Lunedì 20 Gennaio 2020 | 00:56

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Brindisino
Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

 
La tragedia
Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

 
Buon compleanno
Nonna Maria spegne 105 candeline: la festa a San Michele Salentino

Nonna Maria spegne 105 candeline: la festa a San Michele Salentino

 
Nel Brindisino
S.Vito dei Normanni, 79enne abbandona in strada 4 cagnolini di pochi giorni, denunciato

S.Vito dei Normanni, 79enne abbandona in strada 4 cagnolini di pochi giorni, denunciato

 
Il caso
Mesagne, villa con piscina e carrozzerie allacciate abusivamente a rete elettrica: 3 indagati

Mesagne, villa con piscina e carrozzerie allacciate abusivamente a rete elettrica: 3 indagati

 
La storia
Torre Guaceto, Cohiba tartaruga con gli occhi chiusi: il sogno di ridarle la vista

Torre Guaceto, Cohiba tartaruga con gli occhi chiusi: il sogno di ridarle la vista

 
Abusivismo
Ceglie Messapica, case popolari occupate: 26 denunce

Ceglie Messapica, case popolari occupate: 26 denunce

 
Un 26enne
Ceglie Messapica, guida l'auto dopo aver bevuto e si scontra con un furgone: denunciato

Ceglie Messapica, guida l'auto dopo aver bevuto e si scontra con un furgone: denunciato

 
I funerali
Fasano, a migliaia per l'addio al «guerriero» Custodero

Fasano, a migliaia per l'addio al «guerriero» Custodero

 
Scarcerato
Ostuni, torna libero l'imprenditore che ha ucciso per sbaglio la moglie

Ostuni, torna libero l'imprenditore che ha ucciso per sbaglio la moglie

 

Il Biancorosso

Serie C
Goleada del Bari contro il fanalino di coda Rieti: il videocommento

Goleada del Bari contro il fanalino di coda Rieti: il videocommento

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl 22 gennaio
Bari, al via il convegno «Il senso delle parole» con FNSI e Martella

Bari, al via il convegno «Il senso delle parole» con FNSI e Martella

 
FoggiaL'operazione dei cc
Cerignola, beccati 4 giovanissimi ladri di moto: arrestati

Cerignola, beccati 4 giovanissimi ladri di moto: arrestati

 
TarantoIl caso
Capitale della Cultura italiana 2021: prove di sintesi fra Taranto e Grecìa Salentina

Capitale della Cultura italiana 2021: prove di sintesi fra Taranto e Grecìa Salentina

 
BrindisiNel Brindisino
Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

 
Materaarte
Matera, boom dei musei: presenze salgono del 28,98%

Matera, boom dei musei: presenze salgono del 28,98%

 
Leccenel Salento
S.M. al Bagno, il campanile cade a pezzi: è allarme

S.M. al Bagno, il campanile cade a pezzi: è allarme

 
Batl'ultimo saluto
Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

Barletta saluta il dottor Dimiccoli: fu anche ex sindaco

 

i più letti

Brindisi

Bomba contro panificio
È il secondo attentato
in pochi mesi al negozio

Bomba contro panificio  È il secondo attentato  in pochi mesi al negozio

di Antonio Portolano

BRINDISI - Prima le fiamme, poi le bombe. Secondo attentato nell’arco di pochi mesi ai danni del panificio di viale San Giovanni Bosco 153 di proprietà della famiglia De Matteis. I dinamitardi sono entrati in azione intorno alle 2.30 del mattino di domenica piazzando un ordigno di medio potenziale nei pressi della soglia dell’attività commerciale. Poi la deflagrazione che ha fatto sobbalzare non solo i residenti del quartiere Santa Chiara visto che il botto è stato sentito nitidamente fino al rione Sant’Elia. L’onda d’urto ha provocato danni - fortunatamente di piccola entità - all’ingresso del negozio nei pressi della soglia e mandato in frantumi la vetrata d’ingresso nonostante la saracinesca fosse chiusa. Subito dopo l’esplosione qualcuno avrebbe udito un’auto ripartire a forte velocità «sgommando». Non è la prima volta che il panificio è «oggetto di attenzione» da parte dei malviventi. Il 7 maggio scorso qualcuno versò cosparsa di liquido infiammabile nei pressi dell’ingresso e appiccò le fiamme. Anche in quel caso i danni furono limitati e interessarono la saracinesca del laboratorio di panetteria. Una delle piste potrebbe essere quella del racket delle estorsioni, fenomeno sommerso per via dell’assenza di denunce, ma sempre vivo.

La stessa famiglia proprietaria del panificio la scorsa estate ha aperto anche una pizzeria, in via Villafranca (sempre al rione Santa Chiara). Attività che pare stia riscuotendo un discreto successo. Il panificio è dotato di telecamere di sorveglianza che potrebbero aver registrato elementi utili alle indagini su cui sono a lavoro Squadra mobile e Sezione volanti della Polizia di Stato. Sempre in viale San Giovanni Bosco, nemmeno tre settimane prima, un’altra pizzeria è stata presa di mira. Erano le prime ore del 28 settembre scorso, quando da un’auto partirono diversi colpi di pistola contro la serranda della pizzeria «G&C». Anche su questo caso indaga la Polizia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie