Giovedì 21 Febbraio 2019 | 17:03

NEWS DALLA SEZIONE

A ceglie messapica
Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

 
l'emergenza
Brindisi, allarme povertà: alla Caritas aumentano le richieste

Brindisi, allarme povertà: alla Caritas aumentano le richieste

 
Il caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
A Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
Lotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
Il caso
Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

 
Nel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
Coppa Italia 2019
Basket, il Brindisi vola in finale: battuto il Sassari 86-87

Basket, il Brindisi vola in finale per i Final Eight: battuto Sassari 86-87

 
Ai domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
Provoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
Sulla via di San Vito
Brindisi, cc scoprono casolare con 50 africani tra droga e degrado, un arresto

Brindisi, scoperti 50 africani in casolare tra droga e degrado: un arresto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariI fatti nel 2017
Monopoli, tentò di uccidere moglie e ferì la figlia: chiesti 20 anni

Monopoli, tentò di uccidere moglie e ferì la figlia: chiesti 20 anni

 
HomeLa decisione
Puglia, il Consiglio approva la fusione tra Presicce e Acquarica

Puglia, il Consiglio approva la fusione tra Presicce e Acquarica

 
BrindisiA ceglie messapica
Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

 
TarantoArrestato pregiudicato
Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

Litiga con i genitori, polizia trova in camera una pistola

 
FoggiaHanno agito in quattro
Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

Tir carico di sigarette assaltato nel Foggiano, nessun ferito

 
PotenzaL'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
BatLa denuncia
Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

 
Materail Truffatore è barese
Si fa dare 3 Rolex da negoziante fingendo di essere figlio di un amico: arrestato a Matera

«Mio padre è tuo amico», si fa dare 3 Rolex da rivenditore: arrestato a Matera

 

Forse abbandonate dai pescatori di frodo

Reti «fantasma» nelle acque
dell'oasi di Torre Guaceto

Reti «fantasma» nelle acque  dell'oasi di Torre Guaceto

CAROVIGNO - Le chiamano «reti fantasma», ma di fantasma hanno ben poco. Le reti fantasma sono comuni attrezzi da pesca che, abbandonati in mare dai pescatori, possono continuare svolgere l’azione di cattura della fauna marina per diversi anni. L’altro ieri una rete è stata recuperata dagli operatori sulla scogliera della Riserva Naturale di Torre Guaceto. In un luogo come la Riserva che regala natura a 360 gradi, questa volta è arrivata dal mare una rete da pescatore e, come spesso accade, il mare restituisce sempre quello che viene abbandonato. Ed è quello che è accaduto nel rinvenimento di una rete nella Riserva, giunta non si sa da dove o come, e cosa abbia impedito ai rispettivi proprietari di tirarla a bordo nella barca.

Il primo pensiero è che i pescatori si trovassero a ridosso o peggio ancora all’interno dell’area Protetta della Riserva, area con divieto di pesca, e che volessero portarsi qualche chilo di pesce. Sono numerosi infatti i pescatori di frodo che tentano di approfittare ma, grazie alla stretta collaborazione tra il Consorzio e le autorità, vengono fermati in tempo. Forse, per non incappare in qualche controllo e beccarsi la denuncia per pesca di frodo, i pescatori hanno con ogni probabilità preferito abbandonare alla deriva tutto quanto poteva essere corpo di reato, quindi la rete da pesca. «Uno dei problemi in ambito di conservazione degli habitat e tutela della comunità faunistica che affliggono i nostri mari, in particolar modo quelli poco profondi come l’Adriatico, è rappresentato dalle ghost fishing.

L’abbandono volontario, verificatosi in diversi episodi a Torre Guaceto, - spiega il Consorzio- capita soprattutto quando vi è il sopraggiungere per i normali controlli di routine dei mezzi della Capitaneria o del reparto navale della Guardia di Finanza. Nel tentativo di scongiurare il fermo in flagranza di reato, i pescatori di frodo abbandonato in mare i propri attrezzi da pesca». Non è la prima volta che nella Riserva accadono queste cose. Solo negli ultimi giorni il personale addetto della Riserva ha recuperato una grande rete fantasma che si era impigliata sugli isolotti di una delle spiagge dell’Area Marina Protetta, ma il pericolo è stato scongiurato grazie appunto all’intervento tempestivo degli operatori.

Pasquale Camposeo

carovignoinquietante rinvenimento e allarme lanciato dai responsabili del consorzio di gestione dell’area

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400