Lunedì 26 Agosto 2019 | 06:29

NEWS DALLA SEZIONE

La furia di un 53enne
Brindisi, la moglie lo lascia e lui distrugge i mobili: allontanato da casa

Brindisi, la moglie lo lascia e lui distrugge i mobili: allontanato da casa

 
Rissa choc
Ostuni, botte a ragazzino dopo la partita di calcetto: 16enne in ospedale

Ostuni, botte dopo la partita di calcetto: 16enne in ospedale

 
Sulla strada 379
Scontro tra 2 auto sulla strada per Torre Canne: un morto e un ferito

Scontro tra 2 auto sulla strada per Torre Canne: un morto e un ferito

 
Lo spettacolo
La colazione a Torre Guaceto: papà folaga nutre i suoi piccoli

La colazione a Torre Guaceto: papà folaga nutre i suoi piccoli

 
Il provvedimento
Ostuni, minacciava e picchiava ex: divieto di avvicinamento a stalker

Ostuni, minacciava e picchiava ex: divieto di avvicinamento a stalker
A Massafra in cella 46enne

 
Dai Cc
Brindisi, arrestato tassista di migranti: sconterà 4 anni e 9 mesi di carcere

Brindisi, arrestato tassista di migranti: sconterà 4 anni e 9 mesi di carcere

 
Un 21enne
Villa Castelli, non vuole lavorare e picchia i familiari per i soldi: arrestato

Villa Castelli, non vuole lavorare e picchia i familiari per i soldi: arrestato

 
Controlli nel Brindisino
Rosa Marina, Cc in discoteca: 19 lavoratori in nero. Il gestore: "Tutto sanato"

Rosa Marina, Cc in discoteca: venti lavoratori in nero. Il gestore: «Tutto sanato»

 
Poi donato in beneficienza
Brindisi, pesce troppo piccolo: sequestrati 120 kg dalla Guardia Costiera

Brindisi, pesce troppo piccolo: sequestrati 120 kg dalla Guardia Costiera

 
I controlli
Falsi incidenti stradali, stretta dei cc: 36 denunce in 7 mesi nel Brindisino

Falsi incidenti stradali, stretta dei cc: 36 denunce in 7 mesi nel Brindisino

 
L'emergenza
S. Pancrazio Sal.no, Il Comune ingaggia un falco «anti-piccioni»

S. Pancrazio Sal.no, Il Comune ingaggia un falco «anti-piccioni»

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceTragedia nel Salento
Si sente male mentre fa pesca subacquea: muore 56enne a Casalabate

Malore mentre fa pesca subacquea: muore 56enne a Casalabate

 
FoggiaTragedia nel Foggiano
Cade in mare da barca condotta dal marito: donna muore al largo di Foce Varano

Cade da barca condotta dal marito: donna muore al largo di Foce Varano

 
BariL'appuntamento
Distorsioni sonore: creatività e fantasia si incontrano ad Acquaviva

Distorsioni sonore: creatività e fantasia si incontrano ad Acquaviva

 
BatL'idea
Barletta, un mosaico a Canne per non dimenticare la storia

Barletta, un mosaico a Canne per non dimenticare la storia

 
MateraIncidente stradale
Tricarico, auto finisce contro il guard rail: 4 feriti, 3 sono gravi

Tricarico, auto finisce contro il guard rail: 4 feriti, 3 sono in gravi

 
BrindisiLa furia di un 53enne
Brindisi, la moglie lo lascia e lui distrugge i mobili: allontanato da casa

Brindisi, la moglie lo lascia e lui distrugge i mobili: allontanato da casa

 
PotenzaSanità
Potenza, al S. Carlo carenza di medici: colpa delle «porte girevoli»

Potenza, al S. Carlo carenza di medici: colpa delle «porte girevoli»

 
TarantoSanità
Castellaneta, chiuso il punto nascite in ospedale: bimbi trasferiti

Castellaneta, chiuso il punto nascite in ospedale: bimbi trasferiti

 

i più letti

Non era una falsa cieca assolta anziana di Francavilla

FRANCAVILLA FONTANA - Sottoposta a indagine, pensione di invalidità sospesa, processata. Secondo l’accusa, documentata dalle foto prodotte dai carabinieri di Francavilla Fontana, si trattava di una falsa cieca. Una donna di 75 anni, di Francavilla Fontana, che si faceva passare per cieca per intascare la pensione, ma i giudici e gli accertamenti hanno detto il contrario: l'anziana è veramente cieca
Non era una falsa cieca assolta anziana di Francavilla
FRANCAVILLA FONTANA - Sottoposta a indagine, pensione di invalidità sospesa, processata. Secondo l’accusa, documentata dalle foto prodotte dai carabinieri di Francavilla Fontana, si trattava di una falsa cieca. Una donna di 75 anni, di Francavilla Fontana, che si faceva passare per cieca per intascare la pensione. Ma non era cieca. Un maresciallo dell’arma la seguiva da giorni e la fotografava. Un giorno mentre camminava disinvoltamente, un altro giorno mentre faceva la spesa e contava gli spiccioli, un altro ancora mentre guardava le vetrine. Insomma, una persona che conduce una vita normale non può essere cieca. Finge per farsi pagare la pensione ed ha finto sempre talmente bene da ingannare i medici che nel tempo l’hanno sottoposta a visita. A meno che anche loro non fossero complici. No, non lo erano.

Ieri il giudice monocratico Cristiano Colombo l’ha assolta, accogliendo la richiesta del difensore, avvocato Daniela D’Amuri, perché il fatto non sussiste. Tre anni di inferno per questa signora che ora ha 78 anni per dimostrare che in realtà era cieca e la pensione le era stata sospesa ingiustamente. Il pubblico ministero di udienza aveva chiesto la condanna della anziana a due anni di reclusione.
«La mia assistita – commenta l’avvocato D’Amuri – ha subìto un danno incredibile ed ora sto valutando le azioni da intraprendere nei confronti di chi lo ha provocato».
L’invalida, subito dopo la denuncia, era incappata nei rigori dell’Inps. Se i carabinieri affermano che non è cieca la pensione va sospesa, aveva argomentato l’ente erogatore. Detto fatto. L’Inps dispone un accertamento medico che si conclude come le visite precedenti: la donna è cieca. Ma nonostante questo la pensione non arriva più con le conseguenze facilmente immaginabili. Non arriva la pensione ma arriva il processo per truffa aggravata in danno dell’Inps. Ente che dopo l’accertamento medico si rende conto che la donna non mente. Tanto è vero che nel processo non si costituisce parte civile.

Nel corso del processo la donna, che ora ha 78 anni, è stata sottoposta a diversi esami clinici. Non la lettura delle lettere sul tabellone luminoso, ma accertamenti complessi, come quello sul nervo ottico, che hanno stabilito senza ombra di dubbio che la donna non ha mai finto. E se non ha mai finto non ha nemmeno truffato l’Inps. Per cui l’assoluzione con la formula piena del «fatto non sussiste». Una vittoria a metà perché quello che questa donna ha dovuto passare negli ultimi tre anni non viene ripagato dall’assoluzione che per lei era scontata. E per questo il suo difensore ritiene che la vicenda sia ancora aperta. «Qualcuno deve pagare», ripete. [pi. arg.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie