Mercoledì 20 Febbraio 2019 | 18:08

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
A Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
Lotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
Il caso
Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

 
Nel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
Coppa Italia 2019
Basket, il Brindisi vola in finale: battuto il Sassari 86-87

Basket, il Brindisi vola in finale per i Final Eight: battuto Sassari 86-87

 
Ai domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
Provoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
Sulla via di San Vito
Brindisi, cc scoprono casolare con 50 africani tra droga e degrado, un arresto

Brindisi, scoperti 50 africani in casolare tra droga e degrado: un arresto

 
La rapina a Brindisi
Brindisi, legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

Legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

 
Dai cc di Brindisi Casale
Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeDurante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
AnalisiL'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
BatIl caso
Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

 
TarantoDecide il giudice del lavoro
Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

 
LecceNel mirino della criminalità
Lecce, nuova «sfida» al prete antimafia Don Coluccia

Lecce, nuova «sfida» al prete antimafia Don Coluccia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
FoggiaGuerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
MateraUn 21enne materano
Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

 

il problema

La Xylella non si riesce a fermare
altri alberi eradicati a Carovigno

nuovi contagi ma tutto sembra inutile

La Xylella non si riesce a fermarealtri alberi eradicati a Carovigno

Pasquale Camposeo

Carovigno - Nel territorio carovignese si continua la eradicazione degli alberi di olivo infetti dalla Xylella fastidiosa. Non si ferma l’avanzare della Xylella nel territorio carovignese e, dopo quelli individuati nella Contrada di ” Bufolaria”, a due passi dall’area di Torre Guaceto e già abbattuti, l’altro ieri è toccato in un terreno in Contrada “Colacavallo”, già colpito nei mesi scorsi. Quattro gli alberi affetti dal batterio che sono stati sradicati e i cui rami sono stati bruciati, così come indica la normativa regionale. Sono sempre più frequenti e in notevole aumento i focolai attivi della Xylella e il rischio di altri focolai si aggrava sempre di più. Al momento non si conosce il numero esatto degli alberi colpiti dal batterio già accertati e quelli ancora in fase di accertamento che minacciano dall’inizio dell’anno il territorio di Carovigno. Infatti il continuo diffondersi della Xylella non permette di fare un esatto monitoraggio delle Contrade ritenute colpite.

Questo è dovuto particolarmente al ridotto numero dei tecnici per effettuare dei capillari controlli. Buona parte degli alberi infetti sono stati “incappucciati” con teli soprattutto quelli ritenuti alberi monumentali in virtù della legge regionale del 29 marzo scorso che non possono essere abbattuti. Tuttavia a complicare maggiormente le cose, sono le lunghe attese burocratiche per procedere allo sradicamento delle piante una volta accertata l’infezione. Infatti, in Contrada “Colacavallo” nonostante i primi rilevi dei tecnici dell’Arif (Agenzia Regionale per le Attività Irrigue e Forestali) della Regione Puglia e dopo aver accertata l’esistenza effettiva della malattia, ci sono voluti ben oltre tre mesi affinché si procedesse all’espianto degli alberi.

Come si può intuire la preoccupazione dei proprietari terrieri è non solo per l’eccessiva lungaggine dei tempi , ma soprattutto perché temono il progredire inesorabile dell’avanzata della Xylella che potrebbe colpire altri alberi vicini. Insomma, una situazione preoccupante e il tavolo tecnico permanente presso il Gal con i rappresentanti dei Comuni colpiti dalla Xylella annunciato nel Consiglio Comunale a Carovigno tempo fa con la presenza dei sindaci, rimane a tutt’oggi un “nulla” di fatto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400