Lunedì 19 Novembre 2018 | 01:57

NEWS DALLA SEZIONE

Serie B
Tabanelli, la pedina fissa sullo scacchiere Lecce

Tabanelli, la pedina fissa sullo scacchiere Lecce

 
Il ritorno
Il Lecce si gode il nuovo Lucioni

Il Lecce si gode il nuovo Lucioni

 
Cosenza-Lecce 2-3
Lecce espugna Cosenza: in finale «salva» Falco

Lecce espugna Cosenza: in finale «salva» Falco

 
Serie B
Lecce, operazione riscatto nella «tana» del Cosenza

Lecce, operazione riscatto nella «tana» del Cosenza

 
Serie B
Lecce, Liverani: «La sconfitta a Pescara ci ha dato autostima»

Lecce, Liverani: «La sconfitta a Pescara ci ha dato autostima»

 
Serie B
lecce calcio

Lecce calcio, Tabanelli: questa è una squadra che non molla mai

 
Serie B
Lecce, il bicchiere è mezzo pienoda Pescara anche note positive

Lecce, il bicchiere è mezzo pieno
da Pescara anche note positive

 
Serie B
Il Lecce in 9 cade a Pescara: all'Adriatico dopo 98 minuti finisce 4-2

Il Lecce in 9 cade a Pescara: dopo 98 minuti finisce 4-2

 
Serie B
Lecce calcio, Liverani sereno: «ma macchina ancora imperfetta»

Lecce calcio, Liverani sereno: «macchina ancora imperfetta»

 
Decide autorete di Golemic
Lecce batte il Crotone 1-0e vola al quinto posto

Lecce batte il Crotone 1-0
e vola al quinto posto

 
SERIE B
Lecce, sfida al Crotone ferito

Lecce, sfida al Crotone ferito

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Serie B

Lecce calcio, Liverani: «Per il derby equilibrio e attenzione»

L’allenatore del Lecce ha il massimo rispetto del Foggia. «Affronteremo una squadra di valore»

Liverani: cercare di trasformare un gruppo in squadra

Il tecnico del Lecce Fabio Liverani

LECCE - Di derby veri, intesi come stracittadine, Fabio Liverani ne ha disputati diversi nella capitale, con la casacca della Lazio, da calciatore, ed uno a Genova, da allenatore, sulla panchina della formazione rossoblù, aggiudicandoselo con un rotondo 3-0 sulla Sampdoria. Il tecnico del Lecce conosce quindi bene il clima che si respira nelle sfide di campanile come quella odierna tra Foggia e Lecce. «Sono gare speciali, soprattutto a livello emotivo ed ambientale - dice - I ragazzi sono consapevoli dell’importanza della posta in palio. Al contempo, però, si tratta comunque di una partita di calcio e bisogna andare in campo nella solita maniera, rimanendo equilibrati, attenti e concentrati, evitando di fare prevalere l’aspetto nervoso».

L’allenatore del Lecce ha il massimo rispetto del Foggia. «Affronteremo una squadra di valore, che ha portato a termine un mercato importante, che ha ben presto colmato il gap della penalizzazione e che ha sin qui conquistato i nostri stessi punti - sottolinea - La compagine rossonera ha qualità, è allenata bene ed è organizzata. La partita si preannuncia molto difficile, ma ci sono tutti i presupposti perché sia di buon livello, giocata a viso aperto. Il team dauno dispone di attaccanti bravi. In mezzo al campo ha giocatori che sanno inserirsi come Deli e Carraro, uno dei giovani più interessanti del calcio italiano. Kragl è un quinto atipico, di notevole personalità. A destra, che giochi Gerbo oppure Zambelli, ci sarà comunque un calciatore di categoria. Nelle retrovie, i nostri avversari possono contare su calciatori forti fisicamente. Inoltre, rientrerà Iemmello, ci saranno Gori e Chiaretti. Solo il pesante gap iniziale con il quale ha dovuto fare i conti ha allontanato i riflettori da un complesso di assoluta caratura».

Sugli undici che utilizzerà dal 1’, Liverani non anticipa nulla. «Rispetto al match di domenica scorsa, ho un paio di dubbi - afferma - La cosa certa è che schiererò la squadra migliore per affrontare il Foggia. Alla sfida ravvicinata con il Crotone penseremo da domani. Allo Zaccheria, come sempre, cercheremo di fare la partita. Siamo arrabbiati per il risultato della gara persa al Via del Mare contro il Palermo e vogliamo provare a riprenderci i punti lasciati ai siciliani, ma per riuscirci servirà una grande prestazione».

Out per infortunio Bovo e Falco («è guarito clinicamente ma ora deve sentirsi lui al cento per cento», spiega Liverani a proposito del trequartista) e per squalifica Lucioni, i dubbi sembrano riguardare il ruolo di terzino destro, con un ballottaggio tra Venuti e Fiamozzi, e quello di centrale difensivo, per il quale sono in lizza Marino e Cosenza. Ma il tecnico giallorosso in questi mesi ha effettuato spesso delle scelte a sorpresa e non è da escludere che sia così anche in questa circostanza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400