Sabato 16 Febbraio 2019 | 05:19

NEWS DALLA SEZIONE

Provoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
Sulla via di San Vito
Brindisi, cc scoprono casolare con 50 africani tra droga e degrado, un arresto

Brindisi, scoperti 50 africani in casolare tra droga e degrado: un arresto

 
La rapina a Brindisi
Brindisi, legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

Legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

 
Dai cc di Brindisi Casale
Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

 
Il caso
Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

 
La rapina
Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

 
Sequestrati anche 30 kg di pesce
carabinieri Nas

Latiano, lavavano pesce con acqua contaminata: ristorante sospeso

 
NEL RIONE SANT'ANGELO
Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

 
Operazione dei Cc
Carovigno, nel «fortino» 2 quintali di droga: sotto accusa una famiglia

Carovigno, nel «fortino» 2 quintali di droga: sotto accusa una famiglia

 
Lotta alla droga
Carovigno, beccato mentre spacciava cocaina: arrestato 42enne

Carovigno, preso dai Cc 42enne mentre spacciava cocaina

 
Al Perrino
Brindisi, si esercita in sala operatoria su carne animale: ginecologo sotto procedimento

Brindisi, si esercita in sala operatoria su carne animale: ginecologo sotto accusa

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl caso
«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

 
BariL'anniversario
Bari, 20 anni dalla morte Tatarella: un libro per ricordarlo

Bari, ricordato Tatarella a 20 anni dalla morte

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 
MateraNel 2009
Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

 
TarantoDenunce
Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

 
PotenzaNel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
BrindisiProvoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
LecceNuove accuse
Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

 

Brindisi

«Salvare le Province»
Scioperano i dipendenti

Il presidente Bruno: «Bullismo istituzionale da parte del Governo»

«Salvare le Province» Scioperano i dipendenti

BRINDISI - Molto presto non ci saranno più soldi nemmeno per pagare gli stipendi dei dipendenti. È l’ultimo allarme, in ordine cronologico, rappresentato ieri nel corso della riunione in prefettura seguita allo sciopero dei dipendenti dell’Amministrazione provinciale di Brindisi che ieri - al pari dei loro colleghi dell’altra ventina di Enti in bilico in tutt’Italia sono scesi in piazza in un pacifico sit-in.

È allarme rosso. Non solo non ci sono più fondi per ogni tipo di servizio svolto dall’Ente, non solo ci sono 115 posti a rischio nella sua società partecipata Santa Teresa, ma l’entrata in default è ormai conclamata da tempo. I dipendenti - sono 160 quelli diretti - ieri hanno incassato anche la solidarietà del presidente della Provincia: «Il governo ci ruba i soldi per la merenda e poi ci obbliga a fargli i compiti per casa. Ponga fine a questa forma di bullismo istituzionale. È in ballo la vita delle persone. Ascolti il nostro grido», dice Maurizio Bruno.

«Voglio esprimere tutta la mia solidarietà e vicinanza ai dipendenti della mia Provincia e ai dipendenti di tutte le Province d'Italia, che oggi hanno incrociato le braccia in segno di protesta contro una riforma che è stata ideata bene, ma progettata male e realizzata peggio. Ne stiamo pagando le conseguenze tutti: amministratori, lavoratori e cittadini. L'idea di fondo della riforma era condivisibile e condivisa: eliminare o comunque contenere le Province e trasferire le loro funzioni a Stato, Regione e Comuni. E invece cosa è stato fatto? Hanno solo tolto i soldi, lasciando alle Province il delicato e vitale incarico di curare l'edilizia scolastica, la manutenzione delle strade e la tutela ambientale». Bruno si scaglia contro il Governo del suo stesso colore politico: «Le Province quindi oggi sono chiamate a fare esattamente quello che facevano prima, ma con i soldi del Monopoli. Le conseguenze? Scuole meno sicure, strade meno sicure, lavoratori licenziati o trasferiti, e altri in procinto di seguire la stessa spaventosa sorte. Tutto questo non è più tollerabile. Non è da paese civile, non è da classe politica chiamata a rispettare quantomeno le regole che essa stessa si da. Il Governo ora deve ascoltarci, e deve porre rimedio a questa indicibile ingiustizia. Se le Province devono continuare a occuparsi della sicurezza e della salute dei cittadini e dei suoi ragazzi, allora che siano restituite loro le somme che in questi anni ci sono state indebitamente sottratte con continui tagli e prelievi. Non possiamo essere noi il bancomat dei governi nazionali. Questa è prepotenza. Il Governo si sta comportando come quel bullo che prima ruba al compagno di classe i soldi per la merenda e poi lo obbliga a fargli i compiti. Né più né meno. E tutto questo non lo possiamo più tollerare».

Anche Sinistra Italiana Puglia è al fianco delle lavoratrici e dei lavoratori delle Province di Brindisi, Barletta-Andria-Trani, Foggia, Lecce, Taranto, e della Città Metropolitana di Bari, che hanno partecipano allo sciopero nazionale dei e delle dipendenti della Province e Città Metropolitane, che sono 22.000 in tutta Italia, proclamato per chiedere che il Governo nazionale stanzi risorse adeguate per erogare i servizi di competenza provinciale ai cittadini e gli stipendi ai lavoratori e alle lavoratrici. «Con la sciagurata Legge Del Rio - dice il segretario regionale Nico Bavaro -, le Province sono state sottratte al voto del popolo, evidenziando la concezione della democrazia che hanno i renziani, che volevano abolirle cominciando a renderne impossibile il funzionamento». Sinistra Italiana è impegnata nell’abrogazione della Legge Delrio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400