Martedì 28 Gennaio 2020 | 15:29

NEWS DALLA SEZIONE

Operazione dei Cc
Droga, tre arresti nel Brindisino: preso 18enne vicino a scuola a Ostuni

Droga, tre arresti nel Brindisino: preso 18enne vicino scuola a Ostuni

 
Il salvataggio
Brindisi, cucciolo di foca spiaggiato a Torre San Gennaro: ha bisogno di cure

Brindisi, non ce l'ha fatta il cucciolo di foca spiaggiato: morto tra le braccia dei veterinari

 
Shoah
Giorno della Memoria, il messaggio di Liliana Segre a studenti di Fasano: «Siate vigili»

Giorno della Memoria, il messaggio di Liliana Segre a studenti di Fasano: «Siate vigili»

 
L'aggressione
Mesagne, armato di coltelli assalta l'ambulanza del 118

Mesagne, armato di coltelli assalta l'ambulanza del 118

 
In piazza
Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

 
Una 50enne romena
Ostuni, botte e parolacce alla nonnina 90enne sul girello: in cella badante

Ostuni, botte e parolacce alla nonnina 90enne sul girello: in cella badante

 
Le dichiarazioni
Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

 
L'annuncio
Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

 
Nel Brindisino
Ceglie Messapica, due cadaveri trovati in una casa: indagano i carabinieri

Ceglie Messapica, trovati morti in casa: si sono uccisi a coltellate dopo una lite

 
Nel Brindisino
Mesagne, manomette contatore e ruba elettricità per 8mila euro: arrestato

Mesagne, manomette contatore e ruba elettricità per 8mila euro: arrestato

 
L'iniziativa
Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Perrotta salva il Bari al Granillo: 1-1 in casa della Reggina. La diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl processo
Mafia, chiesti 16 anni a pregiudicato per 2 tentati omicidi nel Nord Barese

Mafia, chiesti 16 anni a pregiudicato per 2 tentati omicidi nel Nord Barese

 
BariLa storia
Lascia la carriera a Milano e torna in Puglia per aiutare la figlia a respirare bene: il post è virale

Lascia la carriera a Milano e torna in Puglia per aiutare la figlia a respirare bene: il post è virale

 
PotenzaIl caso
Potenza, adescano un 70enne e gli rubano i soldi: denunciate 2 donne

Potenza, adescano un 70enne e gli rubano i soldi: denunciate 2 donne

 
FoggiaOperazione dei Cc
Foggia, nel casale bunker 7 chili di droga e 6 bombe artigianali: 4 arresti

Foggia, nel casale bunker 7 chili di droga e 6 bombe artigianali: 4 arresti

 
TarantoOperazione Gdf
Massafra, sequestrata maxi discarica: 24mila tonnellate di di scarti di marmo e fanghi

Massafra, sequestrata maxi discarica: 24mila tonnellate di di scarti di marmo e fanghi

 
HomeIl fenomeno
Morbillo, allarme in Salento 40 casi in un mese: anche 4 bimbi, due figli di «no vax»

Morbillo, in Salento due casi al giorno, coinvolti adulti e bimbi: anche figli di «no vax»

 
BrindisiOperazione dei Cc
Droga, tre arresti nel Brindisino: preso 18enne vicino a scuola a Ostuni

Droga, tre arresti nel Brindisino: preso 18enne vicino scuola a Ostuni

 
MateraIl caso
Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

 

i più letti

Non era una falsa cieca assolta anziana di Francavilla

FRANCAVILLA FONTANA - Sottoposta a indagine, pensione di invalidità sospesa, processata. Secondo l’accusa, documentata dalle foto prodotte dai carabinieri di Francavilla Fontana, si trattava di una falsa cieca. Una donna di 75 anni, di Francavilla Fontana, che si faceva passare per cieca per intascare la pensione, ma i giudici e gli accertamenti hanno detto il contrario: l'anziana è veramente cieca
Non era una falsa cieca assolta anziana di Francavilla
FRANCAVILLA FONTANA - Sottoposta a indagine, pensione di invalidità sospesa, processata. Secondo l’accusa, documentata dalle foto prodotte dai carabinieri di Francavilla Fontana, si trattava di una falsa cieca. Una donna di 75 anni, di Francavilla Fontana, che si faceva passare per cieca per intascare la pensione. Ma non era cieca. Un maresciallo dell’arma la seguiva da giorni e la fotografava. Un giorno mentre camminava disinvoltamente, un altro giorno mentre faceva la spesa e contava gli spiccioli, un altro ancora mentre guardava le vetrine. Insomma, una persona che conduce una vita normale non può essere cieca. Finge per farsi pagare la pensione ed ha finto sempre talmente bene da ingannare i medici che nel tempo l’hanno sottoposta a visita. A meno che anche loro non fossero complici. No, non lo erano.

Ieri il giudice monocratico Cristiano Colombo l’ha assolta, accogliendo la richiesta del difensore, avvocato Daniela D’Amuri, perché il fatto non sussiste. Tre anni di inferno per questa signora che ora ha 78 anni per dimostrare che in realtà era cieca e la pensione le era stata sospesa ingiustamente. Il pubblico ministero di udienza aveva chiesto la condanna della anziana a due anni di reclusione.
«La mia assistita – commenta l’avvocato D’Amuri – ha subìto un danno incredibile ed ora sto valutando le azioni da intraprendere nei confronti di chi lo ha provocato».
L’invalida, subito dopo la denuncia, era incappata nei rigori dell’Inps. Se i carabinieri affermano che non è cieca la pensione va sospesa, aveva argomentato l’ente erogatore. Detto fatto. L’Inps dispone un accertamento medico che si conclude come le visite precedenti: la donna è cieca. Ma nonostante questo la pensione non arriva più con le conseguenze facilmente immaginabili. Non arriva la pensione ma arriva il processo per truffa aggravata in danno dell’Inps. Ente che dopo l’accertamento medico si rende conto che la donna non mente. Tanto è vero che nel processo non si costituisce parte civile.

Nel corso del processo la donna, che ora ha 78 anni, è stata sottoposta a diversi esami clinici. Non la lettura delle lettere sul tabellone luminoso, ma accertamenti complessi, come quello sul nervo ottico, che hanno stabilito senza ombra di dubbio che la donna non ha mai finto. E se non ha mai finto non ha nemmeno truffato l’Inps. Per cui l’assoluzione con la formula piena del «fatto non sussiste». Una vittoria a metà perché quello che questa donna ha dovuto passare negli ultimi tre anni non viene ripagato dall’assoluzione che per lei era scontata. E per questo il suo difensore ritiene che la vicenda sia ancora aperta. «Qualcuno deve pagare», ripete. [pi. arg.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie