Venerdì 17 Gennaio 2020 | 22:20

Il Biancorosso

mercato
Ancora nessun botto: il Bari col freno tirato

Ancora nessun botto: il Bari col freno tirato

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiLa tragedia
Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

 
TarantoA Taranto
«ArcelorMittal», monta la protesta degli autotrasportatori

«ArcelorMittal», monta la protesta degli autotrasportatori

 
PotenzaLa relazione Dia
In Basilicata aumentano i tentativi di «infiltrare» l’economia legale

In Basilicata aumentano i tentativi di «infiltrare» l’economia legale

 
Leccenel Leccese
Infiltrazioni mafiose: in Salento sciolto comune di Scorrano

Infiltrazioni mafiose: in Salento sciolto comune di Scorrano

 
Barila procura
Bari, chiesto processo per ex giudice Bellomo: accusato anche di calunnia a Conte

Bari, chiesto processo per Bellomo: accusato anche di calunnia a Conte

 
Batnel nordbarese
Bisceglie, petardo esplode davanti farmacia ex europarlamentare Silvestris: si indaga

Bisceglie, petardo esplode davanti farmacia ex europarlamentare: si indaga

 
MateraIl caso
Metaponto, nel portafogli aveva 53 pasticche «da stupro»: denunciato

Metaponto, nel portafogli aveva 53 pasticche «da stupro»: denunciato

 

i più letti

Serie B

Il Foggia cerca riscatto Perugia tappa delicata

Padalino: «A Salerno buona prova. Ora si va a caccia di punti»

foggia calcio

FOGGIA - A Perugia per dimenticare l’amara sconfitta di Salerno. La B chiama il Foggia alla seconda trasferta consecutiva in cinque giorni. Rossoneri in campo questa sera, alle 21. La formazione dauna proverà a rialzarsi dalla beffa subita domenica scorsa all’«Arechi»: il k.o. per 1-0 sancito dal gol di Vitale in pieno recupero.
«A Salerno abbiamo fornito un’ottima prestazione, dando un segnale di compattezza, vivacità e carattere - evidenzia il tecnico dei “Satanelli”, Pasquale Padalino -. Abbiamo dimostrato di voler e poter fare la partita dall’inizio alla fine. Purtroppo il risultato è stato amaro, alcuni episodi hanno inciso sul punteggio finale. Lo stesso tecnico dei campani, Gregucci, ha ammesso che non meritavamo di perdere. Ora mi aspetto conferme sul piano del gioco e della tenuta del campo».
Un altro esame impegnativo, oggi, ma il Foggia ha bisogno di punti per tirarsi fuori dalla zona-retrocessione: rossoneri scivolati al penultimo posto dopo gli anticipi di ieri. «Da questa gara mi aspetto continuità per quanto riguarda la prestazione, cercando di migliorare alcuni aspetti e dettagli che possono renderci ancora più forti e competitivi, non solo in proiezione della gara di Perugia e della successiva partita casalinga contro il Verona con cui si chiuderà il girone d’andata, ma anche in vista di quella mentalità che dovrà accompagnarci nel prosieguo ed è in fase di costruzione», spiega Padalino, che oggi sarà regolarmente in panchina dopo aver scontato la squalifica residua relativa alla sua precedente esperienza da tecnico del Lecce.

Indisponibili lo squalificato Gerbo e gli infortunati Camporese, Martinelli, Rizzo e Deli. Per il resto tutti convocati, anche se alcuni calciatori (come Kragl) sono alle prese con qualche acciacco. Rientra Chiaretti. Martinelli potrebbe tornare a disposizione per la gara casalinga contro il Verona del 30 dicembre.
Stasera, in difesa, Tonucci, Loiacono e Boldor si contendono due maglie. In mediana potrebbe essere confermato Cicerelli, da esterno sulla fascia destra o sinistra. Pronti anche Zambelli e Rubin, per presidiare rispettivamente la corsia destra e quella mancina, considerato peraltro che Kragl può giocare anche da interno sinistro, così come non è da escludere qualche novità in prima linea, alla luce anche di questo tour de force di impegni con cui il 2018 sta andando in archivio.
Nel Perugia, che punta ai playoff, out Ngawa, in dubbio Kingsley. «Dopo tre pareggi di fila dobbiamo vincere, in qualunque modo - il pensiero dell’allenatore degli umbri, Alessandro Nesta -. Sappiamo che è una partita difficile. Il Foggia ha cambiato allenatore e deve rimettersi a posto ma ha un organico importante, ottime individualità e un’identità di gioco offensiva».
I rossoneri saranno seguiti al «Curi» da circa 350 tifosi. «Incontriamo una formazione allenata da un tecnico giovane e composta da ottimi calciatori, che inizialmente ha avuto delle difficoltà, poi ha preso quota ed ha le potenzialità per confermare i progressi mostrati nella seconda parte del girone d’andata - conclude Padalino -. Dalla mia squadra mi aspetto continuità nella prestazione e crescita in alcuni aspetti e dettagli in cui c’è da migliorare».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie