Lunedì 25 Marzo 2019 | 00:14

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

 
Guidava l'auto del padre
I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

 
Tra Cellino S.Marco e S.pietro Vernotico
Scontro fra due auto nel Brindisino, morti 3 ragazzi, 2 persone gravi in ospedale

Scontro fra due auto nel Brindisino, morti 3 ragazzi, 2 feriti in ospedale

 
Fino al 25 marzo
Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

 
A brindisi
In un sacco della spazzatura 8kg di marijuana: è mistero

In un sacco della spazzatura 8kg di marijuana: è mistero

 
Nel Brindisino
Graffitaro imbratta 25 pareti a Cisternino, anche pubbliche: denunciato

Graffitaro imbratta 25 pareti a Cisternino, anche pubbliche: denunciato

 
Nel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
Centrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
L'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
Dopo due anni
Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

 

Il Biancorosso

DOPO I 5 ANNI DI DASPO
La difesa dello steward della Turris"False accuse e tanta cattiveria"

La difesa dello steward della Turris
"False accuse e tanta cattiveria"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatLa storia
Andria, sfrattata la bancarella dei Mansi, la famiglia della bimba uccisa

Andria, sfrattata la bancarella dei Mansi, la famiglia della bimba uccisa

 
Lecce
Leuca, intercettata da Gdf barca a vela con 25 migranti

Leuca, intercettata da Gdf barca a vela con 25 migranti

 
TarantoAmbiente
Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

 
FoggiaAnche lei premiata da Mattarella
È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

 
MateraDroga
Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

 
BrindisiIl caso
Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

 
Altre notizie HomeTra sacro e profano
Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

 

Non scaduta ma con muffa «Caso» mortadella in pasto servito all'ospedale Perrino

Non scaduta ma con muffa «Caso» mortadella in pasto servito all'ospedale Perrino
Antonio Portolano
BRINDISI - Mortadella alla muffa, servita per pranzo in corsia all’ospedale Perrino. Pranzo «indigesto» per una paziente sottoposta a dialisi ricoverata nel reparto di Nefrologia. L’insaccato è stato distribuito con i cestini che vengono somministrati ai pazienti i quali quotidianamente si sottopongono alla dialisi.
Amara sorpresa per la signora Antonella alla quale il pranzo è andato quasi di traverso dopo la scoperta. Eppure la confezione che conteneva l’affettato in teoria non era scaduta. Sul retro la data di scadenza è fissata al 12/10/2015 ma l’affettato, come testimoniato dalle foto, è «costellato» da formazioni di muffe.

Ieri, come consuetudine, all’ora di pranzo, come di consueto, sono stati distribuiti i cestini. La signora ha ritirato quello che le spettava. All’interno: c’erano una mela, una crostatina all’albicocca ed una confezione di mortadella a fette, la signora però non aveva considerato la muffa. Ha preso il cestino e se lo è portato a casa dove ha deciso di consumarlo.

Ma proprio all’atto dell’apertura ecco la sorpresa. «Non è la prima volta – dice la signora - che nel cestino trovo cibo mal conservato. La data di scadenza sulla confezione dice recita 12 ottobre 2015 ma poi l’affettato, come si evince dalle foto, è pieno di muffa, praticamente immangiabile». La signora punta il dito sui controlli e si chiede come mai nessuno verifichi se il cibo è ammuffito o può essere somministrato ai pazienti. Ogni cestino sicuramente incide in termini di costi sulla struttura sanitaria e di conseguenza sui contribuenti. Un esborso di risorse notevoli se poi si considera che il cibo non può nemmeno essere consumato perchè è da cestinare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400