Mercoledì 19 Settembre 2018 | 02:09

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Brindisi

«Salvare le Province»
Scioperano i dipendenti

Il presidente Bruno: «Bullismo istituzionale da parte del Governo»

«Salvare le Province» Scioperano i dipendenti

BRINDISI - Molto presto non ci saranno più soldi nemmeno per pagare gli stipendi dei dipendenti. È l’ultimo allarme, in ordine cronologico, rappresentato ieri nel corso della riunione in prefettura seguita allo sciopero dei dipendenti dell’Amministrazione provinciale di Brindisi che ieri - al pari dei loro colleghi dell’altra ventina di Enti in bilico in tutt’Italia sono scesi in piazza in un pacifico sit-in.

È allarme rosso. Non solo non ci sono più fondi per ogni tipo di servizio svolto dall’Ente, non solo ci sono 115 posti a rischio nella sua società partecipata Santa Teresa, ma l’entrata in default è ormai conclamata da tempo. I dipendenti - sono 160 quelli diretti - ieri hanno incassato anche la solidarietà del presidente della Provincia: «Il governo ci ruba i soldi per la merenda e poi ci obbliga a fargli i compiti per casa. Ponga fine a questa forma di bullismo istituzionale. È in ballo la vita delle persone. Ascolti il nostro grido», dice Maurizio Bruno.

«Voglio esprimere tutta la mia solidarietà e vicinanza ai dipendenti della mia Provincia e ai dipendenti di tutte le Province d'Italia, che oggi hanno incrociato le braccia in segno di protesta contro una riforma che è stata ideata bene, ma progettata male e realizzata peggio. Ne stiamo pagando le conseguenze tutti: amministratori, lavoratori e cittadini. L'idea di fondo della riforma era condivisibile e condivisa: eliminare o comunque contenere le Province e trasferire le loro funzioni a Stato, Regione e Comuni. E invece cosa è stato fatto? Hanno solo tolto i soldi, lasciando alle Province il delicato e vitale incarico di curare l'edilizia scolastica, la manutenzione delle strade e la tutela ambientale». Bruno si scaglia contro il Governo del suo stesso colore politico: «Le Province quindi oggi sono chiamate a fare esattamente quello che facevano prima, ma con i soldi del Monopoli. Le conseguenze? Scuole meno sicure, strade meno sicure, lavoratori licenziati o trasferiti, e altri in procinto di seguire la stessa spaventosa sorte. Tutto questo non è più tollerabile. Non è da paese civile, non è da classe politica chiamata a rispettare quantomeno le regole che essa stessa si da. Il Governo ora deve ascoltarci, e deve porre rimedio a questa indicibile ingiustizia. Se le Province devono continuare a occuparsi della sicurezza e della salute dei cittadini e dei suoi ragazzi, allora che siano restituite loro le somme che in questi anni ci sono state indebitamente sottratte con continui tagli e prelievi. Non possiamo essere noi il bancomat dei governi nazionali. Questa è prepotenza. Il Governo si sta comportando come quel bullo che prima ruba al compagno di classe i soldi per la merenda e poi lo obbliga a fargli i compiti. Né più né meno. E tutto questo non lo possiamo più tollerare».

Anche Sinistra Italiana Puglia è al fianco delle lavoratrici e dei lavoratori delle Province di Brindisi, Barletta-Andria-Trani, Foggia, Lecce, Taranto, e della Città Metropolitana di Bari, che hanno partecipano allo sciopero nazionale dei e delle dipendenti della Province e Città Metropolitane, che sono 22.000 in tutta Italia, proclamato per chiedere che il Governo nazionale stanzi risorse adeguate per erogare i servizi di competenza provinciale ai cittadini e gli stipendi ai lavoratori e alle lavoratrici. «Con la sciagurata Legge Del Rio - dice il segretario regionale Nico Bavaro -, le Province sono state sottratte al voto del popolo, evidenziando la concezione della democrazia che hanno i renziani, che volevano abolirle cominciando a renderne impossibile il funzionamento». Sinistra Italiana è impegnata nell’abrogazione della Legge Delrio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Furto nelle tenute di Al Bano, rubati vino, robot per la piscina e un'affettatrice

Furto nelle tenute di Al Bano, rubati vino, robot per la piscina e un'affettatrice

 
Brindisi, assicurazione Rca in picchiata: diminuisce il costo delle polizze auto

Brindisi, assicurazione Rca in picchiata: diminuisce il costo delle polizze auto

 
Brindisi, imbratta la porta del condominio: denunciato 19enne

Brindisi, imbratta porta del condominio: denunciato 19enne

 
Brindisi contro le barriere architettoniche: associazioni in piazza

Brindisi contro le barriere architettoniche: associazioni in piazza

 
Brindisi, rimosso manifestioffensivi contro Salvini

Brindisi, rimosso manifesto
offensivo contro Salvini

 
Brindisi, saccheggiata sededella Protezione civile

Brindisi, saccheggiata sede
della Protezione civile

 
Brindisi, l'abbraccio della cittàai «giganti» della squadra del cuore

Brindisi, l'abbraccio della città ai «giganti» della squadra del cuore

 
Farmacia comunale a BrindisiCorte Conti chiede 500mila euro

Farmacia comunale a Brindisi
Corte Conti chiede 500mila euro

 

GDM.TV

La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

 
Pesca a strascico, il grande fratello inchioda 11 barche: in cella comandante di peschereccio

Pesca a strascico, multate 11 barche
in cella comandante di peschereccio

 
Fiera: gli spazi più amati dai 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento "military style" con l'esercito

Fiera: 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento «military style»

 
Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

 
Bari, anziano cade in un pozzoil salvataggio dei Vigili del fuoco

Bari, anziano cade in un pozzo
il salvataggio dei Vigili del fuoco Vd

 
Bari, il raduno dei bikers:moto, birra e tanta musica IL VIDEO

Bari, il raduno dei bikers: moto,
birra e tanta musica fino a sera

 
Grave incidente in via Barisano da Trani: motociclista in codice rosso

Grave incidente in via Barisano da Trani: motociclista in codice rosso

 
Pace fatta tra Emiliano e Nunziante, il governatore: «Grazie Tonino»

Pace fatta tra Emiliano e Nunziante, il governatore: «Grazie Tonino» VD

 

PHOTONEWS