Sabato 23 Marzo 2019 | 07:18

NEWS DALLA SEZIONE

Fino al 25 marzo
Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

 
A brindisi
In un sacco della spazzatura 8kg di marijuana: è mistero

In un sacco della spazzatura 8kg di marijuana: è mistero

 
Nel Brindisino
Graffitaro imbratta 25 pareti a Cisternino, anche pubbliche: denunciato

Graffitaro imbratta 25 pareti a Cisternino, anche pubbliche: denunciato

 
Nel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
Centrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
L'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
Dopo due anni
Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

 
In pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
Al rione Bozzano
Brindisi, disoccupata 20enne salvata mentre tenta lanciarsi dal ponte

Brindisi, disoccupata 20enne salvata mentre tenta lanciarsi dal ponte

 
Denunciato
Carovigno, guida sotto effetto alcol e droga fa incidente e distrugge 4 auto

Carovigno, guida sotto effetto alcol e droga fa incidente e distrugge 4 auto

 

Il Biancorosso

IL REBUS
Come sostituire Hamlili?Le soluzioni di Cornacchini

Come sostituire Hamlili?
Le soluzioni di Cornacchini

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiFino al 25 marzo
Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

Brindisi, atti vandalici in scuola media: resterà chiusa per 4 giorni

 
HomeLa foto
Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a Salve, spara a Salvini»

Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a salve, spara a Salvini»

 
FoggiaDopo i servizi di «Striscia»
Deliceto, percolato della discarica nel fiume: accuse di Regione e Ager

Deliceto, percolato della discarica nel fiume: accuse di Regione e Ager, violato il contratto

 
BariAmbiente
Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi ritiro anche con tessera sanitaria

Sacchetti rifiuti, in 5 comuni baresi si ritireranno con tessera sanitaria

 
TarantoIl siderurgico
Taranto, Arcelor Mittal condannata per comportamento antisindacale

Taranto, AM condannata per comportamento antisindacale. Borraccino: «Sentenza storica»

 
PotenzaEnergia e polemiche
Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

Basilicata, un colpo di coda sull’eolico raddoppiata la potenza

 
BatIl caso
Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

Andria, vertenza Villa Gaia accuse e polemiche a colpi di carte bollate

 

Scioglimento per mafia del Comune di Cellino l'ex sindaco ricorre al Tar

CELLINO SAN MARCO – L'ex sindaco di Cellino San Marco, Francesco Cascione (foto), ha depositato al Tar del Lazio un ricorso contro lo scioglimento del Consiglio comunale per infiltrazioni mafiose disposto lo scorso aprile con decreto del presidente della Repubblica. I legali del sindaco hanno provveduto anche ad impugnare la deliberazione del consiglio dei ministri, le relazioni del ministero dell’ Interno, del prefetto di Brindisi e della commissione di indagine del ministero dell’Interno incaricata con provvedimento prefettizio
Scioglimento per mafia del Comune di Cellino l'ex sindaco ricorre al Tar
CELLINO SAN MARCO (BRINDISI) – L'ex sindaco di Cellino San Marco, Francesco Cascione, ha depositato al Tar del Lazio un ricorso contro lo scioglimento del Consiglio comunale per infiltrazioni mafiose disposto lo scorso aprile con decreto del presidente della Repubblica.
I legali del sindaco, Alessandra Cursi e Giovanni Carlo Pellegrino, hanno provveduto anche ad impugnare la deliberazione del consiglio dei ministri, le relazioni del ministero dell’ Interno, del prefetto di Brindisi e della commissione di indagine del ministero dell’Interno incaricata con provvedimento prefettizio.

Secondo i legali di Cascione "emerge come l’attività di indagine eseguita dai funzionari prefettizi e ministeriali, sul piano sostanziale, sia fondata su un evidente ed ingiustificato credito tributato a malevole fonti anonime per giungere ad una descrizione delle azioni, dei comportamenti e finanche della personalità dei protagonisti della vita politica cittadina, del tutto indimostrata, preconcetta ed irreale, fino ad ipotizzare una gestione della cosa pubblica collusa con la criminalità organizzata". L’istruttoria secondo i legali "si è rivelata carente sotto più profili e le deduzioni tratte dagli elementi esposti nelle relazioni ministeriali e prefettizie costituiscono frettolose supposizioni non idonee a fondare il provvedimento in danno del consiglio comunale di Cellino San Marco, e soprattutto del sindaco ricorrente il quale appare non di rado inopinatamente irriso dalle considerazioni riprovevoli espresse sul suo conto".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400