Mercoledì 29 Gennaio 2020 | 18:28

NEWS DALLA SEZIONE

l'operazione
Brindisi, turbativa d'asta nella vendita di beni all'asta: due ai domiciliari

Brindisi, turbavano le aste giudiziarie per aggiudicarsi i beni: due arrestati

 
Operazione dei Cc
Droga, tre arresti nel Brindisino: preso 18enne vicino a scuola a Ostuni

Droga, tre arresti nel Brindisino: preso 18enne vicino scuola a Ostuni

 
Il salvataggio
Brindisi, cucciolo di foca spiaggiato a Torre San Gennaro: ha bisogno di cure

Brindisi, non ce l'ha fatta il cucciolo di foca spiaggiato: morto tra le braccia dei veterinari

 
Shoah
Giorno della Memoria, il messaggio di Liliana Segre a studenti di Fasano: «Siate vigili»

Giorno della Memoria, il messaggio di Liliana Segre a studenti di Fasano: «Siate vigili»

 
L'aggressione
Mesagne, armato di coltelli assalta l'ambulanza del 118

Mesagne, armato di coltelli assalta l'ambulanza del 118

 
In piazza
Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

 
Una 50enne romena
Ostuni, botte e parolacce alla nonnina 90enne sul girello: in cella badante

Ostuni, botte e parolacce alla nonnina 90enne sul girello: in cella badante

 
Le dichiarazioni
Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

 
L'annuncio
Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

 
Nel Brindisino
Ceglie Messapica, due cadaveri trovati in una casa: indagano i carabinieri

Ceglie Messapica, trovati morti in casa: si sono uccisi a coltellate dopo una lite

 
Nel Brindisino
Mesagne, manomette contatore e ruba elettricità per 8mila euro: arrestato

Mesagne, manomette contatore e ruba elettricità per 8mila euro: arrestato

 

Il Biancorosso

Calcio
Bari, acquistato il difensore Ciofani dal Pescara

Bari, acquistato il difensore Ciofani dal Pescara

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Ex Ilva, dopo sentenza Cedu nessun accordo tra Stato e cittadini

Ex Ilva, dopo sentenza Cedu nessun accordo tra Stato e cittadini

 
BariLa visita
Papa a Bari, attesi in 40mila: ecco treni straordinari e maxi parcheggi

Papa a Bari, attesi in 40mila: ecco treni straordinari e maxi parcheggi

 
FoggiaIl ritrovamento
Foggia, durante lavori pista Gino Lisa emerge bomba americana

Foggia, durante lavori pista Gino Lisa emerge bomba americana

 
LecceL'incidente
Insegnante in monopattino travolta da un’auto pirata: è in coma all’ospedale «Vito Fazzi»

Lecce, insegnante in monopattino travolta da un’auto pirata: è in coma all’ospedale «Vito Fazzi»

 
BatNel Parco
Posta su Facebook foto che lo ritrae con il fucile accanto a cinghiale appena ucciso: denunciato pseudo cacciatore

Posta su Fb foto che lo ritrae con il fucile accanto a cinghiale appena ucciso: denunciato pseudo cacciatore

 
PotenzaPsicosi
Potenza, «coronavirus»: il questore «Non c'è pericolo per i poliziotti»

Potenza, «Coronavirus»: il questore «Non c'è pericolo per i poliziotti»

 
Materala scoperta
Policoro, incendiano auto: denunciati 2 piromani

Policoro, incendiano auto: denunciati 2 piromani

 
Brindisil'operazione
Brindisi, turbativa d'asta nella vendita di beni all'asta: due ai domiciliari

Brindisi, turbavano le aste giudiziarie per aggiudicarsi i beni: due arrestati

 

i più letti

contorni poco chiari

Erchie, pestato in centro
l'ipotesi è «bullismo»

centro di Erchie

di ELISEO ZANZARELLI

ERCHIE - Se si sia trattato di bullismo, è ancora da stabilire. Di sicuro, sabato sera intorno alle 19, un ragazzino è stato picchiato da qualcuno - se più d’uno ancora non si sa - nella centralissima piazza Umberto I, tra il Santuario di Santa Lucia e la chiesa madre, a Erchie.
Il 13enne, che frequenta la scuola media Giovanni Pascoli, è finito in ospedale, dov’è stato ricoverato per una notte, con un occhio nero, uno zigomo tumefatto e diverse contusioni. I medici hanno stabilito che se la caverà in 20 giorni, ma si sono anche riservati un periodo d’osservazione di 48 ore.
I fatti. È sabato sera, all’indomani non c’è scuola. Marco (il nome è di fantasia) si sente con un amico e i due, come spesso, decidono di fare un giro a piedi. Si fermano in piazzetta, sono le 19. Sembra una serata tranquilla, uguale a tante altre quando, tutt’a un tratto, succede qualcosa e Marco si ritrova, suo malgrado, investito da una gragnola di colpi. Calci e pugni fino a ridurlo uno straccio. Il suo amico nulla può, se non avvisare i genitori di Marco a cose fatte. Digita il numero sul cellulare e li chiama: “Venite, Marco non si sente tanto bene“, dice. Quando mamma e papà, nel giro di qualche minuto, giungono sul posto, Marco è quasi irriconoscibile. Sotto choc, non parla e non ricorda nulla. Dice di stare bene e assicura di non aver bisogno di essere accompagnato in ospedale.
Gli credono e lo riportano a casa, dove resta muto e, dopo un po’, perde i sensi. I familiari allora contattano il 118 e Marco finisce al pronto soccorso di Francavilla Fontana in autoambulanza, per giunta in codice rosso. Non proferisce parola, ma nel frattempo si riprende.

I medici gli diagnosticano un trauma cranico e riscontrano una contusione sotto una delle orbite oculari oltre a escoriazioni su tutto il corpo. Decidono di ricoverarlo almeno per una notte ché in casi del genere non si sa mai. I dolori sono forti, ma Marco sembra reagire e, nella mattinata di domenica, lo dimettono, ma consigliano di tenerlo sotto controllo per altre 24 ore e di non esitare a riaccompagnarlo al “Dario Camberlingo” al minimo accenno di complicazioni.
Il ragazzo continua a tacere, dice di non saper spiegare, di non sapere né chi, né quanti fossero, né perché l’abbiano fatto, per quale motivo se la siano presa con lui. Una spedizione punitiva, un gesto gratuito? Non è dato saperlo. Marco forse ha paura di raccontare, di ritorsioni o che la dose gli sia rincarata. Sua mamma è disperata: “Ma in che paese viviamo se qualcuno, chiunque esso sia, può spingersi a fare ciò? Qui non si tratta soltanto di denunciare qualcuno, che peraltro non conosciamo, non abbiamo proprio idea di chi sia, ma di stigmatizzare un fatto grave in sé.” Come da prassi, non si esclude alcuna pista. L’ipotesi bullismo, considerati età della vittima e contesto, è quella privilegiata. Ma una grossa mano alle indagini del capitano Nicola Maggio e dei suoi uomini potranno darla proprio Marco e il suo amichetto, se supereranno i loro timori e decideranno di raccontare i terribili momenti da loro vissuti.

La famiglia e le persone a essa vicine sono comprensibilmente scosse e invitano chiunque possa aver visto qualcosa a farsi vivo, a collaborare. Quello che appare un rebus dev’essere risolto e il velo di omertà stracciato, qualunque cosa sia accaduta. “Non è possibile che al giorno d’oggi dei ragazzini non siano liberi e sicuri di uscire al sabato sera e che nessuno abbia notato alcunché“, dicono, comprensibilmente turbati e preoccupati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie