Venerdì 24 Gennaio 2020 | 12:27

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

 
Operazione della Polizia
Carovigno, pistola e passamontagna in camera da letto: arrestato 30enne

Carovigno, pistola e passamontagna in camera da letto: arrestato 30enne

 
Nel Brindisino
Fasano, ha il divieto di avvicinamento e incendia auto degli amici dell'ex compagna: arrestato

Fasano, incendiava auto degli amici dell'ex compagna: arrestato stalker

 
sulla ss 379
Auto esce fuori strada e finisce contro alberi nel Brindisino: grave 18enne di Ostuni

Ostuni, auto finisce fuori strada e si schianta contro alberi: grave 18enne

 
Intimidazione
Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

 
Nel Brindisino
Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

 
Nel Brindisino
Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

 
La tragedia
Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

 
Buon compleanno
Nonna Maria spegne 105 candeline: la festa a San Michele Salentino

Nonna Maria spegne 105 candeline: la festa a San Michele Salentino

 
Nel Brindisino
S.Vito dei Normanni, 79enne abbandona in strada 4 cagnolini di pochi giorni, denunciato

S.Vito dei Normanni, 79enne abbandona in strada 4 cagnolini di pochi giorni, denunciato

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, metamorfosi Simeri: ora segna e fa segnare

Bari, metamorfosi Simeri: ora segna e fa segnare

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggianel foggiano
Camion ed escavatore rubati a Milano e trovati a Cerignola: un arresto e una denuncia

Camion ed escavatore rubati a Milano e trovati a Cerignola: un arresto e una denuncia

 
Materale dichiarazioni
Criminalità, sindaco Pisticci: «Una sezione della Dia nel Metapontino può servire»

Criminalità, sindaco Pisticci: «Una sezione della Dia nel Metapontino può servire»

 
Barinel barese
Corato, 12enne rincorre scippatore minorenne e restituisce borsa ad anziana

Corato, 12enne rincorre scippatore minorenne e restituisce borsa ad anziana

 
Tarantola denuncia
Mittal, sindacati: «Spogliatoi fatiscenti e senza acqua calda»

Mittal, sindacati: «Spogliatoi fatiscenti e senza acqua calda»

 
Leccel'indagine
Si fingeva grande chef e molestava studentesse: 23enne salentino arrestato a Roma

Si fingeva grande chef e molestava studentesse: 23enne salentino arrestato a Roma

 
PotenzaDopo la tragedia
Tifosi investiti, l'autista di Melfi resta in carcere: indagato per omicidio

Tifosi investiti, l'autista di Melfi resta in carcere: indagato per omicidio

 
Batnel nordbarese
Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

 
BrindisiIl caso
Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

 

i più letti

Un «Mi piace» su Facebook e finiscono davanti al giudice

Un «Mi piace» su Facebook e finiscono davanti al giudice
SAN PIETRO VERNOTICO - Davanti al giudice per un «mi piace » su Facebook. Lo disposto il procuratore aggiunto di Brindisi Nicolangelo Ghizzardi che ha chiesto il giudizio per un semplice «click» sul social network che ha fatto finire diverse persone davanti al giudice Ambrogio Colombo. La Procura della Repubblica di Brindisi, dunque, ha chiesto il rinvio a giudizio per sette cittadini sampietrani, accusati di concorso in diffamazione.

L’inchiesta, come si diceva, è stata avviata per un semplice “mi piace” su uno stato di facebook ritenuto lesivo nei confronti di chi ha presentato la querela: ossia l’ex sindaco Pasquale Rizzo ed il legale del Comune Guido Massari. Una battaglia giudiziaria per la quale i denuncianti sostengono che il “mi piace” è espressione di libertà di pensiero.

I fatti risalgono all’ottobre del 2014, quando Giuseppe Monteduro di Torchiarolo, di anni 34; (difeso dall’vv. Roberto Orsini di S.Pietro Vernotico); Marco Caretto di anni 29 di S. Pietro Vernotico; (difeso dall’avv. Vincenzo Catamo) Daniele Guglielmo di S. Pietro Vernotico di anni 35 ( difeso dall’avv. Mauro Calisi foro di Brindisi) Daniele Ancora di anni 49 di Cellino S. Marco; (difeso dall’avv. Orazio Vesco di Brindisi) Andrea Gargano di anni 44 (difeso dall’avv. Francesco Cascione di Cellino S.Marco); Matteo Missere di anni 28 di S. Pietro Vernotico; (difeso dall’avv. Francesco Vallefuoco foro di Brindisi) e Francesco Ragusa di anni 40 difeso dall’avv. Marilù Carrieri del foro di Lecce) mettono mi piace ad un post ritenuto diffamatoria. Infatti, finiscono per essere imputati per diffamazione in concorso.

I fatti - più esattamente - risalgono al 2 e 14 ottobre 2014. Secondo l’accusa, tra di loro avrebbero «offeso l’onore del decoro e la reputazione di Guido Massari e dell’ex sindaco Pasquale Rizzo». «In quanto - è riportato nel dispositivo -, in alcuni scritti e postati sulla bacheca pubblica del social network denominato Facebook, facendo riferimento in generale alla gestione della struttura amministrativa del Comune, di cui Rizzo era sindaco e, in particolare, della conduzione dell’Ufficio legale dell’anzidetto comune, di cui Massari è responsabile, davano vita ad un dialogo nel corso del quale il Massari era accusato di un costante assenteismo dall’Ufficio, di una gestione delle cause per risarcimento danni intentate nei confronti del Comune, inquinata da un enorme conflitto di interessi perché finalizzata ad una autoliquidazione dei compensi anche “sulle cause non vinte”, ipotizzando, altresì, la percezione da parte del Massari di “indennità discutibili” e, in definitiva, accusando il Massari di opporsi sistematicamente a transigere le controversie con i cittadini “perché altrimenti ci sono meno parcelle per il legale”ma con l’effetto perverso di generare “una triplicazione dei costià” come” Capolavori dell’Amministrazione”».
Il tutto in un «generale contesto diffamatorio, di dileggio e di minaccia, condiviso da parte di tutti i partecipanti».

La notizia ha fatto il giro del paese, ed è già apparsa su Facebook, anche perché gli imputati hanno già postato le proprie reazioni e posizioni rispetto alla citazione in giudizio. E da quanto si riesce a carpire, sono pronti a difendersi a denti stretti. [Giuseppe De Marco]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie