Sabato 16 Febbraio 2019 | 04:11

NEWS DALLA SEZIONE

Provoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
Sulla via di San Vito
Brindisi, cc scoprono casolare con 50 africani tra droga e degrado, un arresto

Brindisi, scoperti 50 africani in casolare tra droga e degrado: un arresto

 
La rapina a Brindisi
Brindisi, legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

Legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

 
Dai cc di Brindisi Casale
Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

 
Il caso
Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

 
La rapina
Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

 
Sequestrati anche 30 kg di pesce
carabinieri Nas

Latiano, lavavano pesce con acqua contaminata: ristorante sospeso

 
NEL RIONE SANT'ANGELO
Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

 
Operazione dei Cc
Carovigno, nel «fortino» 2 quintali di droga: sotto accusa una famiglia

Carovigno, nel «fortino» 2 quintali di droga: sotto accusa una famiglia

 
Lotta alla droga
Carovigno, beccato mentre spacciava cocaina: arrestato 42enne

Carovigno, preso dai Cc 42enne mentre spacciava cocaina

 
Al Perrino
Brindisi, si esercita in sala operatoria su carne animale: ginecologo sotto procedimento

Brindisi, si esercita in sala operatoria su carne animale: ginecologo sotto accusa

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl caso
«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

 
BariL'anniversario
Bari, 20 anni dalla morte Tatarella: un libro per ricordarlo

Bari, ricordato Tatarella a 20 anni dalla morte

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 
MateraNel 2009
Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

 
TarantoDenunce
Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

 
PotenzaNel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
BrindisiProvoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
LecceNuove accuse
Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

 

a ostuni

«Weekend museo» e «Civiltà
preclassiche» pure a Pasqua

archeologia

OSTUNI - Prorogate fino alle festività pasquali le iniziative «Week-end al Museo» e «Civiltà Preclassiche», con visite guidate per i fine settimana come già programmato in precedenza per i mesi di dicembre e gennaio.

Una iniziativa che ha riscosso notevole successo, tanto da indurre l’Istituzione Museo ed il suo presidente, avv. Michele Conte e tutto il direttivo, a deliberare la prosecuzione dell’esperienza fino alle prossime festività pasquali.

Riproposta, quindi, la grande opportunità delle «porte aperte» al sabato e alla domenica, per le visite guidate al museo civico e al Parco archeologico di Santa Maria d’Agnano.

Restano invariati gli orari di partenza delle visite guidate: il sabato: ore 16.15; 17.15 e 18.15 mentre la domenica alle: 10.15; 11.15 e 12.15.

Si è voluto proporre, inoltre, un progamma di visite con guide gratuite per le scolaresche nelle mattinate di lunedì, mercoledì e venerdì.

Il successo dell’iniziativa «Week-end al Museo» conferma, ancora una volta, l’interesse per il museo di «Civiltà Preclassiche della Murgia Meridionale» (situato presso l’ex convento di Santa Maria Maddalena Dè Pazzi detto delle «Monacelle» con ingresso dalla chiesa chiusa dedicata al culto di S. Vito Martire) nel centro storico ostunese, così come per il parco archeologico di Santa Maria d’Agnano, in modo particolare per la «Madre Antica» di Ostuni, ossia i resti della gestante di 28mila anni fa con il feto in grembo il cui seppellimento è stato rinvenuto nella grotta ed i cui resti sono conservati e visibili nelle sale-mostra del museo ov’è stato riprodotto, in scala, il diorama della «grotta della maternità» e dove furono ritrovati i vari seppellimenti del Paleolitico superiore.

Qui sono visibili oggetti riferibili alla frequentazione della grotta in età messapica, quando la cavità e i terrazzamenti circostanti furono verosimilmente sede di un santuario dedicato forse alla dea Demetra. Al periodo compreso tra la fine del V e il III-II secolo a.C. appartengono i frammenti di ceramica locale e di importazione, le iscrizioni in lingua messapica, le armi e le terrecotte; mentre la sezione preistorica presenta i calchi delle due sepolture paleolitiche: Ostuni 1 (la Donna di Ostuni, gestante con feto di 26.461-26115 a.C.) e Ostuni 2 (28.200-27.568 a.C.), oltre ai resti originali di Ostuni 1 e al corredo che accompagnava le deposizioni.

Diverse vetrine raccolgono una scelta significativa di materiali paleolitici e neolitici.

Museo e parco, dimostrano sempre di più, di essere un polo archeologico di notevole spessore a livello nazionale ed internazionale, capace di fare da traino per la conoscenza dei beni culturali del territorio.

«Un successo - sottolinea il presidente dell’Istituzione Museo, avv. Michele Conte - che premia gli sforzi fatti dal’intero Consiglio di amministrazione, dal direttore scientifico, prof. Donato Coppola e dal direttore amministrativo, dott. Francesco Pecere, per rendere maggiormente fruibile il patrimonio archeologico e culturale custodito nella struttura museale e nel sito archeologico. Un grande riconoscimento che va a tutti gli operatori impegnati per la gestione dei servizi, che dimostrano grande spirito di disponibilità e dedizione, sia nelle mansioni ordinarie che nell’affrontare e risolvere le criticità».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400