Domenica 17 Febbraio 2019 | 09:04

NEWS DALLA SEZIONE

Ai domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
Provoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
Sulla via di San Vito
Brindisi, cc scoprono casolare con 50 africani tra droga e degrado, un arresto

Brindisi, scoperti 50 africani in casolare tra droga e degrado: un arresto

 
La rapina a Brindisi
Brindisi, legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

Legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

 
Dai cc di Brindisi Casale
Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

 
Il caso
Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

 
La rapina
Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

 
Sequestrati anche 30 kg di pesce
carabinieri Nas

Latiano, lavavano pesce con acqua contaminata: ristorante sospeso

 
NEL RIONE SANT'ANGELO
Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

 
Operazione dei Cc
Carovigno, nel «fortino» 2 quintali di droga: sotto accusa una famiglia

Carovigno, nel «fortino» 2 quintali di droga: sotto accusa una famiglia

 
Lotta alla droga
Carovigno, beccato mentre spacciava cocaina: arrestato 42enne

Carovigno, preso dai Cc 42enne mentre spacciava cocaina

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Da Roma in aereo con la lattina «E se fossimo stati terroristi?»

Da Roma in aereo con la lattina «E se fossimo stati terroristi?»
di FEDERICA MARANGIO

SAN PANCRAZIO SALENTINO - Superano senza fatica i controlli aeroportuali con una lattina contenente 400 ml di latte di cocco. Due giovani sampancraziesi di ritorno da un week end nella capitale, dimenticano la lattina di liquidi nel bagaglio a mano, ma nessuno se ne accorge. Nessuna lamentela, nessun accorgimento per evitare quella confezione di liquidi a bordo. Nei bagagli in stiva è possibile includere liquidi senza limiti di peso, ma per i bagagli a mano la norma di sicurezza prevede che non si superino i 100 ml per confezione secondo le convenzioni internazionali.

«Sul momento non abbiamo fatto caso alla distrazione da parte del personale aeroportuale addetto al controllo – dichiarano i due – ma nel disfare la valigia, trovando la lattina, ci siamo istintivamente preoccupati. E se invece del latte di cocco ci fosse stato del liquido utilizzabile per confezionare un ordigno esplosivo?».

In fin dei conti è proprio questa la ragione d’essere delle norme. «È necessario – si legge nel regolamento di esecuzione della Commissione che regola il controllo di liquidi, aerosol e gel negli aeroporti dell’Unione Europea – che la Commissione segua attentamente lo sviluppo tecnologico dei sistemi di rilevamento degli esplosivi liquidi al fine di consentire eventualmente agli aeroporti di impiegare in futuro sistemi di screening che siano in grado di affrontare più minacce (ad esempio esplosivi solidi e liquidi) contemporaneamente e in modo efficace e di semplificare le procedure di controllo del bagaglio».

Confusione e inquietudine alimentano lo stato d’animo dei due ragazzi che, sbadatamente, hanno portato a bordo liquidi, e contestano una totale assenza di ispezioni proprio all’aeroporto di Roma Fiumicino, lì dove se in un caso passa una lattina di latte di cocco, negli altri, su milioni di passeggeri che transitano quotidianamente da ogni parte del mondo, non si sa. Come garantire un maggiore controllo senza inasprire le regole che già esistono? «La capitale, al centro di discussioni continue sulla possibilità di essere oggetto di attacchi terroristici, non si cura neanche dei controlli in aeroporto», dicono i ragazzi i quali aggiungono «per fortuna noi non siamo terroristi, ma questo non ci consola molto. Non ci sentiamo affatto sicuri. E se avessimo trasportato materiale per ordigni? Forse se ne sarebbero accorti, ma chi può dirlo? Certo è che la lattina contenente ben 400 ml di latte di cocco non ha creato alcun disagio ai controlli».

Ad ogni modo tutto bene è quel che finisce bene. Scongiurato il pericolo terroristico, rimane solo la curiosità dei salentini che al ritorno da un week end a Roma invece dei tonnarelli cacio e pepe o di una buona matriciana, riportano a casa una confezione di latte di cocco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400