Giovedì 21 Marzo 2019 | 16:38

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
Centrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
L'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
Dopo due anni
Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

 
In pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
Al rione Bozzano
Brindisi, disoccupata 20enne salvata mentre tenta lanciarsi dal ponte

Brindisi, disoccupata 20enne salvata mentre tenta lanciarsi dal ponte

 
Denunciato
Carovigno, guida sotto effetto alcol e droga fa incidente e distrugge 4 auto

Carovigno, guida sotto effetto alcol e droga fa incidente e distrugge 4 auto

 
Ordinanza del Questore
San Donaci, droga e pregiudicati: chiuso circolo per un mese

San Donaci, droga e pregiudicati: chiuso circolo per un mese

 
Indagano i Cc
Fasano, gli sparano mentre fa la pipì per strada: ferito 40enne

Fasano, gli sparano mentre fa la pipì per strada: ferito 40enne

 
Maltrattamento di animali
Brindisi, trovati 6 cani rinchiusi in auto abbandonata: una denuncia

Brindisi, trovati 6 cani rinchiusi in auto abbandonata: una denuncia

 
Il caso
Brindisi, polizze a prezzi di saldo: una truffa non un affare

Brindisi, polizze a prezzi di saldo: una truffa non un affare

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceDall'8 al 13 aprile
Festival Cinema Europeo, a Lecce Ulivo d'Oro a Nino Frassica

Festival Cinema Europeo, a Lecce Ulivo d'Oro a Nino Frassica

 
BariSubentra a Carmine Esposito
Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

Giuseppe Bisogno è il nuovo questore di Bari: viene da Perugia

 
HomeIl caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 «impresentabili» per l'Antimafia

 
Materail «diplomificio» dello jonio
Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

 
BrindisiNel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
BatAnalisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 
FoggiaCieli aperti
Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

 
TarantoNel tarantino
Castellaneta Marina, sequestrato ristorante sulla spiaggia completamente abusivo

Castellaneta Marina, sequestrato ristorante in spiaggia abusivo

 

Sotto i rifiuti... un’oasi Liberi 23 ettari di costa

di ANTONIO PORTOLANO
BRINDISI - Un «pezzo» bellissimo di Brindisi, sconosciuto ed inaccessibile finora ai più, restituito ai brindisini e non solo, dal momento che su quell’area, potenzialmente potranno sorgere almeno, nelle previsioni, tre stabilimenti balneari. La città potrà finalmente riscoprire l’area - ora definita di interesse storico naturalistico - di Punta Penne-Punta del Serrone. Abbandonata da sempre
Sotto i rifiuti... un’oasi Liberi 23 ettari di costa
ANTONIO PORTOLANO

BRINDISI - Un «pezzo» bellissimo di Brindisi, sconosciuto ed inaccessibile finora ai più, restituito ai brindisini e non solo, dal momento che su quell’area, potenzialmente potranno sorgere almeno, nelle previsioni, tre stabilimenti balneari. La città potrà finalmente riscoprire l’area - ora definita di interesse storico naturalistico - di Punta Penne-Punta del Serrone. Abbandonata da sempre - da quando dopo la fine della seconda guerra molti mondiale i militari non ebbero più interesse a presidiare batterie e casematte in riva al mare - era diventata una delle più grandi discariche a cielo aperto del capoluogo. Un’opera imponente di bonifica durato due anni - iniziato a luglio 2012 e finito ieri - e costato 1,9 milioni di euro ha permesso di liberare e rendere fruibile un tratto di costa grande 22,5 ettari «e 2 ettari di arenile», ci tiene a sottolineare il responsabile unico del procedimento, l’architetto Fabio Lacinio.

Arriva a compimento uno dei progetti portati caparbiamente avanti dal sindaco Mimmo Consales e l’assessore alla Riqualificazione urbana e della costa Pasquale Luperti. «Un lavoro incredibile - dice il sindaco - che si è potuto concretizzare grazie alla sinergia tra enti che ha permesso di superare ostacoli che sembravano insormontabili». Presenti alla inaugurazione dell’area di interesse storico naturalistico c’erano infatti i rappresentanti delle istituzioni che hanno reso possibile il progetto col loro impegno: l’ammiraglio Pasquale Guerra (per la Marina Militare), il comandante della Guardia Costiera Mario Valente e l’ammiraglio Salvatore Giuffrè segretario generale dell’Autorità portuale.

«Dopo decenni di inciviltà il recupero del litorale inizia da qui, potremo utilizzare i manufatti a scopo turistico ricettivi e presto metteremo a gara - attraverso un bando pubblico - la concessione per la realizzazione di tre nuovi stabilimenti. Abbiamo già chiesto un finanziamento di 300 mila euro per il recupero della caletta di Materdomini e 1,5milioni per l’area retrostante a quella già bonificata di Sbitri, il 24 luglio incontreremo l’assessore regionale Angela Barbanente alla quale sottoporremo anche una bozza quasi completa del Pug e il Piano della Costa».

Dopo oltre 50anni i brindisini potranno riappropiarsi di uno «scorcio» di costa di rara bellezza per una passaggiata in riva al mare, un corsa, una pedalata immersi nella natura. Il sito è statyo identificato dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare, oltre che dalla Regione Puglia, tra quelli degradati sui quali era necessario intervenire con azioni di bonifica e ripristino ambientale per via della particolare rilevanza storica, artistica, culturale e paesaggistica. A rendere possibile il riconoscimento che ha permesso la bonifica, il ritrovamento di alcune specie floreali rarissime in Puglia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400