Sabato 23 Febbraio 2019 | 00:33

NEWS DALLA SEZIONE

Furto in casa
San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: denunciati n 2

San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: 2 denunciati 

 
No all'omofobia a scuola
Brindisi, Emiliano si commuove tra i ragazzi che hanno difeso amico gay: «Orgoglioso di voi»

Brindisi, Emiliano si commuove tra i ragazzi che hanno difeso amico gay: «Orgoglioso di voi»

 
A ceglie messapica
Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili

Incendiarono 5 auto e il prospetto di un palazzo nel Brindisino: catturato uno dei responsabili VD

 
l'emergenza
Brindisi, allarme povertà: alla Caritas aumentano le richieste

Brindisi, allarme povertà: alla Caritas aumentano le richieste

 
Il caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
A Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
Lotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
Il caso
Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

 
Nel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
Coppa Italia 2019
Basket, il Brindisi vola in finale: battuto il Sassari 86-87

Basket, il Brindisi vola in finale per i Final Eight: battuto Sassari 86-87

 
Ai domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaVerso le regionali
Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

 
LecceSalento
Villa al mare del pm a Porto Cesareo, M5S fa un passo indietro e ritira l'interrogazione

Villa al mare del pm a Porto Cesareo, M5S fa retromarcia e ritira interrogazione

 
BariLa sentenza
Bari, offese tra ragazzi via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

Bari, offese tra ragazzini via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

 
HomeIl siderurgico
Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

 
BrindisiFurto in casa
San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: denunciati n 2

San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: 2 denunciati 

 
GdM.TVGli arresti della Polizia
Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

 
MateraSfruttamento
Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

 
FoggiaAtti vandalici
Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

 

sanità

Rifiuta il ricovero
per non spostarsi da Fasano
muore poco dopo

ospedale di Fasano

di MIMMO MONGELLI 

FASANO - La chiusura di quel (poco) che restava dell’Umberto I in attuazione del piano di riordino della rete ospedaliera pugliese ha fatto la prima “vittima.”
Nella mattinata del 22 febbraio scorso, primo giorno del blocco dei ricoveri all’ospedale di via Nazionale dei Trulli in vista della chiusura fissata per il 28 febbraio prossimo, al Pronto soccorso dell’Umberto I è arrivata una 70enne fasanese. La signora avvertiva dei dolori al petto. Il medico di guardia, dopo averla visitata, ha richiesto per la paziente una consulenza cardiologica. Il cardiologo che ha visitato la 70enne ha riscontrato nella paziente un versamento pericardico e un’ectasia aortica. Il medico ha vivamente consigliato alla signora il ricovero in ospedale per essere sottoposta ad ulteriori accertamenti e per un costante monitoraggio del suo quadro clinico. Quando, però, la pensionata ha sentito che non c’era possibilità di ricovero nell’ospedale di Fasano – perché i tre posti riservati a pazienti con problemi cardiologici nel reparto di Medicina dell’Umberto I erano stati congelati, così come disposto dalla direzione dell’Azienda sanitaria locale – non ha voluto sentire ragioni. Di fronte alla prospettiva di essere ricoverata nell’ospedale di un’altra città la signora, creando disagi ai suoi familiari (il marito non guida, i figli hanno le loro famiglie e i loro impegni lavorativi), ha scelto di tornare a casa. Prima, però, ha firmato il modulo di rifiuto del ricovero. Dal punto di vista formale, quindi, tutto ineccepibile.

Nel tardo pomeriggio dello stesso giorno la signora, continuando ad avvertire gli stessi dolori, è tornata al pronto soccorso dell’Umberto I. Il medico che in quel momento era di guardia ha chiesto una nuova consulenza cardiologica. Il cardiologo, un professionista diverso da quello che aveva visitato la 70enne la mattina dello stesso giorno, ha reiterato la raccomandazione alla signora di ricoverarsi in ospedale. La donna non ha voluto sentire ragioni: se non c’era la possibilità di trovare un posto letto a Fasano per il momento sarebbe tornata a casa. Ed è quello che ha fatto, ovviamente dopo aver firmato il modulo di rifiuto del ricovero. Il mattino successivo la signora, di cui non pubblichiamo il nome perchè non è questa la cosa importante, è stata trovata morta dai familiari nel suo letto.
Nessuno – questo è scontato – si sognerà mai di aprire un’inchiesta penale sulla morte della 70enne fasanese. Ma è indubbio che il decesso della donna è la prima tragica “conseguenza” della chiusura dell’Umberto I.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400