Sabato 16 Febbraio 2019 | 03:56

NEWS DALLA SEZIONE

Provoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
Sulla via di San Vito
Brindisi, cc scoprono casolare con 50 africani tra droga e degrado, un arresto

Brindisi, scoperti 50 africani in casolare tra droga e degrado: un arresto

 
La rapina a Brindisi
Brindisi, legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

Legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

 
Dai cc di Brindisi Casale
Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

 
Il caso
Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

 
La rapina
Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

 
Sequestrati anche 30 kg di pesce
carabinieri Nas

Latiano, lavavano pesce con acqua contaminata: ristorante sospeso

 
NEL RIONE SANT'ANGELO
Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

 
Operazione dei Cc
Carovigno, nel «fortino» 2 quintali di droga: sotto accusa una famiglia

Carovigno, nel «fortino» 2 quintali di droga: sotto accusa una famiglia

 
Lotta alla droga
Carovigno, beccato mentre spacciava cocaina: arrestato 42enne

Carovigno, preso dai Cc 42enne mentre spacciava cocaina

 
Al Perrino
Brindisi, si esercita in sala operatoria su carne animale: ginecologo sotto procedimento

Brindisi, si esercita in sala operatoria su carne animale: ginecologo sotto accusa

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl caso
«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

 
BariL'anniversario
Bari, 20 anni dalla morte Tatarella: un libro per ricordarlo

Bari, ricordato Tatarella a 20 anni dalla morte

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 
MateraNel 2009
Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

 
TarantoDenunce
Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

 
PotenzaNel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
BrindisiProvoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
LecceNuove accuse
Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

 

ostuni

Turisti stranieri malmenati e rapinati
riconoscono i tre individui, arrestati

Turisti stranieri malmenati e rapinati riconoscono i tre individui, arrestati

OSTUNI - Il 38enne, Oronzo Pietro Lanzilotti, di Brindisi ma residente in Carovigno; il 45enne, Pasqualino Lanzilotti, di Carovigno e il 40enne, Giuseppe Iaia, nativo di Brindisi e residente a Carovigno, in esecuzione di ordinanze di custodia cautelare in carcere da parte del Gip Stefania De Angelis, su richiesta del sostituto procuratore della Repubblica, Luca Miceli, sono stati tratti in arresto per rapina a mano armata, lesioni personali aggravate e porto e detenzione in luogo pubblico di pistola.

I provvedimenti restrittivi eseguiti in Carovigno, sono l’epilogo dell’attività investigativa svolta dal Commissariato della Polizia di Stato di Ostuni, diretto dal dott. Gianni Albano sotto la direzione ed il coordinamento del sostituto procuratore Miceli, a seguito di una rapina compiuta notte tempo il 18 luglio scorso, dai tre ai danni di 4 soggetti stranieri che viaggiavano a bordo della loro auto in zona Torre Pozzella di Ostuni.

I 3 arrestati, con arma in pugno, dopo aver spietatamente malmenato le quattro vittime, si impossessavano dei beni di loro pertinenza, tra i quali l’autovettura su cui viaggiavano, i telefoni cellulari, un orologio da polso nonché la somma di 80 euro.

L’attività d’indagine partita dopo la rapina, consentiva di giungere ad una dettagliata ricostruzione dei fatti con i 4 rapinati che quella notte, a bordo di autovettura, dopo aver salutato un loro amico, mentre si accingevano a fare rientro alla loro abitazione di San Vito dei Normanni, venivano bloccati da 3 persone, uno dei quali armato di pistola sbucati all’improvviso da dietro un muretto a secco ivi esistente.

I malviventi, sotto la minaccia dell’arma, li costringevano a scendere dall’auto e, - dice il documento del magistrato - «dopo averli brutalmente e ferocemente picchiati con calci e pugni in ogni parte del corpo percuotendoli ripetutamente seguendo l’ordine della fila lungo la quale erano stati obbligati a posizionarsi e, “giunti” alla fine della fila suddetta, ricominciando a ritroso seviziandoli sempre con la medesima inaudita violenza, s’impossessavano dei beni di loro pertinenza, allontanandosi con l’auto delle vittime».

I 4 malcapitati, visitati presso il pronto soccorso dell’Ospedale di Ostuni, riportavano, rispettivamente, il passeggero anteriore, «30 giorni di prognosi con un politraumatismo diffuso su tutto il corpo mentre gli altri 3, ciascuno 10 giorni di prognosi, per lesioni varie quali “trauma cranico, toracico-addominale e al polso sinistro” nonché “trauma cranico non commotivo, trauma toracico-addominale” e “trauma cranico con vertigini”».

Già in fase di «primo intervento della Volante del Commissariato, le vittime avevano fornito una dettagliata e circostanziata descrizione di quanto erano stati costretti a patire - dicono i poliziotti - e i rapinati, in sede di denuncia, fornivano agli investigatori del Commissariato della Città Bianca una serie di elementi che, debitamente approfonditi e sviluppati, permettevano di dare un nome ai 3 responsabili della cruenta rapina. In particolare, i 3 rapinatori che avevano agito a volto scoperto certi di non essere riconosciuti dagli stranieri, venivano invece individuati con assoluta certezza da 2 delle 4 vittime in quanto sedute sui sedili posteriori dell’utilitaria rapinata e ultimi ad essere stati aggrediti».

Non solo «i malcapitati fornivano le indicazioni sulle foto segnaletiche posto che, i poliziotti ostunesi, dalle descrizioni somatiche fornite, avevano subito concentrato l’investigazione sui 3 poi risultati essere gli autori della rapina. Nell’immediatezza delle indagini svolte senza soluzione di continuità per oltre 24 ore dall’accaduto, si riusciva a rintracciare l’auto rapinata all’interno di un terreno in contrada Tamburroni, agro di Ostuni mentre la stessa veniva sottoposta ad accertamenti tecnico-scientifici da parte del personale del Gabinetto provinciale di Polizia Scientifica fatto».

Il sostituto procuratore Miceli chiedeva ed otteneva dal Gip De Angelis, la custodia cautelare in carcere per i 3 e i provvedimenti restrittivi erano eseguiti nella nottata tra venerdì e sabato scorso. «A distanza di neanche un mese dal violento accadimento, la Polizia di Stato, ha fatto luce su un brutto episodio verificatosi nel cuore dell’estate ostunese contribuendo alla ricostituzione della tranquillità sociale, grazie alla collaborazione della collettività onde pervenire all’affermazione dei principi di legalità e giustizia sociali», concludono dal Commissariato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400