Mercoledì 20 Febbraio 2019 | 08:34

NEWS DALLA SEZIONE

A Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
Lotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
Il caso
Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

Brindisi, migrante aggredito dal branco per rubargli pochi spiccioli

 
Nel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
Coppa Italia 2019
Basket, il Brindisi vola in finale: battuto il Sassari 86-87

Basket, il Brindisi vola in finale per i Final Eight: battuto Sassari 86-87

 
Ai domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
Provoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
Sulla via di San Vito
Brindisi, cc scoprono casolare con 50 africani tra droga e degrado, un arresto

Brindisi, scoperti 50 africani in casolare tra droga e degrado: un arresto

 
La rapina a Brindisi
Brindisi, legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

Legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

 
Dai cc di Brindisi Casale
Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

 
Il caso
Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceComponente di una banda
Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

 
MateraNel Materano
Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

 
BariInaugura il 21 febbraio
Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

 
TarantoAl Teatro Fusco
La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

 
BrindisiA Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
BatDopo la denuncia
Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

 
FoggiaLa storia
«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 

Torre Guaceto indietro tutta via i nudisti e i ristoranti

Torre Guaceto indietro tutta via i nudisti e i ristoranti
di Pasquale Camposeo

CAROVIGNO - Il nuovo corso di Torre Guaceto passa dalla «grana» dei trenini per i bagnanti, ma soprattutto dal recupero dell’antica progettualità, rinunciando a tutto ciò che si voleva fare per «commercializzare» l’area, dai matrimoni sulla Torre alle spiagge vip e nudisti, ai ristoranti sul molo... Risoluzione consensuale del contratto tra il Consorzio di Torre Guaceto e la ditta appaltatrice, che aveva avviato dall’inizio di questo mese di luglio il servizio dei trenini.Si chiude così la drammatica e dolorosa vicenda dei trenini che aveva in questi giorni tenuto alta la tensione per i gravi disservizi in merito al trasporto dei bagnanti dal parcheggio al mare, servizio mai entrato in perfetto regime, ed ora si comprendono le vere motivazioni.

Gli episodi hanno innescato una forte reazione da parte della ditta che, dopo aver constatato i continui sabotaggi a danni dei trenini, ha ritenuto non più idoneo e quindi complicato continuare il servizio di trasporto ed ha espresso la volontà di rescindere il contratto consensuale avvenuto tra le parti.

Sulla vicenda resta un grave interrogativo. Il giorno dopo la sua nomina, Vincenzo Epifani, alla guida del Consorzio di Torre Guaceto, ha davanti a sè una ingarbugliata e intrecciata matassa da sbrogliare, vicenda affrontata e discussa anche all’interno della seduta tenutasi l’altro ieri dall’Assemblea Consortile, tra il Comune di Brindisi, quello di Carovigno e il Wwf Italia, in merito al servizio di trasporto persone dei trenini da Punta Penna Grossa al mare che risulterebbero in più riprese manomessi da mani ignote.prima questioneInsomma, un vero «rebus» per Epifani, che ha ereditato una vicenda spinosa ed ora bisognerà capire come intende risolverla avendo come obiettivo la ripresa e il riscatto di Torre Guaceto quando si è già arrivati nel bel mezzo della stagione estiva con i bagnanti che hanno preso d’assalto e affollano le spiagge dell’Oasi.La soluzione approntata l’altro ieri dal Consorzio per fronteggiare l’emergenza è assicurare il trasporto dei bagnanti. È stato elaborato ed approvato un protocollo di intesa per attivare il trasporto dei turisti in località Punta Penna Grossa con l’Stp per il mese di agosto, utilizzando un pullmino simile a quello usato nelle aree cittadine con ben 40 posti con aria condizionata.

Il servizio dell’Stp, al momento in via sperimentale, è per la sola stagione estiva ma è probabile - se questo sistema dovesse funzionare - che l’iniziativa possa continuare nei prossimi anni.

Il servizio pullman dovrebbe iniziare sabato 25 prossimo.i problemi In questo delicato momento la nomina del presidente del Consorzio è di vitale importanza visti gli impegni che dovrà affrontare soprattutto quello sul depuratore intercomunale e dell’inquinamento nell’oasi dove è previsto un incontro a breve con i rappresentanti del Governo nazionale.L’Oasi naturale di Torre Guaceto in questi anni sembra non aver pace.

Le ultime accuse di questi giorni parlano della presenza di materiale inerte e di una macchia di olio nell’area servizi, che il Consorzio ha poi proceduto solertemente a far bonificare.

Poi vi è stata anche la rilevazione della presenza di tracce di amianto, oltre alle operazioni di manutenzione delle fosse asettiche che avevano rivelato infiltrazioni nel sottosuolo e che potenzialmente avrebbero potuto produrre danni con fuoriuscite di liquami. Queste ultime, a onor del vero, sono state sostituite.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400