Domenica 17 Febbraio 2019 | 09:17

NEWS DALLA SEZIONE

Ai domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
Provoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
Sulla via di San Vito
Brindisi, cc scoprono casolare con 50 africani tra droga e degrado, un arresto

Brindisi, scoperti 50 africani in casolare tra droga e degrado: un arresto

 
La rapina a Brindisi
Brindisi, legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

Legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

 
Dai cc di Brindisi Casale
Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

 
Il caso
Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

 
La rapina
Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

 
Sequestrati anche 30 kg di pesce
carabinieri Nas

Latiano, lavavano pesce con acqua contaminata: ristorante sospeso

 
NEL RIONE SANT'ANGELO
Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

 
Operazione dei Cc
Carovigno, nel «fortino» 2 quintali di droga: sotto accusa una famiglia

Carovigno, nel «fortino» 2 quintali di droga: sotto accusa una famiglia

 
Lotta alla droga
Carovigno, beccato mentre spacciava cocaina: arrestato 42enne

Carovigno, preso dai Cc 42enne mentre spacciava cocaina

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Brindisi, fece scendere fratello da ambulanza ma lui morì: condannata

BRINDISI - Un uomo fu colto da malore nei pressi di una spiaggia, ma la sorella lo fece scendere dall'ambulanza nonostante il consiglio al ricovero da parte del medico intervenuto. L'uomo morì il giorno dopo. Il giudice ha assolto il sanitario del 118 e condannato la sorella
Brindisi, fece scendere fratello da ambulanza ma lui morì: condannata
BRINDISI – Un medico del 118, accusato di aver consentito ad un paziente colto da malore di scendere dall’autoambulanza, è stato assolto, mentre la sorella e tutrice del paziente, morto durante il successivo soccorso, è stata condannata ad otto mesi di reclusione per non aver dato il consenso al ricovero: tutto questo al termine di un processo per cooperazione in omicidio colposo che si è concluso oggi a Brindisi dinanzi al giudice monocratico Luca Scuzzarella. Il giudice ha emesso una sentenza quasi del tutto conforme alle richieste del pm Milto Stefano De Nozza.

I fatti risalgono al luglio del 2010, quando un uomo accusò un malore nei pressi di uno stabilimento balneare di Brindisi. La sorella impedì che il medico e il personale del 118 si occupassero di lui, non concedendo il consenso, e sostenendo che fosse in buono stato di salute. Le sue condizioni però si aggravarono, finchè il giorno successivo l’uomo cessò di vivere. Fu disposta l’autopsia: finirono a processo il medico che si trovava nell’ambulanza e la sorella e tutrice della persona colta da malore.

A quanto è emerso durante il dibattimento, il medico aveva consigliato il ricovero e il trasferimento in ospedale, ma non c'era stato il consenso in quanto la sorella si era "opposta al ricovero, facendo scendere l’uomo dal mezzo e portandolo con sè a casa".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400