Lunedì 27 Gennaio 2020 | 05:07

NEWS DALLA SEZIONE

In piazza
Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

 
Una 50enne romena
Ostuni, botte e parolacce alla nonnina 90enne sul girello: in cella badante

Ostuni, botte e parolacce alla nonnina 90enne sul girello: in cella badante

 
Le dichiarazioni
Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

 
L'annuncio
Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

Emiliano a Brindisi: «Enel dismette un gruppo a carbone nella centrale di Cerano»

 
Nel Brindisino
Ceglie Messapica, due cadaveri trovati in una casa: indagano i carabinieri

Ceglie Messapica, trovati morti in casa: si sono uccisi a coltellate dopo una lite

 
Nel Brindisino
Mesagne, manomette contatore e ruba elettricità per 8mila euro: arrestato

Mesagne, manomette contatore e ruba elettricità per 8mila euro: arrestato

 
L'iniziativa
Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

Sos influenza, parte domani da Brindisi il «Vitamina Day»

 
nel brindisino
Ceglie Messapica, in casa pistole, gioielli, quadri e 5mila euro: arrestato

Ceglie Messapica, in casa pistole, gioielli, quadri e 5mila euro: arrestato

 
Il caso
Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

 
Operazione della Polizia
Carovigno, pistola e passamontagna in camera da letto: arrestato 30enne

Carovigno, pistola e passamontagna in camera da letto: arrestato 30enne

 
Nel Brindisino
Fasano, ha il divieto di avvicinamento e incendia auto degli amici dell'ex compagna: arrestato

Fasano, incendiava auto degli amici dell'ex compagna: arrestato stalker

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato. Alle 15 la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatESERCITO
Barletta, tutti di corsa per la "Toro Ten"1.300 partecipano alla gara con le stellette

Barletta, tutti di corsa per la «Toro Ten»
1.300 partecipano alla gara con le stellette

 
HomeLa tragedia
San Severo, muore travolto da auto sulla statale 16

San Severo, muore travolto da auto sulla statale 16

 
HomeAggressione
Bari, autista Amtab picchiato: aveva chiesto a due ragazzi di non fumare sull'autobus

Bari, autista Amtab picchiato: aveva chiesto a due ragazzi di non fumare sull'autobus

 
TarantoL'inchiesta
Taranto, falsi steward allo stadio: chiesto giudizio per 68

Taranto, falsi steward allo stadio: chiesto giudizio per 68

 
BrindisiIn piazza
Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

 
PotenzaCittà europea dello sport 2021
Potenza, quando Donato Sabia ci portò alle Olimpiadi: il video saluto

Potenza, quando Donato Sabia ci portò alle Olimpiadi: il video saluto

 
LecceIl video
San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

 
MateraSolidarietà
«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

 

i più letti

Sono due fasanesi le «menti» di Instature

Enrico Scianaro e Vito Arconzo finalisti al «Luiss Enlabs». L’App creata dai due brindisini rappresenta la nuova frontiera delle applicazioni informatiche. È un sistema che consente di ottenere una foto di un luogo o un evento specifico, anche a grandi distanze
Sono due fasanesi le «menti» di Instature
E’ la nuova frontiera delle applicazioni informatiche. Si chiama “Instature” ed è stata creata da due giovani “menti” brindisine: Enrico Scianaro e Vito Arconzi, entrambi di Fasano. “Instature” è una delle sei “start-up” selezionate per il quinto programma di accelerazione di Luiss Enlabs e proposte per l’investimento a “LVenture Group” per un importo pari a 60mila euro. La mission è quella di supportare le startup nel processo di crescita e sviluppo, per consentire loro di operare con successo nel settore di riferimento; le risorse finanziarie del programma di accelerazione sono fornite, come detto, da LVenture Group, una delle poche società al mondo quotate in Borsa nel settore del Venture Capital.

L’idea è venuta in mente a Scianaro che, da commercialista, si è “trasformato” in “star tupper”, venendo poi affiancato dal concittadino Arconzi. Ma in cosa consiste? Si tratta di una “App” con la quale è possibile inviare una richiesta per ottenere una foto in tempo reale di un luogo specifico del mondo. Una sorta di photo-reporter da portare sempre con sé. Basta, infatti, inviare una richiesta ed Instature invia immediatamente una notifica a tutti gli utenti che vengono geo-localizzati nel luogo di cui si desidera avere un’imma gine. A questo punto, chiunque riceve la notifica o visualizza la richiesta all’interno dell’ap p, può rispondere postando la foto richiesta, ricevendo in cambio una “ricompensa”. E magari apparire sulla prima pagina di un giornale. Come spesso accade, l’idea è arrivata in modo del tutto casuale.

«Ero a casa – racconta Enrico Scianaro - e necessitavo di una foto di un evento che si stava svolgendo a Roma, ma cercando tra i vari social e i diversi motori di ricerca non sono riuscito a trovarla. A quel punto mi sono domandato: perché non creare un sistema che permetta a chiunque di richiedere una foto di un luogo o di un evento specifico anche a centinaia di chilometri di distanza pur non conoscendo nessuno dei presenti?».
La App è nata pensando ai media e alla difficoltà che a volte incontrano nel trovare immagini in tempi rapidi. Con l’applicazione le testate potrebbero disporre di foto-reporter disponibili a qualsiasi ora e in qualsiasi luogo, a un costo molto contenuto. Un giornalismo sempre più partecipato che potrebbe però andare a scapito della professionalità.

«Quando parlo di fotoreporter – afferma Scianaro - intendo chiunque abbia uno smart-phone o un tablet. Per quanto riguarda i professionisti, anche loro potrebbero usare la nostra applicazione per farsi pubblicità». Il processo di acquisizione di materiale mediatico dai social verrebbe ribaltato: non più il giornalista che cerca nella rete, ma la community che si muove in base alle sue richieste. «Noi ce la stiamo mettendo tutta – dicono le due “eccellenze” originarie di Fasano –; in Italia è più difficile, perché ancora in pochi credono in questo tipo di progetti. Noi abbiamo avuto fortuna, adesso ci prepariamo al lancio dell’App previsto a fine settembre, e invitiamo tutti a catturare istanti per far vedere il mondo al mondo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie