Sabato 16 Febbraio 2019 | 18:11

NEWS DALLA SEZIONE

Ai domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
Provoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
Sulla via di San Vito
Brindisi, cc scoprono casolare con 50 africani tra droga e degrado, un arresto

Brindisi, scoperti 50 africani in casolare tra droga e degrado: un arresto

 
La rapina a Brindisi
Brindisi, legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

Legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

 
Dai cc di Brindisi Casale
Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

 
Il caso
Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

 
La rapina
Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

 
Sequestrati anche 30 kg di pesce
carabinieri Nas

Latiano, lavavano pesce con acqua contaminata: ristorante sospeso

 
NEL RIONE SANT'ANGELO
Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

 
Operazione dei Cc
Carovigno, nel «fortino» 2 quintali di droga: sotto accusa una famiglia

Carovigno, nel «fortino» 2 quintali di droga: sotto accusa una famiglia

 
Lotta alla droga
Carovigno, beccato mentre spacciava cocaina: arrestato 42enne

Carovigno, preso dai Cc 42enne mentre spacciava cocaina

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
BariSanità
Medicina «narrativa» Un corso per i medici

Medicina «narrativa» Un corso per i medici

 
TarantoLa manifestazione
Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Brindisi

Traslati in Cattedrale
i resti mortali di Matteo

La Curia precisa: «Sarà l'occasione per pregare insieme per il felice esito della Causa in corso»

Traslati in Cattedrale  i resti mortali di Matteo

BRINDISI - I resti mortali di Matteo Farina, il giovane brindisino per il quale è in corso il processo di canonizzazione, saranno traslati in Cattedrale. L’evento è stato ufficializzato dalla Curia, nelle scorse ore con un dettagliato comunicato. «Venerdì 29 settembre, alle ore 18,30 l’Arcivescovo mons. Domenico Caliandro presiederà la celebrazione eucaristica nella Cattedrale di Brindisi, in occasione della traslazione nel nostro Duomo dei resti mortali del giovane Matteo Farina», spiega la nota.

«La liturgia sarà quella del giorno, nella festa dei santi arcangeli Michele, Gabriele e Raffaele», si aggiunge. Un giorno di festa particolare perchè con la promulgazione del decreto conciliare «Inter Mirifica» sui mezzi della comunicazione sociale, si stabilì anche che in quella giornata veniva reso noto il tema della «Giornata mondiale delle comunicazioni sociali» dell’anno seguente e perchè nella stessa data inizierà in Duomo il ministero di mons. Fabio Ciollaro, vicario generale dell’arcidiocesi che fino all’anno pastorale appena chiuso ha guidato la comunità della chiesa matrice in San Vito dei Normanni.

«Al termine - prosegue la nota diffusa nelle corse ore -, davanti al sarcofago del servo di Dio, si leggerà il verbale dell’avvenuta traslazione e si reciterà la preghiera per la beatificazione».

La nota della Curia rende noto ancora che «la traslazione renderà più accessibili le sue spoglie a tutti coloro che desiderano visitarle e sostare in preghiera dinanzi ad esse. Ed è assai significativo che d’ora in poi il corpo di Matteo sia custodito in Duomo - si osserva -, luogo sacro caro a tutti i brindisini e cuore dell’intera diocesi di Brindisi-Ostuni».

La Curia quindi specifica: «Naturalmente, finchè non sarà conclusa la causa di beatificazione, saranno accuratamente evitati tutti i segni di culto indebito (statue, immagini con aureola ecc.), poiché non va prevenuto in alcun modo il giudizio della Sede Apostolica. Il processo canonico, infatti, è ancora in corso. Terminata la fase diocesana (la chiusura è avvenuta il 24 aprile scorso, n.d.r.), con l’escussione dei testimoni e la raccolta della documentazione - si aggiunge -, la causa è ora pendente a Roma, dove gli organi competenti devono esaminare gli atti inviati, valutarne la plausibilità e sottoporre ogni cosa al giudizio finale del Papa. In attesa che la Chiesa si pronunci nella sua massima istanza, noi - prosegue la nota della Curia - possiamo continuare a pregare perché l’esempio di Matteo sia di aiuto per molti. Possiamo inoltre domandare fiduciosamente la sua intercessione per le grazie che ci stanno a cuore».

Quindi si precisa: «Come già noto, il trasferimento delle spoglie di Matteo dalla cappella di famiglia del cimitero comunale alla Cattedrale di Brindisi è stato autorizzato dai competenti organi vaticani (Congregazione delle Cause dei Santi prot.n.3234-2/17) e sono stati acquisiti anche tutti i permessi prescritti dalle leggi civili. La traslazione avverrà in forma strettamente privata alla presenza del Vicario Generale e di una commissione ad hoc per garantire l’esecuzione scrupolosa di tutto ciò che è prescritto e redigerne il verbale. In questa occasione non sarà effettuata la ricognizione canonica dei resti mortali. Ci si limiterà a constatare l’identità della bara estratta dalla tomba di famiglia, racchiusa e sigillata in altra cassa idonea, trasportata e nuovamente seppellita in Duomo, sotto la prima arcata della navata destra». Conclusione: «La celebrazione pubblica che l’Arcivescovo presiederà in Cattedrale venerdì 29 settembre sarà l’occasione per pregare insieme per il felice esito della Causa in corso».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400