Domenica 17 Febbraio 2019 | 08:51

NEWS DALLA SEZIONE

Ai domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
Provoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
Sulla via di San Vito
Brindisi, cc scoprono casolare con 50 africani tra droga e degrado, un arresto

Brindisi, scoperti 50 africani in casolare tra droga e degrado: un arresto

 
La rapina a Brindisi
Brindisi, legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

Legano il portiere dell'hotel Internazionale: caccia a 2 rapinatori

 
Dai cc di Brindisi Casale
Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

Carne conservata male e prodotti proibiti: multato macellaio

 
Il caso
Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

Oria, sequestrati dalla Gdf villa e terreno ad esponente della Scu

 
La rapina
Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

Brindisi, armati di pistola assaltano la Total Erg

 
Sequestrati anche 30 kg di pesce
carabinieri Nas

Latiano, lavavano pesce con acqua contaminata: ristorante sospeso

 
NEL RIONE SANT'ANGELO
Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

Brindisi, 2 fratelli minacciati con la pistola: «I cellulari o sparo»

 
Operazione dei Cc
Carovigno, nel «fortino» 2 quintali di droga: sotto accusa una famiglia

Carovigno, nel «fortino» 2 quintali di droga: sotto accusa una famiglia

 
Lotta alla droga
Carovigno, beccato mentre spacciava cocaina: arrestato 42enne

Carovigno, preso dai Cc 42enne mentre spacciava cocaina

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Truffa del fotovoltaico arrestato un magnate russo

MILANO – Arrestate tre persone, tra cui un magnate russo, per una presunta truffa ai danni dello Stato da circa 37 milioni di euro relativa all’erogazione pubblica nel settore del fotovoltaico. In carcere è finito Igor Akhmerov, titolare della Avelar Energy Ltd, riconducibile al gruppo russo Renova del magnate Viktor Vekselberg, e altre due persone sono state poste ai domiciliari. Avelar Energy ltd, presieduta da Igor Akhmerov, controlla direttamente e indirettamente 16 società italiane proprietarie di numerosi impianti fotovoltaici, dislocati principalmente nelle Regione della Puglia (Altamura, Ostuni, Margherita di Savoia, Cerignola ed altri) e della Basilicata (Matera, Metaponto)
Truffa del fotovoltaico arrestato un magnate russo
MILANO – La Guardia di Finanza di Reggio Emilia ha arrestato tre persone, tra cui un magnate russo, nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Milano su una presunta truffa ai danni dello Stato da circa 37 milioni di euro relativa all’erogazione pubblica nel settore del fotovoltaico. In carcere è finito Igor Akhmerov, titolare della Avelar Energy Ltd, riconducibile al gruppo russo Renova del magnate Viktor Vekselberg, e altre due persone sono state poste ai domiciliari. Gli arresti sono stati eseguiti nei giorni scorsi.  

Le ordinanze di custodia cautelare sono state firmate dal gip di Milano Enrico Manzi su richiesta dei pm Maurizio Ascione e Luca Poniz, titolare delle indagini in cui contestano a vario titolo i reati di associazione per delinquere finalizzata alla truffa e falso.

Le fiamme gialle di Reggio Emilia stanno inoltre eseguendo, sempre su diposizione del giudice, il sequestro preventivo di beni mobili e immobili a otto persone, tant'è il numero totale degli indagati, per 37 milioni equivalente della somma della truffa ipotizzata ai danni del Gestore Servizi Energetici (Gse spa)società totalmente partecipata dal ministero dell’Economia e delle Finanze. Si ipotizza che il denaro sia finito all’estero.

Come si legge in una nota della Gdf, l’indagine nasce in seguito a un controllo fiscale nei confronti della Kerself S.p.A., società reggiana, capofila di un gruppo leader nel settore della realizzazione di impianti fotovoltaici, già quotato in Borsa nel mercato telematico e nel 2008, rilevata dal gruppo svizzero Avelar Energy Ltd riconducibile al colosso russo Renova del magnate Viktor Vekselberg.

In base agli accertamenti Avelar Energy ltd, presieduta da Igor Akhmerov, 49 anni, residente a Zurigo, controlla direttamente e indirettamente 16 società italiane proprietarie di numerosi impianti fotovoltaici, dislocati principalmente nelle Regione della Puglia (Altamura, Ostuni, Margherita di Savoia, Cerignola ed altri) e della Basilicata (Matera, Metaponto), che hanno indebitamente beneficiato tra la fine del 2010 e l’aprile del 2013, di ingenti contributi in conto energia erogati nel settore del fotovoltaico da GSE.

Secondo la ricostruzione della Procura tali società partecipate dalla svizzera Avelar, sarebbero state utilizzate per realizzare impianti fotovoltaici, questa è l’ipotesi, violando le norme vigenti: avrebbero usato pannelli solari di origine cinese facendoli passare, attraverso falsa documentazione, come originari della UE e in particolare come provenienti dalla Polonia (dalla società Revolution 6), sia comunicando a Gse l’avvenuto completamento di impianti prima ancora della loro entrata in esercizio, anche traendo in inganno la società tedesca di certificazione Tuv Intercert Gmbh.

Per questa presunta truffa Akhmerov, arrestato domenica sera a Ventimiglia, ora è detenuto nel carcere milanese di San Vittore, mentre Marco Giorgi e Gianpiero Coppola, amministratori del gruppo Kerself poi Aion Renewables, tra ieri e oggi sono finiti ai domiciliari. Tutti e tre sono già stati interrogati dal gip Manzi: i primi due hanno riposto alle domande, mentre il terzo si è avvalso della facoltà di non rispondere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400