Sabato 23 Marzo 2019 | 07:45

NEWS DALLA SEZIONE

Fino al 25 marzo
Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

 
A brindisi
In un sacco della spazzatura 8kg di marijuana: è mistero

In un sacco della spazzatura 8kg di marijuana: è mistero

 
Nel Brindisino
Graffitaro imbratta 25 pareti a Cisternino, anche pubbliche: denunciato

Graffitaro imbratta 25 pareti a Cisternino, anche pubbliche: denunciato

 
Nel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
Centrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
L'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
Dopo due anni
Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

 
In pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
Al rione Bozzano
Brindisi, disoccupata 20enne salvata mentre tenta lanciarsi dal ponte

Brindisi, disoccupata 20enne salvata mentre tenta lanciarsi dal ponte

 
Denunciato
Carovigno, guida sotto effetto alcol e droga fa incidente e distrugge 4 auto

Carovigno, guida sotto effetto alcol e droga fa incidente e distrugge 4 auto

 

Il Biancorosso

IL REBUS
Come sostituire Hamlili?Le soluzioni di Cornacchini

Come sostituire Hamlili?
Le soluzioni di Cornacchini

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiFino al 25 marzo
Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

 
HomeLa foto
Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a Salve, spara a Salvini»

Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a salve, spara a Salvini»

 
FoggiaDopo i servizi di «Striscia»
Deliceto, percolato della discarica nel fiume: accuse di Regione e Ager

Deliceto, percolato della discarica nel fiume: accuse di Regione e Ager, violato il contratto

 
BariAmbiente
Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi ritiro anche con tessera sanitaria

Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi si ritireranno con tessera sanitaria

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, Arcelor Mittal condannata per comportamento antisindacale

Taranto, AM condannata per comportamento antisindacale. Borraccino: «Sentenza storica»

 
PotenzaEnergia e polemiche
Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

 
BatIl caso
Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

 

Campi vicino Enel Agricoltori chiedono il risarcimento al Tar

BRINDISI – Dieci agricoltori che posseggono o conducono terreni agricoli nelle vicinanze della centrale Enel di Cerano hanno presentato ricorso al Tar di Lecce rivendicando un risarcimento di circa due milioni a carico del Comune di Brindisi in virtù delle conseguenze patite – a quanto affermano - dall’entrata in vigore di un ordinanza di divieto di coltivazione di quelle aree che fu firmata dall’allora sindaco di Brindisi, Domenico Mennitti, nel 2007
Campi vicino Enel Agricoltori chiedono il risarcimento al Tar
BRINDISI – Dieci agricoltori che posseggono o conducono terreni agricoli nelle vicinanze della centrale Enel di Cerano hanno presentato ricorso al Tar di Lecce rivendicando un risarcimento di circa due milioni a carico del Comune di Brindisi in virtù delle conseguenze patite – a quanto affermano - dall’entrata in vigore di un ordinanza di divieto di coltivazione di quelle aree che fu firmata dall’allora sindaco di Brindisi, Domenico Mennitti, nel 2007.

Il provvedimento, su ricorso di Enel Produzione, fu poi annullato dal Tar nel 2009 e non vi fu successiva impugnazione. Il Comune di Brindisi ha deciso di resistere in giudizio per evitare un addebito di circa un milione e 700mila euro che gli imprenditori intendono incassare ritenendo che "l'ordinanza sindacale oltre a causare un danno consistente nella distruzione di tutto il prodotto agricolo dell’anno in corso, al momento della sua adozione, avrebbe cagionato un ulteriore decremento del patrimonio dei ricorrenti, conseguente alla mancata coltivazione delle aree interessate dall’ordinanza per tutto il periodo in cui è rimasto efficace il divieto di coltivazione sino alla notizia dell’annullamento giurisdizionale dell’ordinanza sindacale". Il gruppo degli agricoltori interessati dai divieti è molto più numeroso ed è quasi interamente costituito parte civile contro Enel nel processo per la dispersione di polveri di carbone che si sta svolgendo a Brindisi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400