Sabato 25 Gennaio 2020 | 20:35

NEWS DALLA SEZIONE

L'annuncio
Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

 
Nel Brindisino
Ceglie Messapica, due cadaveri trovati in una casa: indagano i carabinieri

Ceglie Messapica, 2 cadaveri trovati in una casa: dopo una furiosa lite, le vittime si sono accoltellate a vicenda

 
Nel Brindisino
Mesagne, manomette contatore e ruba elettricità per 8mila euro: arrestato

Mesagne, manomette contatore e ruba elettricità per 8mila euro: arrestato

 
L'iniziativa
Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

 
nel brindisino
Ceglie Messapica, in casa pistole, gioielli, quadri e 5mila euro: arrestato

Ceglie Messapica, in casa pistole, gioielli, quadri e 5mila euro: arrestato

 
Il caso
Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

 
Operazione della Polizia
Carovigno, pistola e passamontagna in camera da letto: arrestato 30enne

Carovigno, pistola e passamontagna in camera da letto: arrestato 30enne

 
Nel Brindisino
Fasano, ha il divieto di avvicinamento e incendia auto degli amici dell'ex compagna: arrestato

Fasano, incendiava auto degli amici dell'ex compagna: arrestato stalker

 
sulla ss 379
Auto esce fuori strada e finisce contro alberi nel Brindisino: grave 18enne di Ostuni

Ostuni, auto finisce fuori strada e si schianta contro alberi: grave 18enne

 
Intimidazione
Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

 
Nel Brindisino
Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

 

Il Biancorosso

serie c
Bari e la «condanna» a vincere, Vivarini: «Non c'è altro verbo»

Bari e la «condanna» a vincere, Vivarini: «Non c'è altro verbo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl video
San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

 
BrindisiL'annuncio
Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

 
FoggiaIl furto
San Severo, beccati da un contadino mentre rubano in un capannone: 3 arresti

San Severo, beccati da un contadino mentre rubano in un capannone: 3 arresti

 
BatNel Nordbarese
Barletta, tragedia in casa: 62enne muore schiacciato da lastra di ferro

Barletta, tragedia in casa: 62enne muore schiacciato da lastra di ferro

 
Tarantoil caso
Cannabis light, archiviata inchiesta partita da Taranto: «Sul Thc la legge non è chiara»

Cannabis light, archiviata inchiesta partita da Taranto: «Sul Thc la legge non è chiara»

 
MateraSolidarietà
«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

 

i più letti

A Brindisi

«Dolcetto o terremoto?»
Minacce di morte ai ristoratori

Insulti sul web: scelta di cattivo gusto. I gestori del locale: slogan per risvegliare le coscienze

«Dolcetto o terremoto?»MInacce di morte ai ristoratori

Nelle intenzioni c’è la solidarietà, ma vengono fraintesi e subiscono persino minacce di morte e, non ultimo, un calo delle recensioni. È quello che accade ai titolari del ristorante brindisino «Piovono zucchine» in piazza Cairoli, che promuovono campagne di sensibilizzazione su temi attuali. L’ultimo casus belli è la locandina “Dolcetto o terremoto?” per raccogliere fondi con la cena della notte di Halloween, da destinare ai terremotati. I ristoratori si impegnano per sostenere iniziative benefiche attraverso il loro ristorante, ma la polemica è dietro l’angolo e divampa velocemente sul web.
Lo staff del ristorante, dopo aver letto di minacce anche di morte su Facebook chiarisce così: «Adesso possiamo dirlo, vi abbiamo lasciato sfogare prima di ritornare alle vostre faccende quotidiane. I dolci per i bambini delle Marche (non tutti ovviamente ma quelli che riusciremo a raggiungere tramite gli accordi con alcune associazioni) saranno pagati da noi/voi con la cena del 31. Adesso siate gentili, lasciateci lavorare. Fare ristorazione per noi è cosa seria».
E prosegue la bagarre su chi e come fare beneficenza. Considerato il disagio che stanno vivendo i terremotati del centro Italia qualunque modalità, purchè proficua, diventa un aiuto concreto in più. Non mancano commenti al vetriolo: c’è chi parla di «errore di comunicazione che porta a compromettere la reputazione del brand», sottolineando che «sarebbe più opportuno chiedere venia». «Veramente non vi siete resi conto che quello che volevate comunicare non è arrivato e la sensazione pervenuta è solo di un vile sciacallaggio?», è scritto in un altro commento. «Non metto in dubbio la vostra buona fede ma in quanto a comunicazione avete molto da imparare - prosegue -. Vi consiglio di tornare a cucinare visto che quello sapete fare». I diretti interessati hanno invitato al confronto privato. Gesto anche questo frainteso. «Ma ti rendi conto di cosa è stato vomitato in un minuto? Non capire una locandina per un evento è un conto, dire che noi lucriamo sulle tragedie è un'altra. Abbiamo organizzato questo evento e come è nel nostro stile l'abbiamo comunicato. Non vi piace? Volevate spiegazioni? Bastava chiedere», è stata la risposta. Alcuni fan del locale brindisino hanno colto l’essenza dell’iniziativa. “Dolcetto o terremoto” non era certo una parodia della tragedia che si sta consumando nel centro Italia, ma un modo di invitare a pensare ad un dolcetto per chi, in queste ore drammatiche, non può averne. Per chiudere la vicenda, ecco che giungono i chiarimenti finali: «Capiamo la rabbia, la frustrazione, lo sdegno per la locandina che non è stata compresa, ma la morte e le minacce ci sembrano argomenti troppo delicati da trattare in un post. Il nostro ristorante ha già subito attacchi di questo tipo, quando abbiamo pubblicato una delle nostre locandine dopo la sentenza di Stefano Cucchi. Non facciamo questo per marketing o per vendere qualche piatto in più ma per svegliare le coscienze, anche le nostre».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie