lecce darò tutto»

Hjulmand, regista venuto dal freddo: «La B è dura ma al Lecce darò tutto»

 
Serie b
Il Lecce torna a vincere: Cremonese battuta in trasferta, finisce 1-2

Il Lecce torna a vincere: Cremonese battuta in trasferta, finisce 1-2

 
giallorossi
Lecce, la mini rivoluzione di Corini, fuori Mancosu e subito Rodriguez

Lecce, la mini rivoluzione di Corini, fuori Mancosu e subito Rodriguez

 
Serie b
Lecce punta sulla certezza Hjulmand: un lottatore sulla strada dei play-off

Lecce punta sulla certezza Hjulmand: un lottatore sulla strada dei play-off

 
Serie B
Lecce-Brescia, finisce in parità: 2-2 al Via del Mare

Lecce-Brescia, finisce in parità: 2-2 al Via del Mare

 
Il post-partita
Lecce, Corini: «Trasformare la delusione in energia»

Lecce, Corini: «Trasformare la delusione in energia»

 
Serie B
Oggi (ore 21) al Via del Mare è di scena l'Ascoli: Corini spinge sull’acceleratore

Sconfitta per il Lecce contro l'Ascoli al Via del Mare: perde 2-1

 
Serie B
Lecce calcio, Christian Maggio passa ai giallorossi

Lecce, visite mediche per Maggio, neo-giallorosso

 
L'acquisto
Lecce calcio, è ufficiale: in squadra arriva Yalcin

Lecce calcio, è ufficiale: in squadra arriva Yalcin

 
L'infortunio
Lecce, fine campionato per Adjapong: rottura tendine d'Achille

Lecce, fine campionato per Adjapong: rottura tendine d'Achille

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariNel barese
In trasferta dalla Sicilia a Monopoli per molestare showgirl: divieto di dimora in Puglia per un fan ossessionato

In trasferta dalla Sicilia a Monopoli per molestare showgirl: divieto di dimora in Puglia per un fan ossessionato

 
BatL'episodio
Trani, a fuoco portone del sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

Trani, a fuoco portone sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

 
FoggiaCoronavirus
Peschici, aumento contagi: sindaco chiude ristoranti e bar

Peschici, aumento contagi: sindaco chiude ristoranti e bar

 
LecceSi indaga
Lecce, rogo nel parcheggio dell'ospedale: a fuoco archivi cartelle cliniche 2018-19

Lecce, rogo nel parcheggio dell'ospedale: a fuoco archivi cartelle cliniche 2018-19

 
Covid news h 24Lotta al virus
Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

 
TarantoIl siderurgico
Mittal al sindaco di Taranto: bisogna attendere l'esito del Consiglio di Stato

Taranto, Mittal al sindaco: su spegnimento impianti, attendere Consiglio di Stato. Melucci: «Minacce da no comment»

 
BrindisiIl ricordo
Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

 

Serie A

«Il vecchio Milan non punge, Lecce puoi provarci», parla l'ex Virdis

Secondo l'ex bomber Liverani fa bene a puntare sulla ricerca del gioco

«Il vecchio Milan non punge, Lecce puoi provarci», parla l'ex Virdis

Dopo avere vinto due scudetti ed una coppa Italia con la Juventus, Pietro Paolo Virdis è approdato al Milan, fregiandosi di un altro titolo tricolore, nell’87/88, e trionfando, nell’88/89, in Champions League e nella Supercoppa italiana. Dopo avere militato nel club rossonero, con il quale ha collezionato 135 presenze e firmato 53 reti, il bomber sardo ha indossato la maglia del Lecce, nell’89/90 e nel 90/91, scendendo in campo 46 volte e realizzando 8 gol. È quindi un doppio ex della compagine meneghina e di quella salentina, che si troveranno di fronte al «Meazza», domenica 20 ottobre.

«Per il Milan, quello attuale è un momento delicatissimo - sostiene Virdis -. I tifosi sono adirati, in quanto da troppe stagioni vedono all’opera un brutto “Diavolo”. Le società che si sono susseguite hanno speso per ingaggiare 10-12 calciatori nuovi ad ogni edizione di mercato, invece di puntare su 4-5 cavalli di razza intorno ai quali costruire nel medio termine un team competitivo. Attualmente il Milan è composto da giocatori di medio livello, molti dei quali giovani, che, stante il clima creatosi intorno a loro, scendono in campo con mille timori ed hanno sin qui espresso un pessimo calcio. Né l’avvento di Pioli può capovolgere la situazione in pochi giorni. Il Lecce è reduce dalla sconfitta di Bergamo, condita da una prestazione negativa, ma suppongo che in casa giallorossa si sapesse in partenza che, in serie A, il cammino sarebbe stato irto di ostacoli. A Suso e compagni, invece, è stato chiesto di raggiungere la zona-Champions. Insomma, le pressioni graveranno sulle spalle dei padroni di casa, che avranno sulla testa la spada di Damocle della contestazione, qualora la sfida non si incanalasse sui binari giusti».

Il Lecce ha raggranellato 6 lunghezze in 7 incontri, il Milan 3 in più: «Considerato il calendario in salita, punto più, punto meno, penso che i salentini siano in linea con il cammino di un complesso destinato a lottare per la salvezza, che tra l’altro è tornato ad affacciarsi nella massima serie dopo tante stagioni di assenza. Non si può dire la stessa cosa per i rossoneri, a maggior ragione perché, oltre ad avere raccolto poco, hanno messo in mostra un calcio non all’altezza delle aspettative».

Fabio Liverani chiede ai propri uomini di inseguire il risultato attraverso un calcio propositivo. È la strada giusta per conquistare la permanenza?
«Da alcuni anni, le compagini che hanno quale traguardo la salvezza non erigono le barricate, ma provano a giocarsela. Gli allenatori moderni vogliono che la manovra venga impostata sempre dal basso. Quando la cifra tecnica della rosa non è eccelsa, però, si rischia di fare molta fatica, soprattutto se gli avversari pressano i portatori di palla al limite dell’area di rigore. Se il Lecce si salverà esprimendo anche un bel calcio meriterà doppi applausi, in quanto per una matricola la serie A è difficilissima».

Che ricordi ha delle due annate vissute nel Salento?
«Dopo avere fatto parte, in rossonero, di una delle squadre considerate più forti al mondo, ho accettato la chiamata del sodalizio salentino, che voleva crescere, mettendomi a disposizione di un ottimo trainer come Mazzone. La prima stagione è stata estremamente positiva, in quanto raggiungemmo la permanenza. Nella seconda, sul piano dei risultati, le cose non andarono bene».

Assenti i sei calciatori impegnati con le rispettive nazionali, ieri il Lecce ha sostenuto una doppia seduta di lavoro. Gianluca Lapadula ed Andrea Tabanelli hanno seguito un programma personalizzato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie