Venerdì 21 Settembre 2018 | 07:45

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Una petizione al sindaco per far rimuovere il tetto in amianto dell'ex cinema

Xxx

Una petizione al sindaco per far rimuovere il tetto in amianto dell'ex cinema

Adele Galetta

ceglieUna raccolta firme per chiedere al primo cittadino, in qualità di autorità garante della salute pubblica, di rimuovere il tetto di amianto dell’ex Cinema Argentieri.

Sarebbe questo, infatti, l’intento dei residenti della zona dove, a quanto pare, negli ultimi vent’anni si sarebbe registrata un’elevata incidenza di morti per cancro, una quindicina di decessi per tumore allo stomaco, esofago e seno. Non è detto, ovviamente, che le morti siano legate alla presenza delle lastre di amianto dell’ex Cinema ma i residenti vogliono che quei 700 metri quadrati di copertura vengano al più presto rimossi perchè potenzialmente pericolosi visto che, in più occasioni, le fibre si sarebbero frantumate e sarebbero cadute al suolo, costringendo anche alla chiusura della strada.

«Abbiamo già inviato due ordinanze ai proprietari dello stabile, i fratelli Torroni per mettere in sicurezza il Cinema – dichiara il sindaco Luigi Caroli –; la situazione non è facile da gestire, intanto per l’ingente costo da affrontare (siamo su circa 200 mila euro) e poi per la difficoltà nello smaltimento vero e proprio perchè i tempi sarebbero lunghi in quanto non è possibile entrare con i mezzi all’interno dello stabile per la precaria stabilità. Stiamo monitorando comunque la situazione e faremo il possibile per risolverla».

L’amianto è in grado di far migliaia vittime, prima e ancora dopo quella data. Si tratta di un vero killer, silenzioso, latente, subdolo, spietato, secondo l’ultima ricerca pubblicata sulla rubrica Salute24. Ciò in quanto i danni provocati dall’inalazione delle sue polveri scatenano una “reazione atomica” che si manifesta 20, 30 anni dopo la contaminazione. L’uso più massiccio di amianto è avvenuto in edilizia, soprattutto nel periodo che va dal 1965 al 1983 come cemento-amianto (eternit) ma è fuori legge dal 1992.

Il Cinema-Teatro Argentieri - per i cegliesi “u cineme vecchje“ - è legato ad un periodo storico importante sia dal punto di vista sociale e culturale della città. Per decenni in quella sala intere generazioni hanno potuto assistere alla visione di pellicole di avventura, d’amore e comiche. E non solo, sul suo palco si sono esibite le più importanti compagnie teatrali degli anni ‘50, ‘60 e ‘70. La struttura era, anche, utilizzata per le feste di matrimonio e in estate si poteva assistere all’apertura del tetto. I fratelli Torroni sono anche i proprietari dell’omonimo Cinema sito a pochi metri di distanza, detto anche “u cineme nueve”, chiuso a metà degli anni ‘90, dove si poteva assistere a pellicole rimaneggiate che un paio di mesi prima erano state proiettate a Francavilla Fontana o a Ostuni.

Entrambe le strutture, al momento, vivono in stato di abbandono. Nel 2010, per la struttura di via Gioberti, i fratelli Torroni, con un progetto a firma dell’arch. Alfredo Quaranta, ne avevano previsto la demolizione e la realizzazione di edifici ad uso residenziale. Ma il progetto non è stato portato a compimento. Secondo indiscrezioni per entrambe le strutture sarebbe vicina la vendita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Contrabbando, 7 quintali bionde su nave Marina: pm di Brindisi stringe il cerchio

Contrabbando, 7 quintali di «bionde» su nave Marina: pm Brindisi stringe il cerchio

 
Ritrovato pensionato scomparso a Brindisi: era nel Tarantino

Ritrovato pensionato scomparso a Brindisi: era nel Tarantino

 
Brindisi, picchia e deruba la madre poi tenta furto in chiesa: arrestato

Brindisi, picchia e deruba la madre poi tenta furto in chiesa

 
Brindisi, fermato aggressore del migrante 16enne: colpito per un saluto a una ragazza italiana

Brindisi, fermato aggressore di un migrante 16enne: pestato per aver salutato una ragazza

 
Brindisi, sequestrati nel porto 39mila peluche e 5mila motori per lavatrici

Brindisi, sequestrati nel porto 39mila peluche e 5mila motori per lavatrici

 
Pensionato scompare a Brindisi, ricerche in tutta la zona

Pensionato scompare a Brindisi, ricerche in tutta la zona

 
Ostuni, biglietteria chiusa, polemiche sulla stazione ferroviaria

Ostuni, biglietteria chiusa, polemiche sulla stazione ferroviaria

 
Brindisi, assicurazione Rca in picchiata: diminuisce il costo delle polizze auto

Brindisi, assicurazione Rca in picchiata: diminuisce il costo delle polizze auto

 

GDM.TV

Palagiustizia, l'affondo di Bonafede«Falsità le accuse contro di me»

Palagiustizia, l'affondo di Bonafede
«Falsità le accuse contro di me»

 
Gli studenti del Poliba creano la PC5 2018 EVO: ecco la monoposto da corsa

Bari, la nuova monoposto da corsa
creata dagli studenti del Politecnico

 
I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: in arrivo la Red Bull Cliff Diving

I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: ecco la Red Bull Cliff Diving

 
La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

 
Pesca a strascico, il grande fratello inchioda 11 barche: in cella comandante di peschereccio

Pesca a strascico, multate 11 barche
in cella comandante di peschereccio

 
Fiera: gli spazi più amati dai 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento "military style" con l'esercito

Fiera: 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento «military style»

 
Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

 
Bari, anziano cade in un pozzoil salvataggio dei Vigili del fuoco

Bari, anziano cade in un pozzo
il salvataggio dei Vigili del fuoco Vd

 

PHOTONEWS