Lunedì 22 Luglio 2019 | 03:58

NEWS DALLA SEZIONE

La posta più alta
Banca del Sole in corsa per il Foggia: bisogna versare 500mila euro

Banca del Sole in corsa per il Foggia: bisogna versare 500mila euro

 
Il caso
Foggia calcio, un crac che fa molto male. Landella: ho fatto il possibile

Foggia calcio, un crac che fa molto male. Landella: ho fatto il possibile

 
Appelli nel vuoto
Foggia, addio alla serie C: niente soldi per l'iscrizione

Foggia, addio alla serie C: niente soldi per l'iscrizione

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIgiene urbana
Bari, stop ai rifiuti nelle piazze della movida: Amiu in azione dalle 23 alle 3

Bari, stop ai rifiuti nelle piazze della movida: Amiu in azione dalle 23 alle 3

 
LecceIl ritrovamento
A Porto Cesareo trovati 3 proiettili di artiglieria dell’ultima guerra

A Porto Cesareo trovati 3 proiettili di artiglieria dell’ultima guerra

 
Batil salvataggio
Margherita di Savoia, tartaruga incastrata in una boa: salvata dal 118 in idromoto

Margherita di Savoia, tartaruga incastrata in una boa: salvata dal 118 in idromoto

 
FoggiaIl premio
Vieste Archeofilm: vince Nicolò Bongiorno, figlio di Mike

Vieste Archeofilm: vince Nicolò Bongiorno, figlio di Mike

 
HomeLa scoperta
Brindisi, tre migranti trovati semi asfissiati in cella frigo su tir

Brindisi, tre migranti trovati semi asfissiati in cella frigo su tir

 
MateraIl convegno
Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

 
PotenzaL'operazione
Basilicata, lotta allo spaccio, controlli dei cc: 5 denunciati

Basilicata, lotta allo spaccio, controlli dei cc: 5 denunciati

 
HomeL'allarme
La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

 

i più letti

Serie B

Chiaretti, gol d’autore per il Foggia

«Ero convinto che a Cittadella avrei segnato. Una rete che dedico alla mia famiglia»

foggia calcio

FOGGIA - Si è sbloccato segnando un gol d’autore. Lucas Chiaretti ha lasciato la sua firma sull’1-1 del Foggia a Cittadella, primo pareggio in trasferta dei rossoneri in questo campionato dopo le sconfitte di Crotone e Pescara, la vittoria di Benevento e il k.o. di Cosenza. Alla vigilia di Halloween, il trequartista brasiliano ha riservato uno scherzetto alla sua ex squadra: uno splendido tiro mancino a due passi dal limite dell’area, a disegnare un arcobaleno; palla quasi nel «sette» alla sinistra di Paleari, dove il numero uno granata non poteva arrivarci. «Ero convinto che al “Tombolato” avrei segnato, me lo sentivo - racconta il 31enne fantasista sudamericano, tornato titolare dopo più di un mese e applaudito dai suoi ex tifosi al momento della sostituzione -. Ci tenevo a far bella figura. È stata una gara speciale per me, vissuta con tanta emozione. A Cittadella ho passato tre anni meravigliosi: ho dato e ricevuto tanto; resteranno l’amicizia e i ricordi, oltre ai traguardi conquistati insieme.

Ora però guardo avanti, alla mia nuova esperienza col Foggia. Sono felice di aver fatto gol, lo dedico alla mia famiglia, che è in Brasile, in particolare a mio padre, figura fondamentale per me. Dispiace che ci sia sfuggita la vittoria. Avremmo potuto portare a casa i tre punti, per come si era messa la partita. Tutto sommato, comunque, reputo il pari un risultato giusto».
Rossoneri raggiunti pochi minuti dopo il gol del vantaggio: per i veneti a segno il capitano Iori. «Dobbiamo crescere nel tenere alta la concentrazione per l’intera gara - sostiene l’ex granata -. Abbiamo subito parecchi gol evitabili, ma l’importante è creare azioni da rete e segnare, come stiamo facendo. Quanto a me, non avevo i 90 minuti nelle gambe però credo di aver dato un buon contributo. Siamo una squadra forte, un gruppo in cui tutti si mettono in discussione e a disposizione, e il mister sta gestendo bene le energie, dando spazio a tutti. Abbiamo giocato a viso aperto e creato difficoltà, in trasferta, al Cittadella, che ha la migliore difesa del torneo: una squadra rodata da anni, organizzata, attrezzata, che può lottare per vincere il campionato.

Siamo usciti a testa alta dal loro stadio. Dobbiamo essere soddisfatti di questo». All’orizzonte un’altra sfida impegnativa, sabato prossimo in casa, alle 15, contro il Brescia. «Gara tosta, ma dopo una sconfitta e due pareggi è l’ora di tornare a vincere - conclude Chiaretti -. Intanto, grazie ai nostri tifosi per il supporto che ci hanno dato a Cittadella: erano in 800, di martedì sera. Straordinari. Abbiamo bisogno di loro, il campionato è lungo: dobbiamo stare sempre uniti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie