Venerdì 24 Gennaio 2020 | 12:26

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

 
Operazione della Polizia
Carovigno, pistola e passamontagna in camera da letto: arrestato 30enne

Carovigno, pistola e passamontagna in camera da letto: arrestato 30enne

 
Nel Brindisino
Fasano, ha il divieto di avvicinamento e incendia auto degli amici dell'ex compagna: arrestato

Fasano, incendiava auto degli amici dell'ex compagna: arrestato stalker

 
sulla ss 379
Auto esce fuori strada e finisce contro alberi nel Brindisino: grave 18enne di Ostuni

Ostuni, auto finisce fuori strada e si schianta contro alberi: grave 18enne

 
Intimidazione
Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

 
Nel Brindisino
Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

Ostuni, donna uccisa da colpo di pistola accidentale: 3 denunce per aggressione a giornalista

 
Nel Brindisino
Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

Fasano, ubriaco alla guida di un camion a zig-zag sulla statale: denunciato

 
La tragedia
Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

 
Buon compleanno
Nonna Maria spegne 105 candeline: la festa a San Michele Salentino

Nonna Maria spegne 105 candeline: la festa a San Michele Salentino

 
Nel Brindisino
S.Vito dei Normanni, 79enne abbandona in strada 4 cagnolini di pochi giorni, denunciato

S.Vito dei Normanni, 79enne abbandona in strada 4 cagnolini di pochi giorni, denunciato

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, metamorfosi Simeri: ora segna e fa segnare

Bari, metamorfosi Simeri: ora segna e fa segnare

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggianel foggiano
Camion ed escavatore rubati a Milano e trovati a Cerignola: un arresto e una denuncia

Camion ed escavatore rubati a Milano e trovati a Cerignola: un arresto e una denuncia

 
Materale dichiarazioni
Criminalità, sindaco Pisticci: «Una sezione della Dia nel Metapontino può servire»

Criminalità, sindaco Pisticci: «Una sezione della Dia nel Metapontino può servire»

 
Barinel barese
Corato, 12enne rincorre scippatore minorenne e restituisce borsa ad anziana

Corato, 12enne rincorre scippatore minorenne e restituisce borsa ad anziana

 
Tarantola denuncia
Mittal, sindacati: «Spogliatoi fatiscenti e senza acqua calda»

Mittal, sindacati: «Spogliatoi fatiscenti e senza acqua calda»

 
Leccel'indagine
Si fingeva grande chef e molestava studentesse: 23enne salentino arrestato a Roma

Si fingeva grande chef e molestava studentesse: 23enne salentino arrestato a Roma

 
PotenzaDopo la tragedia
Tifosi investiti, l'autista di Melfi resta in carcere: indagato per omicidio

Tifosi investiti, l'autista di Melfi resta in carcere: indagato per omicidio

 
Batnel nordbarese
Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

 
BrindisiIl caso
Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

 

i più letti

Tour nel Brindisino tra masserie e ulivi discariche d’amianto

LATIANO - Pneumatici abbandonati, sacchetti di spazzatura, materiali di risulta provenienti da cantieri edili abusivi. E’ questa l’immagine abituale con cui bisogna convivere passeggiando per le contrade alla periferia del paese. Insieme agli ulivi secolari e ai muretti a secco che fanno da cornice al nostro paesaggio da cartolina, da tempo purtroppo bisogna fare i conti con i cumuli di immondizia
M5S: La discarica di Mariano dimenticata
Tour nel Brindisino tra masserie e ulivi discariche d’amianto
LATIANO - Pneumatici abbandonati, sacchetti di spazzatura, materiali di risulta provenienti da cantieri edili abusivi. E’ questa l’immagine abituale con cui bisogna convivere passeggiando per le contrade alla periferia del paese. Insieme agli ulivi secolari e ai muretti a secco che fanno da cornice al nostro paesaggio da cartolina, da tempo purtroppo bisogna fare i conti con i cumuli di immondizia che deturpano uno «dei territori più belli del mondo». Siti con cumuli di immondizia e rifiuti anche pericolosi (eternit e contenitori d’amianto) che aumentano di volume con il passare del tempo.

Come quelli abbandonati da chissà quanto lungo il corso del Canale Reale (nei pressi della zona artigianale). La situazione (da un punto di vista ambientale) diventa più seria, se in questo «tour dell’orrore» si dovesse decidere di imboccare la strada provinciale che collega Latiano con San Michele, dove si trovano due bellissime masserie (come indicano anche i segnali turistici di colore marrone). Bene quì, su indicazione di alcuni cittadini ci siamo trovati davanti una discarica interrata colma di ogni tipo di rifiuti. Una vera e propria «vora» (una voragine naturale) che, secondo quanto si racconta, sarebbe stata colmata in questi anni con rifiuti di ogni genere. Quello che si mostra al visitatore sarebbe dunque solo una parte della voragine. Per scoprire se il terreno intorno a questa enorme buca (profonda qualche metro) nasconde rifiuti «tombati» sarebbe necessario fare delle indagini più approfondite.

Nella attesa delle analisi del terreno bisognerebbe rimuovere almeno il materiale presente e verificare se quella «frattura» nel terreno alimenta una falda. Secondo alcune testimonianze, fino a qualche anno fa in quella buca (oggi colma di rifiuti) sversava presumibilmente una condotta forse proveniente da un pozzo artesiano poco distante. Un tubo dal quale fuoriusciva acqua 24 ore al giorno per sette giorni alla settimana, completamente risucchiata dal terreno (per finire chissà in quale falda e dunque in quale pozzi). Poi, dopo la denuncia di un cittadino e l’intervento delle autorità, quel tubo venne staccato.
Il nostro testimone racconta che dopo la sua denuncia anonima furono anche installati due segnali di divieto «di abbandono di rifiuti», oggi completamente arrugginiti. A distanza di anni quell’area non è stata mai bonificata. Nè sarebbero stati eseguiti delle indagini per verificare se nel terreno antistante la «vora» insistono rifiuti interrati.

Oltre questo sito (dall’altra parte della strada provinciale) una bellissima masseria abbandonata. All’ingresso una montagna di rifiuti (compreso amianto) che distrae il «turista». Di fronte una antica costruzione dell’Aqp. Forse una riserva idrica in disuso. Un tour che forse sarebbe il caso di proporre (prima di inserire il nostro bellissimo territorio da cartolina nei depliant da vendere all’estero) anche alla Polizia Urbana e alla Forestale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie