Mercoledì 20 Marzo 2019 | 20:07

NEWS DALLA SEZIONE

Centrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
L'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
Dopo due anni
Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

 
In pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
Al rione Bozzano
Brindisi, disoccupata 20enne salvata mentre tenta lanciarsi dal ponte

Brindisi, disoccupata 20enne salvata mentre tenta lanciarsi dal ponte

 
Denunciato
Carovigno, guida sotto effetto alcol e droga fa incidente e distrugge 4 auto

Carovigno, guida sotto effetto alcol e droga fa incidente e distrugge 4 auto

 
Ordinanza del Questore
San Donaci, droga e pregiudicati: chiuso circolo per un mese

San Donaci, droga e pregiudicati: chiuso circolo per un mese

 
Indagano i Cc
Fasano, gli sparano mentre fa la pipì per strada: ferito 40enne

Fasano, gli sparano mentre fa la pipì per strada: ferito 40enne

 
Maltrattamento di animali
Brindisi, trovati 6 cani rinchiusi in auto abbandonata: una denuncia

Brindisi, trovati 6 cani rinchiusi in auto abbandonata: una denuncia

 
Il caso
Brindisi, polizze a prezzi di saldo: una truffa non un affare

Brindisi, polizze a prezzi di saldo: una truffa non un affare

 
Champions League
CR7, dopo la vittoria la festa nel locale del fasanese Ancona

CR7, dopo la vittoria la festa nel locale del fasanese Ancona

 

Il Biancorosso

IL PERSONAGGIO
La signora Francesca colpisce ancoraPizze e focacce per gli auguri a Brienza

La signora Francesca colpisce ancora
Pizze e focacce per gli auguri a Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraInfortunio sul lavoro
Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

 
LecceIl fatto nel 2015
Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

 
BariCassazione
BARI, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

Bari, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

 
BatNel nordbarese
Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

 
TarantoA taranto
Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

 
FoggiaNel Foggiano
Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

 
BrindisiCentrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
PotenzaLe previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 

la battaglia a latiano

Auto in sosta in centro
un pugno nell'occhio

pillinini

LATIANO - «Cominciamo almeno dalle auto in sosta permanente in Piazza Umberto». In una città dove nessun provvedimento viene adottato per migliorare la qualità della vita dei suoi cittadini, si cominci almeno col vietare la sosta delle auto in piazza Umberto (ad eccezione - come avviene altrove - per il tempo necessario per accedere alle due/tre attività commerciali presenti nell'area interessata).

E' questo il tema di un'altra battaglia dell'Associazione culturale «L'Isola che non c'è» che riguarderà questa volta il tema della viabilità. «Un argomento tabù - si legge in un comunicato - in questa cittadina, i cui amministratori non hanno mai adottato alcun provvedimento che tenesse conto delle esigenze della maggioranza dei cittadini».

«A Latiano, anni fa - per l’associazione - “L’Isola che non c’è” in collaborazione con La Gazzetta del Mezzogiorno distribuì con il quotidiano un migliaio di cartoline per chiedere ai cittadini se erano d’accordo alla chiusura al traffico di Piazza Umberto. Novecento latianesi compilarono col proprio nome le cartoline dichiarandosi favorevoli al quesito che proponevano. Gli amministratori del tempo, in considerazione di quel risultato, promisero che avrebbero valutato delle iniziative coerenti con quel sondaggio. Argomentando che una eventuale chiusura al traffico del centro doveva essere preceduta da iniziative tese a salvaguardare gli interessi di tutti, soprattutto delle attività commerciali che, da una iniziativa “così rivoluzionaria”, avrebbero potuto ricevere dei danni. Oppure: che una scelta così coraggiosa doveva essere successiva ad una serie di azioni, quali lo sviluppo commerciale di quelle vie che si volevano chiudere. Insomma: non se ne fece nulla».

«Novecento cittadini firmarono quelle cartoline. A distanza di anni, dopo i tanti annunci e qualche segnale stradale poi rimosso, ma soprattutto a causa dell’assoluto silenzio su questo argomento anche da parte di questa amministrazione l'Associazione - annuncia Marisa Caroli - consegnerà simbolicamente ora quelle cartoline al sindaco. A questo sindaco». «Non sappiamo- si legge nel comunicato - cosa deciderà di farne. Se cestinarle (speriamo di no) o se invece terrà conto che ben 900 suoi concittadini hanno chiesto (allora) una qualche iniziativa su un argomento che mai nessuna amministrazione ha voluto affrontare, quasi fosse un tabù. Cosi Latiano resta, forse, l’unica città a non avere una strada o una piazza senza auto». «È vero: Latiano non è San Michele, San Vito o Roma. Latiano è una città che non è paragonabile a nessuna altra città. I suoi cittadini però hanno gli stessi diritti degli abitanti di quelle città dove i loro amministratori forse più coraggiosi hanno creato uno spazio senza auto e senza smog».

L'Associazione - aggiunge Andrea Longo in qualità di medico - è disposta ad avviare una discussione sull'argomento della vivibilità e viabilità nel centro, a partire dalla adozione di un provvedimento che vieti la sosta alle auto in piazza Umberto e disciplini la sosta lungo via Francavilla, una delle arterie più trafficate del paese, lungo la quale proprio "L'Isola che non c'è", circa due anni fa è riuscita a deviare il percorso dei bus di linea».

«Se invece dovessimo trovare anche questa volta un muro o una risposta del tipo: "Dobbiamo prima creare le condizioni", allora siano disposti a raccogliere le firme per un referendum e avviare una nuova campagna di misurazione dei livelli di inquinamento da traffico in piazza Umberto e in via Francavilla».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400