Venerdì 17 Settembre 2021 | 10:15

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

All'andata finì 1-1

Il Foggia a Caserta
per sigillare il primato

Il Foggia a Casertaper sigillare il primato

Vincere ancora per sigillare il primo posto impedendo al Lecce di accorciare il distacco, il Foggia ha le idee chiare in vista della trasferta di oggi a Caserta. Rossoneri in campo alle 14:30, arbitro del match Piscopo di Imperia (assistenti Loni di Cagliari e Affatato della sezione di Verbano-Cusio-Ossola, diretta streaming su Sportube). Alla stessa ora, Lecce impegnato nel derby casalingo con il Taranto (diretta web su Sportube e in tv su Telenorba). Sei punti separano le due pugliesi, a 5 giornate dal termine della Lega Pro. Il Foggia, che da un mese è da solo al comando della classifica e nelle ultime 8 giornate ha sempre vinto, ha anche il vantaggio degli scontri diretti a favore, avendo pareggiato 0-0 a Lecce e vinto 3-0 allo “Zaccheria”.
«Non abbiamo fatto nulla, dobbiamo restare concentrati e continuare a vincere – detta il tecnico dei rossoneri, Giovanni Stroppa -. Il Lecce sta tenendo il nostro passo, per cui non possiamo soffermarci a pensare a quanto siamo stati belli e bravi finora. Questa gara di Caserta è determinante, oltre che molto difficile».
Out il mediano Agazzi, infortunato. Per il resto, Stroppa ha l’intero organico a disposizione. Rientra Martinelli dopo lo stop per squalifica. «Qualche giocatore è un po’ affaticato, ho dei dubbi che scioglierò poco prima dell’incontro – spiega l’allenatore -. Giocheranno gli 11 che ritengo siano in questo momento i più pronti». Casertana ottava, in cerca di punti per consolidare la sua posizione in zona play-off. I campani proveranno a ripartire dopo la sconfitta subita a Siracusa, nel turno infrasettimanale. Nella fila dei rossoblù, assenza di rilievo quella del centrocampista croato Rajcic, squalificato. «Troveremo una squadra valida e agguerrita, che ha tanti calciatori tecnicamente dotati ed esprime un buon gioco, corre molto e verticalizza spesso la manovra – sostiene Stroppa -. Se per loro è la partita della vita, lo stesso vale per noi: dobbiamo mettere in campo la loro stessa determinazione e aggressività, per far emergere i nostri valori tecnici».
All’andata finì 1-1. «Questo Foggia è tutt’altra squadra rispetto a quel periodo del girone d’andata, abbiamo raggiunto il top della forma nella fase cruciale del campionato – fa notare Stroppa -. Siamo in evidente crescita sul piano atletico, mentale, tattico, nel tenere e coprire bene il campo, attaccare con efficacia la porta, leggere bene la gara riuscendo a capire quando serve palleggiare e quando occorre verticalizzare per andare a concludere. Abbiamo raggiunto un livello molto alto ma possiamo migliorare ancora».
Anche nel campionato scorso, a Caserta, si giocò il 9 aprile: il Foggia vinse 2-1 grazie ad una doppietta di Iemmello. «Satanelli» chiamati alla seconda trasferta consecutiva in 5 giorni, dopo il successo per 2-1 conseguito a Catanzaro. Al “Pinto”, il Foggia non sarà solo: attesi infatti circa 800 tifosi, che raggiungeranno Caserta a bordo di pullman e auto e riempiranno il settore ospiti, colorandolo di rossonero. Foggia ad un passo dalla striscia record di 9 vittorie di fila realizzata dai rossoneri di Marino nel campionato di C2 2002/03, che si concluse con la promozione in C1. «Dei numeri e record in questo momento non me ne frega niente – taglia corto Stroppa -. Potrebbero avere qualche rilevanza a fine stagione, non ora. Adesso dobbiamo pensare alla Casertana e alle prossime partite. Il mio pensiero è che bisogna vincerle tutte».
Raffaele Fiorella

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie