Venerdì 24 Maggio 2019 | 12:04

NEWS DALLA SEZIONE

Calciomercato
Lecce: cercasi portiere esperto di Serie A

Lecce: cercasi portiere esperto di Serie A

 
Le dichiarazioni
Lecce in serie A, presidente Sticchi Damiani: «Promozione inaspettata»

Lecce in serie A, Sticchi Damiani: «Promozione inaspettata»

 
I giallorossi festeggiano
Lecce da sogno, ritorna in serie ALa città in delirio: ora si festeggiaDall'inferno al paradiso: il miracolo in 60"

Lecce da sogno, ritorna in serie A, la città in delirio Dall'inferno al paradiso: il miracolo

 
Lecce-Spezia
Liverani: «Tutto pronto per domani, ultimo tassello per la A». Via del Mare sold out

Liverani: «Tutto pronto per domani, ultimo tassello per la A». Via del Mare sold out

 
La promessa
Lucioni: «Lecce, se saliamo in A torno a Benevento in bici»

Lucioni: «Lecce, se saliamo in A torno a Benevento in bici»

 
sconfitta padova
Lecce, Liverani: eravamo stanchi, ma la festa è soltanto rimandata

Lecce, Liverani: eravamo stanchi, ma la festa è soltanto rimandata

 
Serie B pugliese
Lecce, spreca anticipo promozione in A: battuto dal Padova 2-1

Lecce spreca anticipo promozione in A: battuto dal Padova 2-1 Foto
Foggia vince ma deve lottare per playout

 
Calcio
Lecce col batticuore, a un passo dal sogno della A

Palermo pareggia 2-2, Lecce brucia anticipo della promozione in A
Padova-Lecce 2-1 (definitivo)

 
Serie B
Il Lecce vince al Via del Mare contro il Brescia: la A è sempre più vicina

Il Lecce vince al Via del Mare contro il Brescia: la A è sempre più vicina

 
Serie B
Lecce calcio, mister Liverani resta fino al 2022: confermato contratto

Lecce calcio, mister Liverani resta fino al 2022: confermato contratto

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaL'episodio ad aprile
Calci e pugni a trans vicino stazione Foggia: arrestati in 4, due minorenni

Calci e pugni a trans vicino stazione Foggia: arrestati in 4, due minorenni

 
HomeLa sentenza
Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

Spinazzola, Tar boccia aumento Irpef: Comune restituirà soldi ai cittadini?

 
TarantoDalla polizia
Taranto, ferì uomo davanti a circolo, arrestato 27enne

Taranto, ferì uomo davanti a circolo, arrestato 27enne

 
BrindisiLa segnalazione
Brindisi: cous-cous a mensa, i genitori protestano

Brindisi: cous-cous a mensa, i genitori protestano

 
BariNel barese
Santeramo in Colle: rapina 14 negozi, arrestato 50enne, incastrato da telecamere

Santeramo: rapina 14 negozi, incastrato da telecamere

 
LecceMelendugno
Tap, su tracciato nuovo progetto spuntano coralli: verifiche

Tap, su tracciato nuovo progetto spuntano coralli: verifiche

 
MateraSanità
Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

Ospedale Tinchi, nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

 
PotenzaStatale 653
Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

 

i più letti

Il punto

Ventura benedice il Lecce: «Merita la A»

L'ex ct della nazionale riconosce la serietà della squadra e l'ottima organizzazione

Ventura benedice il Lecce: «Merita la A»

Di settimana in settimana, tra i tifosi del Lecce lievita l’entusiasmo. Il popolo giallorosso sogna che la formazione allenata da Fabio Liverani ripeta la grande impresa che, nel 1995/1996 e nel 1996/1997, è riuscita alla squadra all’epoca allenata da Giampiero Ventura, che centrò, nel giro di due stagioni, prima la promozione dalla C alla B e poi quella dalla B alla A.

«In casa Lecce mi sembra che ci siano tutti i presupposti per inseguire questo traguardo - sottolinea l’ex allenatore della Nazionale - Quali delle formazioni attualmente in corsa la spunteranno, invece, non è possibile prevederlo. Il Lecce esprime un buon calcio e dimostra di avere la necessaria voglia di mettersi costantemente in discussione, il che significa che ha anche una buona dose di umiltà, elemento sempre importante per il raggiungimento di qualsiasi traguardo. Il fatto che meriti la posizione che occupa non può essere messo in discussione, perché si figura stabilmente tra le migliori squadre in classifica solo se si dispone di valori importanti. Liverani ha dato un’ottima organizzazione ed una identità precisa al collettivo, i calciatori hanno qualità, lo seguono, la società è seria e sa come muoversi».

Il Lecce è reduce dal roboante successo per 7-0 colto ai danni dell’Ascoli. «Il risultato darà ulteriore entusiasmo alla tifoseria, ma chi va in campo sa bene che una vittoria vale sempre tre punti, che sia larga o con il minimo scarto - sostiene Giampiero Ventura -. Se una affermazione come quella ottenuta dai giallorossi sabato scorso facesse perdere di vista la realtà di un campionato difficilissimo, significherebbe che il team salentino non è maturo, ma sono certo che non sia così. Bisogna pensare già al prossimo match con il Pescara ed è quello che faranno Liverani ed i giocatori. Per loro la sfida con i marchigiani è passata ampiamente in archivio».

Marco Mancosu e compagni affronteranno, nel giro di pochi giorni, il complesso abruzzese e poi il Cosenza, al Via del Mare. «Il calore del pubblico amico è un’arma in più da sfruttare al massimo - sottolinea Ventura - So cosa sono in grado di dare i supporter giallorossi per averlo constatato di persona. Quando arrivai a Lecce nell’estate del 1995, con la squadra che era da poco retrocessa in C, i paganti erano cento. Ebbene, a Cesena, in occasione della partita che ci regalò la promozione in serie A, ci seguirono in migliaia, con un entusiasmo contagioso. I prossimi due incontri casalinghi sono importantissimi, ma allo stesso modo di quelli che seguiranno. I verdetti arriveranno negli ultimi 90’-180’ e non prima».

Il tecnico di Genova apre il proprio libro dei ricordi. «Quando ricevetti l’offerta di allenare il Lecce in C molti mi sconsigliarono di farlo - rammenta Ventura - Invece accettai perché, quando conobbi Semeraro, maturai la convinzione che fosse entrato nel mondo nel calcio per fare bene, con serietà ed in maniera organizzata. Come dimostrano i risultati che ha raggiunto la sua società, non mi sbagliai. In organico, c’erano pochi calciatori di proprietà del club, tra i quali Macellari e Russo. Con quell’abile direttore sportivo che è stato Cataldo, setacciai l’Italia alla ricerca di giocatori desiderosi di rilanciarsi o di mettersi in mostra. Arrivarono in 18, tra i quali Palmieri, De Patre, Francioso, Cucciari, Lorieri e Zanoncelli. L’avventura iniziò così e si concluse con la doppia promozione dalla C alla A. Il periodo trascorso in giallorosso è stato ricco di soddisfazioni ed è rimasto nel mio cuore. Le persone con le quali ho collaborato, i tifosi che ci hanno seguiti, la bellissima Lecce, il mare del Salento».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400