Mercoledì 22 Gennaio 2020 | 08:53

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Brindisino
Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

 
Nel Brindisino
Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

 
La tragedia
Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

 
Buon compleanno
Nonna Maria spegne 105 candeline: la festa a San Michele Salentino

Nonna Maria spegne 105 candeline: la festa a San Michele Salentino

 
Nel Brindisino
S.Vito dei Normanni, 79enne abbandona in strada 4 cagnolini di pochi giorni, denunciato

S.Vito dei Normanni, 79enne abbandona in strada 4 cagnolini di pochi giorni, denunciato

 
Il caso
Mesagne, villa con piscina e carrozzerie allacciate abusivamente a rete elettrica: 3 indagati

Mesagne, villa con piscina e carrozzerie allacciate abusivamente a rete elettrica: 3 indagati

 
La storia
Torre Guaceto, Cohiba tartaruga con gli occhi chiusi: il sogno di ridarle la vista

Torre Guaceto, Cohiba tartaruga con gli occhi chiusi: il sogno di ridarle la vista

 
Abusivismo
Ceglie Messapica, case popolari occupate: 26 denunce

Ceglie Messapica, case popolari occupate: 26 denunce

 
Un 26enne
Ceglie Messapica, guida l'auto dopo aver bevuto e si scontra con un furgone: denunciato

Ceglie Messapica, guida l'auto dopo aver bevuto e si scontra con un furgone: denunciato

 
I funerali
Fasano, a migliaia per l'addio al «guerriero» Custodero

Fasano, a migliaia per l'addio al «guerriero» Custodero

 

Il Biancorosso

mercato
Bari, ingaggiato centrocampista Laribi, in prestito dal Verona

Bari, ingaggiato centrocampista Laribi, in prestito dal Verona

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraOperazione di CC e Gdf
Matera, truffa e riciclaggio: in cella ex direttore banca. Sequestrato noto ristorante

Matera, truffa e autoriciclaggio: in cella ex direttore di banca. Sequestrato noto ristorante nei Sassi

 
GdM.TVSequestro e denuncia
Bari, lavori all'ex Kursaal: i rifiuti finivano in acqua sul lungomare

Bari, lavori all'ex Kursaal: i rifiuti finivano in acqua sul lungomare

 
TarantoLa sentenza
Caso Scazzi, processo ai falsi testimoni: 4 anni a Ivano Russo, 5 anni a Michele Misseri

Caso Scazzi, 11 condanne per le bugie al processo: 5 anni a Ivano Russo, 4 anni a Michele Misseri

 
Leccel'appuntamento
«Something», i Beatles e il loro 1969: a Lecce il libro di Donato Zoppo

«Something», i Beatles e il loro 1969: a Lecce il libro di Donato Zoppo

 
Potenzaserie c
Tifosi investiti: curva del Potenza in lutto, niente trasferta

Tifosi investiti: curva del Potenza in lutto, niente trasferta

 
BrindisiNel Brindisino
Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

 
Batil caso
Magistrati arrestati a Trani, i giudici: «A Savasta niente attenuanti, non ha detto tutto»

Magistrati arrestati a Trani, i giudici: «A Savasta niente attenuanti, non ha detto tutto»

 
FoggiaIl caso
Foggia, danneggiata Camera del Lavoro Cgil: «Serve reazione»

Foggia, danneggiata Camera del Lavoro Cgil: «Serve reazione»

 

i più letti

Latiano

Nuovo immobile comunale
da mesi in balia dei vandali

Rifiuti ovunque e danni a strutture e impianti: si presenta così, da mesi, il «nuovo» centro commerciale nella centralissima via Roma

Nuovo immobile comunaleda mesi in balia dei vandali

LATIANO Fortemente voluto e realizzato (ma non ancora completamente ultimato) dalla precedente amministrazione comunale (sindaco De Giorgi) il «nuovo» centro commerciale di via Roma (costato all’incirca 6/700mila euro alla comunità) si presenta già come un rudere abbandonato e alla mercè dei vandali. Pareti abbattute, impianti elettrici danneggiati, marmi rotti e tanti rifiuti, persino pneumatici (da oltre un anno e mai rimossi). Una situazione di degrado nel pieno centro della città che farebbe arrossire chiunque. Invece nulla, nessuno interviene.

Un bene pubblico che ad oggi nessuno sa ancora quale sarà la sua definitva destinazione d’uso. Nelle settimane scorse l’amministrazione ha siglato un protocollo di intesa con la Asl che dovrebbe trasferire qui alcuni uffici (liberando quelli attualmente occupati che il Comune assegnerà poi al Liceo delle Scienze Umane). Dei restanti sei locali (su dieci) invenduti (e oggetto di contenzioso) però nulla si sa. Di certo quel bene, ogni giorno che passa continua a subire gravi danni.

Così che quando (e se) quei locali «nuovi» troveranno possibili acquirenti (disposti a pagare 1.100 euro a metro quadro), bisognerà riparare i danni causati dall’incuria e abbandono.

A denunciare nei giorni scorsi la grave situazione di degrado è stata l’associazione culturale «L'Isola che non c'è» che sulla pagina Facebook ha annunciato di rivolgersi con una lettera ufficiale al sindaco di Latiano (e per conoscenza alle autorità preposte: Procura e Corte dei Conti) per chiedere un intervento urgente a tutela di quel bene».

Nella lettera, l'Associazione («a cui aderiscono circa una settantina di cittadini latianesi, comprese personalità del mondo della scuola e della Università e diversi professionisti») «chiederà al primo cittadino - spiega il presidente Tiziano Fattizzo - di adottare con urgenza misure idonee a proteggere il bene immobile interamente di proprietà comunale, dunque della intera comunità, attraverso la semplice perimetrazione del sito (oggi delimitato da transenne posticce) al fine di evitare che quello che doveva essere uno dei "fiori all'occhiello" delle scelte di precedenti amministrazioni diventi, ogni giorno che passa, un luogo di degrado e di abbandono». Oltre che pericoloso: il quadro elettrico che illumina l’intera area non è protetto.

Al di là di quelle che potranno essere le scelte sulla futura destinazione d'uso di quell'immobile (ad oggi ancora interamente di proprietà del Comune) «sarebbe giusto - scrive l’associazione - evitare che nuovi atti vandalici possano ulteriormente danneggiare e dunque far aumentare i successivi costi di risanamento e ristrutturazione eventuali».

Al sindaco l'Associazione ricorda che è fatto obbligo (non solo per legge) all'ente comunale di adoperarsi per tutelare e salvaguardare i beni pubblici».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie