Martedì 19 Marzo 2019 | 02:39

NEWS DALLA SEZIONE

Sfuma il terzo posto
Serie B, il Lecce pareggia a Crotone, finisce 2-2

Serie B, il Lecce pareggia a Crotone, finisce 2-2

 
Serie B
«Ora conta solo vincere il Lecce può mettere lo spettacolo da parte»

«Ora conta solo vincere il Lecce può mettere lo spettacolo da parte»

 
Serie B
Lecce calcio, Liverani: «Il derby è una gara speciale»

Lecce calcio, Liverani: «Il derby è una gara speciale»

 
Serie B
Il Lecce balla in difesa serve svolta immediata

Il Lecce balla in difesa serve svolta immediata

 
Serie B
IL Lecce batte il Verona 2-1Foggia pareggia 2-2 ad Ascoli

IL Lecce batte il Verona 2-1

 
Serie B
Poker del Cittadella al Lecce, finisce 4-1

Poker del Cittadella al Lecce, finisce 4-1

 
Serie B
Lecce calcio, Liverani: «Cittadella squadra fastidiosa»

Lecce calcio, Liverani: «Cittadella squadra fastidiosa»

 
Serie B
Lecce calcio, formalizzato l'acquisto di Zan Majer

Lecce calcio, formalizzato l'acquisto di Zan Majer

 
L'analisi
Lecce scopre nuove «frecce» nella rincorsa verso la A

Lecce scopre nuove «frecce» nella rincorsa verso la A

 
Serie B
Incredibile Lecce, sotto di due gol rimonta e vince 3-2 con Livorno

Incredibile Lecce, sotto di due gol rimonta e vince 3-2 con Livorno

 

Il Biancorosso

LE PAGELLE
Iadaresta aumenta il peso offensivoPozzebon grigio: neanche un tiro

Iadaresta aumenta il peso offensivo
Pozzebon grigio: neanche un tiro

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

MateraLa visita
Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

 
TarantoIncidente stradale
Scontro a Crispiano: muore una maestra di 46 anni, insegnava a Martina

Scontro a Crispiano: muore maestra di 46 anni. Altro incidente a Manduria: muore 78enne

 
HomeUdienza preliminare
Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

 
PotenzaI controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
BatL'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
BrindisiIn pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

Calcio

È già grande il Lecce di Pettinari: «Le neopromosse? Fanno bene»

L’ex del Pescara si presenta: Totti nel sangue, Liverani nel cuore

È già grande il Lecce di Pettinari: «Le neopromosse? Fanno bene»

Stefano Pettinari

LECCE «Ho scelto il Lecce senza esitazioni perché il club salentino ha dimostrato di volermi fortemente e perché ritroverò come allenatore Liverani, con il quale ho lavorato alla Ternana nel 2016/2017. Il tecnico romano ha assunto le redini della squadra umbra quando eravamo reduci da sette sconfitte consecutive ed occupavamo l’ultimo posto. Ha dato coesione e nuovo entusiasmo e una buona organizzazione di gioco alla squadra, permettendoci di inanellare risultati utili in serie e di centrare una salvezza della quale nessuno ci accreditava più»: sono queste le prime parole da nuovo calciatore del Lecce dell’attaccante Giacomo Pettinari, che ieri è stato presentato ufficialmente ai tifosi dall’amministratore delegato Alessandro Adamo.

Il neo giallorosso apprezza particolarmente un ex trainer della compagine salentina: «Devo molto a Zeman – sottolinea - che nella passata stagione, a Pescara, ha trovato la posizione ideale per le mie caratteristiche, impiegandomi da punta centrale e facendomi gravitare vicino all’area di rigore avversaria. Questa circostanza mi ha permesso di spendere meno energie e di arrivare più lucido all’appuntamento con il gol, tant’è che con lui in panchina, ho realizzato 12 reti nel solo girone di andata. In passato ho ricoperto anche gli altri ruoli offensivi, ma sono stato meno efficace in fase realizzativa».

Cresciuto nel settore giovanile della Roma, il suo idolo è Francesco Totti. «Per chi come me è nato calcisticamente a Trigoria – afferma Pettinari – Il punto di riferimento non può che essere lui». Nella sua carriera, il nuovo attaccante del Lecce, classe ‘92, vanta 7 presenze in A e 199 in B. Conosce quindi bene la serie cadetta. «Nelle ultime stagioni, le squadre neo promosse hanno fatto sempre bene – dice Pettinari – E’ fondamentale disporre di un gruppo solido e coeso e di una valida organizzazione di gioco, oltre che di calciatori di buona caratura tecnica, molti dei quali conoscano le insidie del campionato, che è molto equilibrato».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400