Domenica 17 Febbraio 2019 | 09:00

NEWS DALLA SEZIONE

Ai domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
Provoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
Sulla via di San Vito
Brindisi, cc scoprono casolare con 50 africani tra droga e degrado, un arresto

Brindisi, scoperti 50 africani in casolare tra droga e degrado: un arresto

 
La rapina a Brindisi
Brindisi, legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

Legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

 
Dai cc di Brindisi Casale
Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

 
Il caso
Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

 
La rapina
Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

 
Sequestrati anche 30 kg di pesce
carabinieri Nas

Latiano, lavavano pesce con acqua contaminata: ristorante sospeso

 
NEL RIONE SANT'ANGELO
Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

 
Operazione dei Cc
Carovigno, nel «fortino» 2 quintali di droga: sotto accusa una famiglia

Carovigno, nel «fortino» 2 quintali di droga: sotto accusa una famiglia

 
Lotta alla droga
Carovigno, beccato mentre spacciava cocaina: arrestato 42enne

Carovigno, preso dai Cc 42enne mentre spacciava cocaina

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Cellino, societa no profit gestiva centro benessere scoperta maxievasione Iva

Cellino, societa no profit gestiva centro benessere scoperta maxievasione Iva
CELLINO SAN MARCO (BRINDISI) – Una società 'no profit' che però gestiva un centro benessere con piscina, denominato 'Feel good’, a Cellino San Marco: è quanto hanno scoperto i militari della Guardia di finanza di Brindisi che hanno accertato un’evasione fiscale di Iva per 700 mila euro circa, su ricavi stimati in quattro milioni di euro dal 2009 al 2013. I finanzieri hanno anche eseguito un decreto di sequestro per equivalente, disposto dal gip del tribunale di Brindisi Giuseppe Licci su richiesta del pm Raffaele Casto, di beni e disponibilità finanziarie per un valore di un milione di euro a garanzia del recupero delle imposte che si ritengono evase. Sono sei le persone iscritte nel registro degli indagati.

I militari hanno sequestrato fondi di investimento, conti correnti, quote societarie, una villa di pregio, 25 immobili tra fabbricati e terreni e un’auto di lusso. Due le società coinvolte, riferibili secondo gli investigatori ad un’unica famiglia. Dall’esame di messaggi di posta elettronica e dal ritrovamento di una contabilità 'parallelà su una pen-drive è emerso che il centro benessere veniva gestito in realtà da una società sportiva dilettantistica che si dichiarava al fisco come 'no profit', quindi non lucrativa, per usufruire di sgravi e dichiarare soltanto poche migliaia di euro di imposte, pur avendo un giro d’affari milionario. I 126 lavoratori che sono stati impiegati nella struttura sono risultati ingaggiati con lettere di collaborazione sportiva, ma percepivano più di quanto non risultasse nelle carte della società.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400