Domenica 26 Gennaio 2020 | 01:30

NEWS DALLA SEZIONE

Le dichiarazioni
Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

 
L'annuncio
Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

 
Nel Brindisino
Ceglie Messapica, due cadaveri trovati in una casa: indagano i carabinieri

Ceglie Messapica, 2 cadaveri trovati in una casa: dopo una furiosa lite, le vittime si sono accoltellate a vicenda

 
Nel Brindisino
Mesagne, manomette contatore e ruba elettricità per 8mila euro: arrestato

Mesagne, manomette contatore e ruba elettricità per 8mila euro: arrestato

 
L'iniziativa
Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

 
nel brindisino
Ceglie Messapica, in casa pistole, gioielli, quadri e 5mila euro: arrestato

Ceglie Messapica, in casa pistole, gioielli, quadri e 5mila euro: arrestato

 
Il caso
Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

 
Operazione della Polizia
Carovigno, pistola e passamontagna in camera da letto: arrestato 30enne

Carovigno, pistola e passamontagna in camera da letto: arrestato 30enne

 
Nel Brindisino
Fasano, ha il divieto di avvicinamento e incendia auto degli amici dell'ex compagna: arrestato

Fasano, incendiava auto degli amici dell'ex compagna: arrestato stalker

 
sulla ss 379
Auto esce fuori strada e finisce contro alberi nel Brindisino: grave 18enne di Ostuni

Ostuni, auto finisce fuori strada e si schianta contro alberi: grave 18enne

 
Intimidazione
Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

 

Il Biancorosso

serie c
Bari e la «condanna» a vincere, Vivarini: «Non c'è altro verbo»

Bari e la «condanna» a vincere, Vivarini: «Non c'è altro verbo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiLe dichiarazioni
Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

 
LecceIl video
San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

 
FoggiaIl furto
San Severo, beccati da un contadino mentre rubano in un capannone: 3 arresti

San Severo, beccati da un contadino mentre rubano in un capannone: 3 arresti

 
BatNel Nordbarese
Barletta, tragedia in casa: 62enne muore schiacciato da lastra di ferro

Barletta, tragedia in casa: 62enne muore schiacciato da lastra di ferro

 
Tarantoil caso
Cannabis light, archiviata inchiesta partita da Taranto: «Sul Thc la legge non è chiara»

Cannabis light, archiviata inchiesta partita da Taranto: «Sul Thc la legge non è chiara»

 
MateraSolidarietà
«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

 

i più letti

Non era una falsa cieca assolta anziana di Francavilla

FRANCAVILLA FONTANA - Sottoposta a indagine, pensione di invalidità sospesa, processata. Secondo l’accusa, documentata dalle foto prodotte dai carabinieri di Francavilla Fontana, si trattava di una falsa cieca. Una donna di 75 anni, di Francavilla Fontana, che si faceva passare per cieca per intascare la pensione, ma i giudici e gli accertamenti hanno detto il contrario: l'anziana è veramente cieca
Non era una falsa cieca assolta anziana di Francavilla
FRANCAVILLA FONTANA - Sottoposta a indagine, pensione di invalidità sospesa, processata. Secondo l’accusa, documentata dalle foto prodotte dai carabinieri di Francavilla Fontana, si trattava di una falsa cieca. Una donna di 75 anni, di Francavilla Fontana, che si faceva passare per cieca per intascare la pensione. Ma non era cieca. Un maresciallo dell’arma la seguiva da giorni e la fotografava. Un giorno mentre camminava disinvoltamente, un altro giorno mentre faceva la spesa e contava gli spiccioli, un altro ancora mentre guardava le vetrine. Insomma, una persona che conduce una vita normale non può essere cieca. Finge per farsi pagare la pensione ed ha finto sempre talmente bene da ingannare i medici che nel tempo l’hanno sottoposta a visita. A meno che anche loro non fossero complici. No, non lo erano.

Ieri il giudice monocratico Cristiano Colombo l’ha assolta, accogliendo la richiesta del difensore, avvocato Daniela D’Amuri, perché il fatto non sussiste. Tre anni di inferno per questa signora che ora ha 78 anni per dimostrare che in realtà era cieca e la pensione le era stata sospesa ingiustamente. Il pubblico ministero di udienza aveva chiesto la condanna della anziana a due anni di reclusione.
«La mia assistita – commenta l’avvocato D’Amuri – ha subìto un danno incredibile ed ora sto valutando le azioni da intraprendere nei confronti di chi lo ha provocato».
L’invalida, subito dopo la denuncia, era incappata nei rigori dell’Inps. Se i carabinieri affermano che non è cieca la pensione va sospesa, aveva argomentato l’ente erogatore. Detto fatto. L’Inps dispone un accertamento medico che si conclude come le visite precedenti: la donna è cieca. Ma nonostante questo la pensione non arriva più con le conseguenze facilmente immaginabili. Non arriva la pensione ma arriva il processo per truffa aggravata in danno dell’Inps. Ente che dopo l’accertamento medico si rende conto che la donna non mente. Tanto è vero che nel processo non si costituisce parte civile.

Nel corso del processo la donna, che ora ha 78 anni, è stata sottoposta a diversi esami clinici. Non la lettura delle lettere sul tabellone luminoso, ma accertamenti complessi, come quello sul nervo ottico, che hanno stabilito senza ombra di dubbio che la donna non ha mai finto. E se non ha mai finto non ha nemmeno truffato l’Inps. Per cui l’assoluzione con la formula piena del «fatto non sussiste». Una vittoria a metà perché quello che questa donna ha dovuto passare negli ultimi tre anni non viene ripagato dall’assoluzione che per lei era scontata. E per questo il suo difensore ritiene che la vicenda sia ancora aperta. «Qualcuno deve pagare», ripete. [pi. arg.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie