Lunedì 27 Gennaio 2020 | 09:50

NEWS DALLA SEZIONE

L'aggressione
Mesagne, armato di coltelli assalta l'ambulanza del 118

Mesagne, armato di coltelli assalta l'ambulanza del 118

 
In piazza
Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

 
Una 50enne romena
Ostuni, botte e parolacce alla nonnina 90enne sul girello: in cella badante

Ostuni, botte e parolacce alla nonnina 90enne sul girello: in cella badante

 
Le dichiarazioni
Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

 
L'annuncio
Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

 
Nel Brindisino
Ceglie Messapica, due cadaveri trovati in una casa: indagano i carabinieri

Ceglie Messapica, trovati morti in casa: si sono uccisi a coltellate dopo una lite

 
Nel Brindisino
Mesagne, manomette contatore e ruba elettricità per 8mila euro: arrestato

Mesagne, manomette contatore e ruba elettricità per 8mila euro: arrestato

 
L'iniziativa
Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

 
nel brindisino
Ceglie Messapica, in casa pistole, gioielli, quadri e 5mila euro: arrestato

Ceglie Messapica, in casa pistole, gioielli, quadri e 5mila euro: arrestato

 
Il caso
Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

 
Operazione della Polizia
Carovigno, pistola e passamontagna in camera da letto: arrestato 30enne

Carovigno, pistola e passamontagna in camera da letto: arrestato 30enne

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato. Alle 15 la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLa novità
Cerignola, ragazze «curvy» in passerella: ecco l’altra moda

Cerignola, ragazze «curvy» in passerella: ecco l’altra moda

 
BatCultura
Andria, Castel del Monte nella top 30 dei monumenti più visitati d'Italia

Andria, Castel del Monte nella top 30 dei monumenti più visitati d'Italia

 
BariLa novità
Bari, al Museo «c'è un morto»: ecco il gioco virtuale di 5 giovani informatici

Bari, al Museo «c'è un morto»: ecco il gioco virtuale di 5 giovani informatici

 
BariL'inchiesta
Valigia di cartone sostituita dal trolley, ma pugliesi e lucani restano emigranti

Valigia di cartone sostituita dal trolley, ma pugliesi e lucani restano emigranti

 
BrindisiL'aggressione
Mesagne, armato di coltelli assalta l'ambulanza del 118

Mesagne, armato di coltelli assalta l'ambulanza del 118

 
TarantoL'inchiesta
Taranto, falsi steward allo stadio: chiesto giudizio per 68

Taranto, falsi steward allo stadio: chiesto giudizio per 68

 
LecceIl video
San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

 
MateraSolidarietà
«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

 

i più letti

Brindisi: «Opere abusive da demolire alla villa della Milani»

di PIERO ARGENTIERO
BRINDISI - Devono essere demolite le opere realizzate in difformità dalla giornalista Mariella Milani alla sua villa sulla scogliera di Monticelli. Lo ha confermato il giudice Stefania De Angelis che ha rigettato l’incidente di esecuzione proposto dalla giornalista televisiva per evitare in extremis la demolizione di quanto realizzato al fine di aumentare la superficie della sua villa (anche un piano interrato) (Nella foto la giornalista nella sua casa a Monticelli di Ostuni)

Brindisi: «Opere abusive da demolire alla villa della Milani»
di Piero Argentiero

Devono essere demolite le opere realizzate in difformità dalla giornalista Mariella Milani alla sua villa sulla scogliera di Monticelli. Lo ha confermato il giudice Stefania De Angelis che ha rigettato l’incidente di esecuzione proposto dalla giornalista Mariella Milani per evitare in extremis la demolizione di quanto realizzato al fine di aumentare la superficie della sua villa (anche un piano interrato). L’udienza si era tenuta il 7 luglio. Ieri è stata notificata alle parti la decisione della Sezione penale del Tribunale di Brindisi.

Il ricorso era stato presentato dalla Milani e dall’architetto Raffaella Bianco, direttore dei lavori. Entrambe condannate con sentenza definitiva assieme a Domenico Masi, titolare dell’impresa edile che effettuò i lavori anni fa. Il giudice esordisce nel provvedimento, prima di spiegarne i motivi: «l’stanza di revoca e/o sospensione dell’ingiunzione alla demolizione non appare meritevole di accoglimento».

Una costruzione molto bella, sulla scogliera, a pochi metri dal mare acquistata anni fa. Entrata in possesso della villa, la giornalista decise di ristrutturarla. Ma la rivisitazione piuttosto «decisa» del fabbricato, affidata alla ditta Masi, scatena le ire dei suoi vicini. In particolare degli imprenditori Leonardo Marseglia e Giuseppe Sasso, che presentano esposti.

La Milani reagisce con determinazione manifestando l’intenzione di vendere la casa e di lasciare Ostuni. I suoi vicini replicano: «Gli imprenditori Giuseppe Sasso e Leonardo Marseglia, anche facendosi carico di un onere economico e processuale che incombeva all’amministrazione del Villaggio Monticelli, a fronte degli evidenti allargamenti perseguiti dalla Milani sia con riferimento alla propria villa sia al terreno circostante, hanno iniziato una battaglia che, pur svolgendosi nelle aule di un Tribunale, è pur sempre una battaglia di civiltà, contro ogni abuso del diritto e contro ogni prepotenza».

Il 14 giugno del 2006 i Vigili urbani di Ostuni accertarono che l’immobile della giornalista televisiva Mariella Milani era stato ampliato abusivamente. Il 18 luglio successivo il dirigente dell’Ufficio tecnico di Ostuni emise ordinanza di demolizione cui la Milani non diede seguito. Il successivo processo penale si concluse con la condanna dei tre (era il 10 luglio del 2009) e l’ordine di demolizione. Sentenza confermata in Appello e dalla Cassazione che il 29 marzo 2012 dichiarò inammissibili i ricorsi. Infine il 15 aprile scorso il pm emette l’ordinanza di demolizione delle opere abusive. Contro tale ordinanza la Milani e la Bianco hanno sollevato incidente di esecuzione.

Il giudice De Angelis evidenzia: «Sono decorsi otto anni dal primo provvedimento con cui si ordinava la demolizione delle opere abusivamente realizzate (emesso dall’Utc), cinque dall’ordine di demolizione del giudice e altri due dalla data di irrevocabilità della sentenza di condanna che accertava la realizzazione di opere in difformità dal permesso a costruire in zona sottoposta a vincolo paesaggistico».

E ancora: «Ciò che, ad ogni modo, non consente di revocare o sospendere l’ingiunzione a demolire discende dal fatto che, a fronte di una richiesta di sanatoria, la Soprintendenza ha espresso parere contrario, trattandosi di opere non compatibili con quelle di cui all’art. 167 del decreto legislativo 42/2004. E non si può ritenere che l’ulteriore richiesta, presentata il 10 febbraio 2013, possa avere un esito diverso (risulta unicamente dagli atti che la Soprintendenza abbia chiesto all’Utc di Ostuni l’istruttoria tecnico-paesaggistica, sospendendo la pratica). Dunque non esiste nessun atto amministrativo di sanatoria di revocare l’ordine di demolizione delle opere abusive»

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie