Venerdì 22 Marzo 2019 | 09:48

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
Centrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
L'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
Dopo due anni
Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

 
In pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
Al rione Bozzano
Brindisi, disoccupata 20enne salvata mentre tenta lanciarsi dal ponte

Brindisi, disoccupata 20enne salvata mentre tenta lanciarsi dal ponte

 
Denunciato
Carovigno, guida sotto effetto alcol e droga fa incidente e distrugge 4 auto

Carovigno, guida sotto effetto alcol e droga fa incidente e distrugge 4 auto

 
Ordinanza del Questore
San Donaci, droga e pregiudicati: chiuso circolo per un mese

San Donaci, droga e pregiudicati: chiuso circolo per un mese

 
Indagano i Cc
Fasano, gli sparano mentre fa la pipì per strada: ferito 40enne

Fasano, gli sparano mentre fa la pipì per strada: ferito 40enne

 
Maltrattamento di animali
Brindisi, trovati 6 cani rinchiusi in auto abbandonata: una denuncia

Brindisi, trovati 6 cani rinchiusi in auto abbandonata: una denuncia

 
Il caso
Brindisi, polizze a prezzi di saldo: una truffa non un affare

Brindisi, polizze a prezzi di saldo: una truffa non un affare

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraUn 59enne
Matera, minaccia moglie con un coltello davanti a figlia minorenne: in cella

Matera, minaccia moglie con un coltello davanti a figlia minorenne: in cella

 
FoggiaL'omicidio
Mattinata, ammazzata a fucilate vicino casa boss del clan Romito

Mattinata, boss clan Romito ammazzato a fucilate vicino casa

 
BariComune
Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

Bari, battaglia in consiglio sulle tasse. «Non aumentano». «Aumento col trucco»

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

Taranto, da Regione corsi di riqualificazione per i lavoratori ex Ilva

 
LecceEmergenza batterio killer
Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

Xylella, lunedì 25 marzo incontro a Lecce con il ministro Lezzi

 
PotenzaLa foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
BrindisiNel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
BatAnalisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 

In tour per Latiano nelle discariche d’amianto

LATIANO - Pneumatici abbandonati, sacchetti di spazzatura, materiali di risulta provenienti da cantieri edili abusivi. E’ questa l’immagine abituale con cui bisogna convivere passeggiando per le contrade alla periferia del paese. Insieme agli ulivi secolari e ai muretti a secco che fanno da cornice al nostro paesaggio da cartolina, da tempo purtroppo bisogna fare i conti con i cumuli di immondizia
In tour per Latiano nelle discariche d’amianto
LATIANO - Pneumatici abbandonati, sacchetti di spazzatura, materiali di risulta provenienti da cantieri edili abusivi. E’ questa l’immagine abituale con cui bisogna convivere passeggiando per le contrade alla periferia del paese. Insieme agli ulivi secolari e ai muretti a secco che fanno da cornice al nostro paesaggio da cartolina, da tempo purtroppo bisogna fare i conti con i cumuli di immondizia che deturpano uno «dei territori più belli del mondo». Siti con cumuli di immondizia e rifiuti anche pericolosi (eternit e contenitori d’amianto) che aumentano di volume con il passare del tempo.

Come quelli abbandonati da chissà quanto lungo il corso del Canale Reale (nei pressi della zona artigianale). La situazione (da un punto di vista ambientale) diventa più seria, se in questo «tour dell’orrore» si dovesse decidere di imboccare la strada provinciale che collega Latiano con San Michele, dove si trovano due bellissime masserie (come indicano anche i segnali turistici di colore marrone). Bene quì, su indicazione di alcuni cittadini ci siamo trovati davanti una discarica interrata colma di ogni tipo di rifiuti. Una vera e propria «vora» (una voragine naturale) che, secondo quanto si racconta, sarebbe stata colmata in questi anni con rifiuti di ogni genere. Quello che si mostra al visitatore sarebbe dunque solo una parte della voragine. Per scoprire se il terreno intorno a questa enorme buca (profonda qualche metro) nasconde rifiuti «tombati» sarebbe necessario fare delle indagini più approfondite.

Nella attesa delle analisi del terreno bisognerebbe rimuovere almeno il materiale presente e verificare se quella «frattura» nel terreno alimenta una falda. Secondo alcune testimonianze, fino a qualche anno fa in quella buca (oggi colma di rifiuti) sversava presumibilmente una condotta forse proveniente da un pozzo artesiano poco distante. Un tubo dal quale fuoriusciva acqua 24 ore al giorno per sette giorni alla settimana, completamente risucchiata dal terreno (per finire chissà in quale falda e dunque in quale pozzi). Poi, dopo la denuncia di un cittadino e l’intervento delle autorità, quel tubo venne staccato.
Il nostro testimone racconta che dopo la sua denuncia anonima furono anche installati due segnali di divieto «di abbandono di rifiuti», oggi completamente arrugginiti. A distanza di anni quell’area non è stata mai bonificata. Nè sarebbero stati eseguiti delle indagini per verificare se nel terreno antistante la «vora» insistono rifiuti interrati.

Oltre questo sito (dall’altra parte della strada provinciale) una bellissima masseria abbandonata. All’ingresso una montagna di rifiuti (compreso amianto) che distrae il «turista». Di fronte una antica costruzione dell’Aqp. Forse una riserva idrica in disuso. Un tour che forse sarebbe il caso di proporre (prima di inserire il nostro bellissimo territorio da cartolina nei depliant da vendere all’estero) anche alla Polizia Urbana e alla Forestale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400