Venerdì 17 Gennaio 2020 | 23:02

NEWS DALLA SEZIONE

calciomercato
Lecce, Falco in bilico: emergenza senza fine

Lecce, Falco in bilico: emergenza senza fine

 
mercato
Lecce, le mani su Acquah: un guerriero per Liverani

Lecce, le mani su Acquah: un guerriero per Liverani

 
Serie A
Lecce calcio, Tabanelli passa a titolo definitivo al Frosinone

Lecce calcio, Tabanelli passa a titolo definitivo al Frosinone

 
Serie A
Lecce calcio, Sticchi Damiani: «Difendere la Serie A a tutti i costi»

Lecce calcio, Sticchi Damiani: «Difendere la Serie A a tutti i costi»

 
Serie A
Lecce

Parma batte il Lecce 2-0 e prosegue la corsa alla zona europea

 
serie a
Lecce, addio a La Mantia: attaccante ceduto all'Empoli

Lecce, addio a La Mantia: attaccante ceduto all'Empoli

 
il caso
Lecce, ex bomber Chevanton a processo per evasione di un milione di euro

Lecce, ex Chevanton a processo per evasione di 1mln di euro

 
Calcio
Lecce, arriva dal Cagliari il centrocampista Deiola

Lecce, arriva dal Cagliari il centrocampista Deiola

 
Calcio
Lecce, Babacar, Lapadula e Tabanelli a rischio contro il Parma

Lecce, Babacar, Lapadula e Tabanelli a rischio contro il Parma

 
serie a
Il Lecce vuole Ionita, ma c'è anche un piano B

Il Lecce vuole Ionita, ma c'è anche un piano B

 
serie a
Lecce, dopo la sconfitta con l'Udinese suona l'allarme

Lecce, dopo la sconfitta con l'Udinese suona l'allarme

 

Il Biancorosso

mercato
Ancora nessun botto: il Bari col freno tirato

Ancora nessun botto: il Bari col freno tirato

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiLa tragedia
Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

 
TarantoA Taranto
«ArcelorMittal», monta la protesta degli autotrasportatori

«ArcelorMittal», monta la protesta degli autotrasportatori

 
PotenzaLa relazione Dia
In Basilicata aumentano i tentativi di «infiltrare» l’economia legale

In Basilicata aumentano i tentativi di «infiltrare» l’economia legale

 
Leccenel Leccese
Infiltrazioni mafiose: in Salento sciolto comune di Scorrano

Infiltrazioni mafiose: in Salento sciolto comune di Scorrano

 
Barila procura
Bari, chiesto processo per ex giudice Bellomo: accusato anche di calunnia a Conte

Bari, chiesto processo per Bellomo: accusato anche di calunnia a Conte

 
Batnel nordbarese
Bisceglie, petardo esplode davanti farmacia ex europarlamentare Silvestris: si indaga

Bisceglie, petardo esplode davanti farmacia ex europarlamentare: si indaga

 
MateraIl caso
Metaponto, nel portafogli aveva 53 pasticche «da stupro»: denunciato

Metaponto, nel portafogli aveva 53 pasticche «da stupro»: denunciato

 

i più letti

Giallorossi

Il Lecce subisce gol sempre al 25esimo del secondo tempo: la 'maledizione'

Dopo due pareggi e una sconfitta, un triste bilancio per gli uomini di Liverani

Il Lecce subisce gol sempre al 25esimo del secondo tempo: la 'maledizione'

Se non è una sindrome poco ci manca. Cosa succede al Lecce quando scocca il minuto 25 del secondo tempo? È questa l’ora X, letale per i giallorossi. Nelle prime tre uscite, proprio tra il 25’ e il 27’ hanno puntualmente subito il gol degli avversari di turno, che ha dato il via a due rimonte finite in pareggio o decretato la sconfitta, sabato scorso ad Ascoli.

A Benevento, al 25’ della ripresa è arrivata la rete dell’1-3 di Volta che ha riaperto la sfida, finita poi 3-3.  Contro la Salernitana al Via del Mare, sempre al 25’, è stato Bocalon ad agguantare il momentaneo pareggio (la partita si è chiusa sul 2-2). Al «Del Duca», l’episodio più recente, Ardemagni ha siglato il gol-vittoria al minuto 27.

Stesso lasso di tempo, ma uguali sono pure le modalità con cui il Lecce subisce i gol. Le reti sono sempre arrivate da palloni spiovuti  in area da corner, in un caso, o da cross dagli esterni, due volte dalla corsia destra. Volta e Bocalon hanno fatto centro di testa, Ardemagni con una deviazione di sinistro.

Siamo solo alla terza giornata del campionato e sparare sentenze è sport fine a se stesso. Fatta la premessa, il ripetersi di alcuni episodi non può essere considerato solo frutto di casualità. 

I gol incassati, costati punti pesanti, sono spesso la conseguenza di concause: errori individuali,  posizionamento sbagliato della linea difensiva, mancate marcature preventive in fase di non possesso. Bisogna però capire perché certe topiche si ripetano prevalentemente verso la metà dei secondi tempi. Il calo fisico, benché smentito dai protagonisti, può essere una delle spiegazioni. Quando le gambe non girano, pure la testa è meno reattiva, la concentrazione può venir meno anche per un attimo, spesso fatale. Il risultato è che ancora una volta il Lecce si trova a recriminare. Un peccato, perché, sia pur meno brillante e incisivo rispetto alle prime due prove, anche ad Ascoli i giallorossi hanno a lungo comandato la partita.

Lo dimostrano i dati statistici: ben il 63 per cento di possesso palla contro il 37 dei padroni di casa. Non solo: 479 passaggi contro i 305 dei marchigiani, di cui 357 completati a fronte dei 211 degli avversari. E ancora: 8 tiri dall’interno dell’area contro i due dell’Ascoli, anche se il dato complessivo si equivale: 9 tiri in tutto per entrambe le squadre. Insomma, se non dominio è stato almeno predominio, che però ha peccato in fase di finalizzazione. 

Liverani a fine gara ha parlato di mancanza di cattiveria. Ma contro Benevento e Salernitana a spedire il pallone in porta non è stata la sola determinazione.  Per larghi tratti si è vista un’ottima  manovra,  facilità ad arrivare alla conclusione attraverso il fraseggio. Doti che si  spera  non vengano sacrificate a vantaggio di un calcio più pratico votato solo ad aggiudicarsi la posta in palio. Sicuramente il tecnico, che ha sempre ribadito la necessità di arrivare al risultato attraverso la prestazione, non intendeva un cambio di rotta. A lungo andare non pagherebbe.

Oggi pomeriggio all’Acaya Golf Club la squadra si rimette al lavoro per iniziare a preparare la partita contro il Venezia, in programma sabato pomeriggio al Via del Mare. Preoccupano le condizioni di Vigorito, che ad Ascoli si è fermato nel riscaldamento prepartita per un fastidio muscolare ai flessori della coscia sinistra. L’entità del problema sarà valutata compiutamente nelle prossime ore ma sembra difficile che il portiere possa recuperare in tempo per sabato. 

 Liverani, poi, dovrà fare a meno sino al 15 ottobre di Lucioni, che fino ad allora dovrà scontare la squalifica per aver usato uno spray con un principio attivo vietato quando giocava nel Benevento. La pronuncia definitiva del Consiglio di Stato, che in precedenza aveva concesso la sospensione della sanzione permettendogli di scendere in campo col Lecce, è arrivata alla vigilia della partita di Ascoli. Il difensore, così, salterà anche le gare in calendario dalla quarta alla settima giornata, con Venezia, Livorno, Cittadella e Verona. Tornerà a disposizione dopo la sosta prevista nel turno del 12-13 ottobre, quando al Via del Mare arriverà il Palermo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie