Giovedì 21 Marzo 2019 | 00:18

NEWS DALLA SEZIONE

Centrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
L'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
Dopo due anni
Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

 
In pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
Al rione Bozzano
Brindisi, disoccupata 20enne salvata mentre tenta lanciarsi dal ponte

Brindisi, disoccupata 20enne salvata mentre tenta lanciarsi dal ponte

 
Denunciato
Carovigno, guida sotto effetto alcol e droga fa incidente e distrugge 4 auto

Carovigno, guida sotto effetto alcol e droga fa incidente e distrugge 4 auto

 
Ordinanza del Questore
San Donaci, droga e pregiudicati: chiuso circolo per un mese

San Donaci, droga e pregiudicati: chiuso circolo per un mese

 
Indagano i Cc
Fasano, gli sparano mentre fa la pipì per strada: ferito 40enne

Fasano, gli sparano mentre fa la pipì per strada: ferito 40enne

 
Maltrattamento di animali
Brindisi, trovati 6 cani rinchiusi in auto abbandonata: una denuncia

Brindisi, trovati 6 cani rinchiusi in auto abbandonata: una denuncia

 
Il caso
Brindisi, polizze a prezzi di saldo: una truffa non un affare

Brindisi, polizze a prezzi di saldo: una truffa non un affare

 
Champions League
CR7, dopo la vittoria la festa nel locale del fasanese Ancona

CR7, dopo la vittoria la festa nel locale del fasanese Ancona

 

Il Biancorosso

IL PERSONAGGIO
La signora Francesca colpisce ancoraPizze e focacce per gli auguri a Brienza

La signora Francesca colpisce ancora
Pizze e focacce per gli auguri a Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraInfortunio sul lavoro
Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

 
LecceIl fatto nel 2015
Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

 
BariCassazione
BARI, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

Bari, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

 
BatNel nordbarese
Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

 
TarantoA taranto
Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

 
FoggiaNel Foggiano
Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

 
BrindisiCentrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
PotenzaLe previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 

latiano

«L'ascensore del Castello
senza le autorizzazioni va demolito»

Lettera della Soprintendenza al Comune per quel «torrino» in cemento alto 18 metri che svetta da alcuni giorni sul retro di Palazzo Imperiali

ascensore sul castello

LATIANO - Il vano ascensore in cemento rivestito di tufo bianco, realizzato poche settimane fa sul retro del Castello degli Imperiali - il più antico monumento del paese - potrebbe presto essere demolito.

L’ipotesi - contenuta in una nota ufficiale - è stata comunicata al Comune, dalla stessa Soprintendenza ai beni Architettonici. «Il ripristino dei luoghi dovrebbe avvenire entro 30 giorni».

«Teoricamente - spiegano alla Soprintendenza - il Comune dovrà rispondere e eventualmente fornire i documenti che autorizzavano la realizzazione del manufatto». «Autorizzazioni che ai nostri Uffici - dicono - non risulterebbero essere state mai concesse».

Il «torrino» in cemento alto 18 metri e rivestito in tufo bianco svetta da alcuni giorni sul retro di Palazzo Imperiali.
Il Palazzo baronale di Latiano, detto Castello, trova le sue origini nel periodo medioevale. Una delle poche testimonianze della storia di questo piccolo centro. Dopo l’ultimo restauro compiuto nel 2004 la Sovrintendenza ai Beni architettonici di Lecce «fece» realizzare un ascensore per consentire anche ai disabili l’accesso al piano restaurato. Un’ opera posticcia che già a quel tempo sollevò non poche perplessità sul tipo di soluzione che non teneva conto dell’armonia storica del bene.

Lavori che sono poi continuati negli ultimi anni per salvaguardare questo edificio al cui interno sono custodite importanti testimonianze artistiche tra le quali la bellissima sala con le volte decorate dall’artista Agesilao Flora che rischiavano di essere danneggiate per le infiltrazioni causate dalla mancanza di una copertura dell’intero immobile. Realizzata la quale il castello si è arricchito di un altro piano. Per raggiungere il quale il Comune nel 2014 aveva pensato di allungare il vano dell’ascensore.
«Intervento questo - che non risulterebbe, pare - essere stato approvato dalla Sovrintendenza per i Beni storici di Lecce».
Della vicenda si è interessato in queste settimane anche il ministero per i Beni Culturali e lo stesso direttore generale della Soprintendenza.

Ieri, la notizia della nota ufficiale giunta al Comune, dopo che nei giorni scorsi c’era stato un sopralluogo della Sorprintendenza, è stata confermata dal sindaco Mino Maiorano. Il quale si è riservato di commentare solo «dopo avere approfondito e esaminato le carte autorizzative dell’intervento» che secondo il funzionario «ci sarebbero».

I tecnici avevano spiegato che quella realizzata era «l’unica soluzione compatibile con una opera già esistente» e che con una somma di poco superiore ai 53mila euro «bisognava consentire ai cittadini di raggiungere ed utilizzare il secondo piano al di sopra della Sala Flora (restaurata)».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400